Condividi su:

Cosa vedere a Vogogna, il borgo medievale
della Val d’Ossola

Tutti gli articoli della provincia Verbano Cusio Ossola
Cosa vedere a Vogogna, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemag

Quasi nel centro della Val d’Ossola, in Piemonte, troviamo Vogogna, piccolo comune di meno di 2.000 abitanti con parte del territorio annesso al Parco Nazionale della Val Grande. In passato capitale dell’Ossola Inferiore, oggi Vogogna è insignito della Bandiera arancione del Touring Club Italiano e annoverato nel circuito dei borghi più belli d’Italia. Il borgo, nella provincia di Verbano Cusio Ossola, è completamente circondato dalle montagne e anche a qualche chilometro dal Lago Maggiore.

Cenni storici

Cosa vedere a Vogogna, centro storico

Le origini del suo nome parrebbero risalire all’epoca dei Galli Agoni, popolo che qua risiedeva prima dell’arrivo dei soldati dell’impero romano. Il suo nome sarebbe quindi attribuibile a Vallis Agonum, ovvero il villaggio degli Agoni. Fino a non molto tempo fa, Vogogna era una meta obbligata se si voleva raggiungere il Passo del Sempione. Oggi la nuova strada statale, la 33, l’ha esclusa dal passaggio ma Vogogna rimane sempre una meta da visitare.

Le prime notizie ufficiali risalgono al 970 d.C quando l’abitato venne citato in una pergamena notarile ma la sua notorietà si vide unicamente a partire da quasi 400 anni dopo. Nel secolo successivo il borgo si unisce con il vicino paese di Pieve Vergonte ma una devastante alluvione la trasforma nel centro politico e amministrativo della Bassa d’Ossola. Sede della giurisdizione dell’Ossola Inferiore, Vogogna si vide gestire i vicini Trontano, Cardezza, Beura e Masero fino al 1818, quando sarà la vicina Ornavasso a prenderne le redini. Oltre a questa importante funzione civile, Vogogna divenne anche strategicamente importante per la sua posizione di unione tra Domosossola e la Svizzera.

Nei secoli tra il XIV e il XVI l’importanza del borgo è arricchita dalla guida dei Visconti e dei Borromei che qui realizzarono varie costruzioni militari. Vogogna iniziò il suo periodo di decadenza con l’arrivo degli spagnoli e degli austriaci in seguito. Nemmeno l’arrivo dei Savoia, da tutti acclamato con grande speranza, la rende invece definitivamente un comune senza alcuna ulteriore importanza storica.

OneMag-logo
Link-uscita icona Villa Taranto, Verbania | Il giardino più bello del mondo in Piemonte

Cosa vedere a Vogogna

Cosa vedere a Vogogna, chiesa

Iniziamo a scoprire le cose da vedere a Vogogna entrando nel suo centro storico, quasi completamente medievale. Al vostro ingresso vi attende il rione San Carlo contornato dalle tante abitazioni risalenti al Settecento. Attraversando l’antica via de Regibus si giungerà proprio nello slargo che un tempo ospitava la Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo, edificio del Cinquecento distrutta nel 1975. A fianco della torre campanaria si adagia la nuova Chiesa del Sacro Cuore di Gesù (📌 indirizzo). Al suo interno, a tre navate, sono presenti affreschi e arredi in legno e marmo, quest’ultimi proprio presenti all’interno dell’edificio religioso andato distrutto.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Domodossola, il borgo medievale della Val d’Ossola

Palazzo Pretorio

Bastano pochi passi per raggiungere la vicina Piazza Pretorio, sede dell’omonimo Palazzo costruito nel 1348 da Giovanni Visconti e oggi sede comunale. Nel porticato un tempo veniva organizzato il mercato settimanale e i comizi pubblici, quelli in cui veniva discusso l’andamento politico e amministrativo. In passato l’edificio, un palazzetto visibile sui quattro lati, era adornato con stemmi e incisioni che vennero però distrutti durante i moti rivoluzionari del 1798. Fino al 1819 qua risiedeva il governo dell’Ossola Inferiore e quindi trasformato in casa comunale.

Al suo interno merita ammirare il Mascherone celtico, tra i reperti archeologici fondamentali della Val d’Ossola. Accanto al Palazzo Pretorio si trova la sede del Parco Nazionale della Val Grande e la piccola Chiesa Santa Marta (📌 indirizzo), una costruzione a navata unica con soffitto a botte del XVI secolo. Merita una rapida visita per ammirare l’altare maggiore e per la rappresentazione del Cristo, contenuta in una teca dell’altare.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Domodossola, il borgo medievale della Val d’Ossola

Castello Visconteo

Cosa vedere a Vogogna, castello

Usciamo dalla Piazza Pretorio per percorrere la via Lossetti e quindi raggiungere la Piazza Camillo. Siamo all’esterno delle mura e qui merita ammirare quella che è la più antica costruzione di tutta Vogogna, la Casa Marchesa, risalente al 1350. Dopo averla superata entriamo in un piccolo vicolo con una lunga scalinata che conduce direttamente al Castello Visconteo.

Costruito nel 1344 sempre da Giovanni Visconti, il Castello Visconteo grazie alla sua posizione sopraelevata domina l’intero centro abitato. La sua storia ricorda come il nucleo originario dovesse essere la torre quadrata con una parte delle mura, in origine poste in modo più arretrato vicino alla montagna e successivamente ampliata per dare una protezione all’intero centro abitato, cresciuto demograficamente. Il Castello aveva naturalmente scopo di protezione di tutta la valle e dopo vari attacchi subiti nel XIV secolo, di cui poche notizie sono pervenute, dal 1798 è di proprietà comunale.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Varzo, il borgo della Val Divedro

Conclusa la vostra passeggiata alla scoperta delle cose da vedere a Vogogna, prendetevi il giusto tempo per provare la tipica gastronomia della zona. Tra le tante preparazioni, merita provare uno dei tanti formaggi o salumi che compongono la cucina tipica. Da provare gli gnocchi all’ossolana, la cui preparazione è con castagne, zucca e patate e servita con formaggio e burro fuso.


 

Condividi su: