Zalipie, Polonia | Cosa vedere a Zalipie

Cosa vedere a Zalipie, il villaggio ricco di murales e di street art ubicato a breve distanza da Cracovia e dal confine con la Slovacchia. Zalipie è la città delle favole, con abitazioni riccamente decorate con motivi floreali, tradizione nata al termine della Seconda Guerra Mondiale e ideata per nascondere le macchie di fuliggine create dalle rudimentali stufe. Scopriamo cosa vedere a Zalipie, il villaggio dei murales in Polonia.2 min


Cosa vedere a Zalipie

Cosa vedere a Zalipie, Polonia
il villaggio ricco di murales e di street art

icona-articoloZalipie è un coloratissimo villaggio della Polonia meridionale, ubicato a breve distanza da ⇒ Cracovia e dal confine con la Slovacchia. Il villaggio di Zalipie è noto in tutto il mondo per le sue rustiche abitazioni riccamente decorate con motivi floreali e ornamenti di vario genere. Questo piccolissimo borgo conta al suo interno poco più di 700 residenti, tutti anziani e autoctoni del luogo.
Dove le favole diventano realtà, citiamo la frase di Davide, ragazzo veronese ritornato da un lungo viaggio in Polonia. 

Il territorio di Zalipie si caratterizza per la sua fertile pianura, ricca di coltivazioni. Nella storia fu proprio l’agricoltura l’unico motore economico che permise alla comunità residente a Zalipe di svilupparsi. Solo recentemente il villaggio è stato scoperto (e valorizzato) anche in ambito turistico.
Anche i macchinari (prettamente tradizionalisti) presentano le tipiche decorazioni floreali. È una località tranquilla e poco trafficata, ideale per godersi un pomeriggio fuori porta durante un viaggio a Cracovia.

Link-uscita icona Polonia, dai murales ai castelli: questi sono quelli imperdibili

Zalipie e i suoi motivi floreali

Cosa vedere a Zalipie: i murales
Cosa vedere a Zalipie: i murales


È nella semplicità che vi si riserva il lato migliore di Zalipie, nessun manifesto o dipinto di artisti rinomati. Semplicemente le tracce dei residenti che hanno voluto rendere il proprio paese più bello da vedere. Le pitture furono del tutto create in casa, grazie a una ricetta composta da grasso di cottura e tinture naturali

Il motivo per cui si decise di iniziare a decorare gli edifici è strettamente legato alle tecnologie in uso nell’immediato dopoguerra. Con il trascorrere degli anni i bianchissimi edifici man mano iniziarono a scurirsi e a macchiarsi, complice anche l’utilizzo di vecchie stufe.

Cosi si decise di iniziare a decorare le pareti interne della propria abitazione, passando ben presto a ornare anche quelle esterne. L’usanza divenne ben presto una tradizione, tanto che quasi tutti gli abitanti decisero di decorare la propria abitazione. A rendere realtà questo incredibile progetto artistico ricordiamo il nome di Felicja Curylowa, residente di Zalipie, che nel 1965 dipinse l’intera sua abitazione di fiori. Oggi la casa di Felicja Curylowa è un museo.

Più di mezzo secolo più tardi le stufe vennero sostituite con delle ben più moderne caldaie e la fuliggine presto divenne un lontano ricordo. Nonostante l’ammodernamento degli impianti di riscaldamento, la tradizione artistica era diventata uno dei tratti distintivi di Zalipie. 
Si ricorda la prima gara di pittura, indetta nel 1948 per supportare i residenti ai drammi subiti dalla Seconda Guerra Mondiale. Dopo la prima gara ve ne furono molte altre sino ad oggi, in cui i residenti hanno grosse difficoltà a trovare ancora degli spazi bianchi da decorare!

Per raggiungere Zalipie consigliamo di percorrere l’A4, che si imbocca a sud di Cracovia. Si segue la strada per circa un’oretta sino a raggiungere la città di Tarnów, laddove si uscirà e seguirà, dapprima, la strada 975, poi la 973. In una manciata di chilometri, con l’aiuto dei numerosi cartelli, si giungerà direttamente a Zalipie.


 


Like it? Share with your friends!