Condividi su:

Escursione al Vulcano Pichincha, Ecuador

icona-articolo

Noto per le sue eruzioni avvenute alla fine dello scorso secolo, il Pichincha è il vulcano più vicino alla capitale dell’Ecuardor, Quito, posto sul lato occidentale della città.
Sono due le vette principali che caratterizzano questo cratere, la prima è la dormiente Rucu Pichincha e si trova a 4680 metri. La seconda, Guagua Pichincha, è invece ancora più alta, a 4794 metri, ed è invece quella più attiva e tenuta sotto controllo dai vulcanologi della zona.

Gli appassionati di escursioni conoscono bene il Pichincha grazie alle sue viste mozzafiato che rende il trekking da queste parti decisamente attraente.

Trekking sul vulcano Pichincha

Escursione sul vulcano Pichincha

Il percorso inizia a Cruz Loma dove troviamo la funivia più alta del Sud America.
Un viaggio sul TeleferiQo merita sicuramente se non altro per ammirare gli incredibili panorami.
In una giornata di sole sarà piuttosto semplice intravedere gli altri vulcani dell’Ecuador tra cui il noto Cotopaxi, situato a una cinquantina di km dalla capitale e seconda montagna più alta dell’Ecuador, oltre che terzo vulcano più alto al mondo.

OneMag-logo
Quito, cosa vedere nella capitale dell’Ecuador

Come raggiungere il vulcano Pichincha

Una volta arrivati in cima con la teleferica troverete le indicazioni per l’inizio del percorso.
Il primo tratto è piuttosto semplice, grazie al passaggio di migliaia di altri escursionisti che hanno di fatto appiattito l’intera vegetazione.
Proseguendo invece nel percorso il tragitto diventerà più impegnativo e il sentiero, inizialmente ben delineato, sarà sempre più complesso da seguire e non bisogna escludere qualche possibile errore.
Meglio affidarsi alle guide per essere certi di raggiungere la cima senza commettere errori.
L’escursione ha una durata circa di 4 ore e una volta raggiunta la cima avrete modo di rinfrescarvi grazie al piccolo rifugio costruito sul pendio.
Una volta in cima è opportuno ricordarsi che il vulcano è considerato sacro dagli abitanti.
Fu proprio qua, infatti, che Antonio Josè de Sucre, il celebre patriota venezuelano che nonostante la sua nazionalità è considerato eroe nazionale sia in Ecuador che in Bolivia.
Qui il generale, considerato tra gli uomini più fidati di Simon Bolivar, ha condotto la battaglia che condusse l’Ecuador all’indipendenza del dominio spagnolo.

Come organizzare l’escursione al vulcano Pichincha

Escursione sul vulcano Pichincha

Il vulcano è piuttosto vicino a Quito. Dalla capitale sarà semplice partecipare a uno dei tanti tour guidati che avvengono sia a piedi che in bicicletta ma anche in auto.
Naturalmente preparate tutto il necessario per affrontare l’escursione:

  • Magliette e giacche impermeabili per proteggervi da improvvise piogge
  • Pantaloni da trekking con calzini di lana
  • Scarponcini robusti da trekking
  • Cappello di cotone e cappello di lana

Oltre all’indispensabile riserva d’acqua e di cibo, utile portarsi anche della crema solare e occhiali da sole. I bastoncini da trekking si riveleranno davvero utili.
Considerate il trail come una delle escursioni da effettuare dopo aver visitato Quito, ricordandovi che la sua altitudine necessita di tempo prima di potersi adattare.

Quando praticare l’escursione sul vulcano Pichincha

Escursione sul vulcano PichinchaCome già premesso, l’escursione al Pichincha non è adatta ai principianti.
E’ una escursione perfetta per i più allenati tranne nel caso non decidiate di affidarvi a una guida esperta. Anche in questo caso, se sceglierete di affrontarla a piedi o in bicicletta, ricordatevi che rimane una escursione piuttosto impegnativa da affrontare.
Il sentiero è inoltre piuttosto pericoloso, soprattutto in caso di visibilità scarsa.
Occorre fare attenzione ai furti. Se viaggiate soli è uno dei pericoli che più facilmente potreste incontrare, mentre se si è in gruppo il problema è decisamente limitato o assente.
Ricordate infine di non sottovalutare l’altitudine anche se siete escursionisti esperti.
L’ideale è acclimatarsi diversi giorni a Quito prima di partire e di essere certi di non avere problemi di salute. Anche un semplice raffreddore può rivelarsi impegnativo.
Il periodo migliore per salire in cima al Vulcano Pichincha è durante la stagione secca, quindi nei mesi che vanno da giugno ad agosto e da dicembre a febbraio.
L’orario migliore per partire è la mattina presto, da evitare una partenza nella tarda mattinata per evitare d’incontrare prima di salire in cima condizioni climatiche avverse.

 

Condividi su: