Visitare la Medina di Tangeri in Marocco

La Medina di Tangeri, una delle principali località del Marocco, protagonista di molti film e libri. Per accedere alla Medina si attraversa la Piazza Gran Socco, caratterizzata dai Giardini della Mendoubia. Tra le cose da vedere alla Medina di Tangeri segnaliamo la Grande Moschea, l'area fortificata Kasba e il palazzo Dar el-Makhzen. Tra le cose da visitare alla Medina di Tangeri citiamo anche il Musée de la Fondation Lorin, il Tangier American Legation Museum e il mercato più vivace della città, suq. Ecco cosa vedere nella Medina di Tangeri.2 min


0
Visitare la Medina di Tangeri
Condividi su:

La Medina di Tangeri, una delle principali località del Marocco

icona-articoloLa città di Tangeri, in  Marocco, è una delle principali località del paese e conta quasi 1 milione di abitanti.
La città, situata a ridosso dello stretto di Gibilterra, è da secoli uno dei principali luoghi per il traffico marittimo tra Europa e Stati Uniti.

Cosa vedere nella Medina

Tangeri, la Grande Moschea

Uno dei quartieri che senza dubbio affascina maggiormente i turisti, e non solo, è quello della Medina.
I quartieri della Medina, sparsi in tutto il nord Africa, in  Spagna e anche in  Sicilia, in primis il quartiere della Kalsa di Palermo, sono i centri storici cittadini.

Generalmente circondate da cinte murarie, sono attraversati da numerosi vicoli, che creano veri e propri labirinti urbani. I quartieri hanno avuto origine in gran parte grazie agli arabi all’inizio dello scorso secolo ed essendo da sempre i fulcri sociali delle città sono ricchi di palazzi e moschee di alta importanza artistica e storica.

Nella maggior parte dei casi le medine sono chiuse al traffico automobilistico e sempre più spesso le città le rendono esclusivamente pedonali.

OneMag-logo
Cosa vedere a Rabat, la capitale del Marocco

All’interno della Medina di Tangeri

Tangeri, stretto di Gibilterra

La città di Tangeri è stata spesso protagonista di numerosi film e romanzi, spesso girati o ideati all’interno della medina. Oggi la città è estremamente caotica e confusionaria, ma conserva il suo fascino antico.
Differentemente alla quasi totalità delle città, la medina di Tangeri è compatta e densamente popolata, ma comunque contraddistinta dai tipici vicoli labirintici.

Per accedere alla Medina si attraversa la Piazza Gran Socco, caratterizzata dai Giardini della Mendoubia. Una volta oltrepassate le mure ci si trova davanti ad un piccolo suq e alla Grande Moschea.

Il quartiere antico è caratterizzato da un’area fortificata chiamata Kasba, che occupa l’angolo nord-occidentale. All’interno del Kasba è situato il palazzo Dar el-Makhzen, antica residenza di sultani e di governatori europei.
Oggi il palazzo è sede di un centro museale e si accede percorrendo la via della Kasba, ex Rue d’Italie, che contorna l’area occidentale delle mura.

L’intero quartiere si presenta particolarmente vivace durante il pomeriggio e nelle serate le sue viuzze si illuminano, creando uno scenario davvero spettacolare.

OneMag-logo
Cosa vedere a Meknès in Marocco

I musei ed il suq

Tangeri, il mercato

Tra i musei di maggior interesse nella medina di Tangeri  citiamo il Musée de la Fondation Lorin. Situato all’interno di in una vecchia sinagoga espone una collezione di foto in bianco e nero scattate in città.
Anche il Tangier American Legation Museum non è da meno: il Marocco è stato il primo paese a riconoscere i nascenti Stati Uniti d’America nel 1777.
La villa in cui è ospitato il museo è stata la prima proprietà americana all’estero.

Nel cuore della medina è situata la Grande Moschea, costruita sul sito di una cattedrale portoghese, la quale a sua volta si trovava sul territorio di un tempio romano.

Spostandosi nella piazza del Grande Socco è presente il mercato più vivace della città che occupa l’area adiacente all’ingresso della Medina. Qua vengono venduti ogni genere di prodotti, riservando uno spazio speciale agli oggetti artigianali e d’antiquariato. Ed è qui che si può trovare un souvenir originale da portare a casa come il ricordo di un viaggio straordinario.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0