Vojvodina, la provincia autonoma della Repubblica di Serbia

La provincia multietnica di Vojvodina è una provincia autonoma della Serbia bagnata dai fiumi, florida di fauna e di flora. Tra le cose da vedere a Vojvodina segnaliamo il Parco Nazionale Fruška Gora, un'area protetta al confine con la Croazia. Tra le cose da visitare a Vojvodina ricordiamo la ricchezza architettonica della zona, fatta soprattutto di monasteri prevalentemente costruiti tra il XV ed il XVIII secolo. Tra le attrazioni di Vojvodina, inoltre, annoveriamo la catena montuosa della Fruška Gora addatta al turismo sportivo. Ecco cosa vedere a Vojvodina.

Guida a Vojvodina, la
Babilonia europea

icona-articoloInsieme al Kosovo, Vojvodina è una provincia autonoma che originariamente faceva parte della Serbia.
La regione, in un territorio di quasi 22 mila chilometri quadrati, ospita numerose etnie che convivono pacificamente ed è divisa in tre regioni: Banat, Bačka e Srem. Una vera Babilonia!

Cosa vedere a Vojvodina

Vojvodina, panorama

Il territorio, a vocazione prevalentemente agricola, era considerato il granaio della ex Jugoslavia. L’immensa pianura Pannonica, che milioni di anni fa era occupata dal mar Pannonico, è una regione molto fertile ed arriva sino ai confini austriaci.

La Vojvodina ha una sistema politico stabile, è benestante ed economicamente indipendente da Belgrado, frenata nella possibilità di un’ulteriore crescita da un retaggio social-comunista che relega le risorse locali al mercato interno.

OneMag-logo
Cosa vedere a Valjevo

Fiumi di Vojvodina

Cosa vedere a Vojvodina

La natura è il richiamo più grande di questa terra attraversata dal fiume Sava, dal medio corso del Danubio e dal basso corso del Tibisco. I tre principali corsi d’acqua tessono tutt’intorno una trama di canali, laghi, prati e aree di vegetazione rigogliosa.

In questo patrimonio naturale è incastonato il Parco Nazionale Fruška Gora, un’area protetta di oltre 25 mila ettari che si estende intorno all’omonima catena montuosa al confine con la Croazia.

OneMag-logo
Subotica, la città serba dalle mille culture

Parco naturale di Vojvodina

Vojvodina, Parco Nazionale

Il parco ospita 1500 specie differenti di piante, alcune delle quali, soprattutto orchidee e ranuncolacee, molto rare e tipiche della regione. Anche la fauna è molto varia e conta numerose specie di volatili, dall’aquila al corvo, oltre rettili e roditori.

Le oasi appositamente create per accogliere queste creature, ospitano il transito e la riproduzione di animali migratori. Particolarmente preziose per la regione sono le api, allevate per la produzione del miele che viene venduto in tutta la Serbia.

OneMag-logo
Belgrado, guida turistica alla capitale della Serbia

La ricchezza architettonica di Vojvodina

L'archittetura di Vojvodina

Accantonando lo spirito bucolico del tour del Parco, ci si imbatte nella ricchezza architettonica della zona, fatta soprattutto di monasteri prevalentemente costruiti tra il XV ed il XVIII secolo. Le costruzioni sono state meta di pellegrinaggi, ma anche rifugi durante le persecuzioni e bastioni di resistenza contro la violenza del potere ottomano.

Originariamente i monasteri erano 35, ma oggi ne rimangono solo 15 e tra  essi quelli di Sisatovac, Novo Hopovo, Vrdnik-Ravanica, Beočin, Privina Glava e Jazak sono stati danneggiati dai bombardamenti della NATO nel 1999, tanto da essere stati inseriti dall’Unesco in un programma di conservazione e protezione.

OneMag-logo
Novi Sad in Serbia, la città e la sua cultura millenaria

Catena montuosa della Fruška Gora

Fruška Gora

La bassa catena montuosa della Fruška Gora offre molti spunti al turismo sportivo. Gli appassionai, infatti, qui possono praticare trekking ed arrampicate, ma anche pesca e caccia. Partendo dal villaggio di Sremski Karlovci, situato sulle sponde del Danubio, si possono effettuare escursioni comprendenti anche la visita dei monasteri.

Scoprire Vojvodina permette di conoscere la realtà di un territorio che continua ad affrancarsi dalla limitazione e dal silenzio per esprimere se stesso al meglio. Imperdibile.

Condividi su: