Winnipeg, il capoluogo di Manitoba

Winnipeg, la città canadese capoluogo di Manitoba. Ecco cosa vedere a Winnipeg, la porta occidentale del Canada

Guida di Winnipeg

icona-articoloProduttività, economia, trasporti, turismo: alla città di Winnipeg non manca nulla e la sua fama in tutto il mondo viaggia sotto il nome di porta dell’ovest, per il collegamento che permette tra l’oriente e l’occidente del Canada.

L’ambiente naturale della città è caratterizzato da una grande ricchezza di acqua. Winnipeg, infatti, sorge sulla confluenza del Red River del Nord e del fiume Assiniboine e nei suoi dintorni si possono ammirare, tra gli altri, il lago Winnipeg, il lago Manitoba ed il lago dei Boschi.

Cosa vedere a Winnipeg

Winnipeg, panorama

Il centro della città di Winnipeg è idealmente segnato dall’incrocio tra Portage e Main, le due vie principali lungo le quali si assiepano grattacieli di vetro ed edifici in pietra e mattoni: un accostamento ben riuscito di architetture urbane storiche e moderne.
E nel reticolato delle vie cittadine, si distingue lo storico quartiere Exchnde District che accoglie il Confederation Life, un grattacielo risalente al 1912, e la British Bank of North America del 1903.

A completare la bellezza del quartiere considerato un vero gioiello cittadino, sono arrivate recentemente gallerie d’arte, ma anche locali notturni e boutiques. Ed ovviamente c’è grande spazio anche per la cultura.

Le attrazioni di Winnipeg

Winnipeg Provencher Bridge

Nel Centennial Center c’è, infatti, la sede del Winnipeg Royal Ballet, della Symphony Orchestra e dell’Opera Company. La storia della città si scopre nelle collezioni custodite nel Manitoba Museum.

In una tipica residenza nobiliare di epoca tardo vittoriana, riccamente arredata con mobili di quel periodo, si trova il Dalnavert National Historic Site. Si tratta di un insieme di tutti i maggiori lussi possibili per l’epoca dal riscaldamento centralizzato all’illuminazione elettrica.
Con la struttura a forma di nave ed oltre 22 mila opere che spaziano dall’epoca romana alle testimonianze del Novecento, passando per una nutrita collezione di arte inuit contemporanea, c’è l’imperdibile Winnipeg Art Gallery.

Dopo la sosta obbligata presso il Provencher Bridge, il ponte pedonale che attraversa il Red River, noto anche come Esplanade Riel, nonché uno dei simboli fotografici della città, si può fare rotta verso Forks, un interessante quartiere di Winnipeg.

Protetto in un’ansa del Winnipeg, il quartiere è stato adeguatamente risanato per essere fruibile ed oggi è diventato un’apprezzata meta di cittadini locali e turisti. Qui ci sono parchi ricchi di alberi, sentieri lungo il fiume e vari servizi.

Dalla parte opposta, invece, sorge la cattedrale di St. Boniface, nata sui resti di una chiesa neo-gotica distrutta da un enorme incendio. Scegliendo le attrazioni più gradite anche Winnipeg si rivela una meta accattivante, pronta a rivelarsi ai suoi visitatori in tutto il suo affascinante splendore.

 

Condividi su: