La Medina di Tangeri, una delle principali località del Marocco
Condividi su:

Cosa vedere alla Medina di Tangeri

Tutti gli articoli del Marocco
Cosa vedere Medina di Tangeri, mappa
© Apple Maps

icona-articoloLa città di Tangeri unisce il fascino tipico del Marocco ad altre caratteristiche più tipiche invece delle città europee. La sua vicinanza con la Spagna gli permette di essere una delle città più sicure del paese e velocemente connessa, grazie ai catamarani veloci, alla Spagna con un collegamento diretto tra Tarifa e Tangeri. Una volta raggiunta la storica città ci si renderà da subito conto del suo passato e dei popoli che l’hanno di volta in volta governata. Nei suoi 2.500 anni e oltre di storia qui hanno governato fenici, romani, arabi, portoghesi, inglesi e spagnoli e ognuno di essi ha lasciato il proprio segno sul territorio.

Con quasi 1 milione di abitanti, Tangeri si trova a ridosso dello stretto di Gibilterra, per secoli città contesa proprio per la sua posizione come protagonista del traffico marittimo tra Africa, Europa e USA. Pronti a conoscere cosa visitare nel fulcro della sua città vecchia, la Medina di Tangeri?

 

La Medina di Tangeri

La Medina di Tangeri, la Grande Moschea

La Medina di Tangeri rappresenta il fulcro storico della città e al suo interno è facile perdersi in quello che è un vero e proprio labirinto urbano, un dedalo di strade da percorre senza altro aiuto se non quello del proprio senso di orientamento. Le tante strade ospitano centinaia di negozietti, locali e bancarelle pronte a vendervi qualunque cosa sia di vostro interesse. La Medina di Tangeri è diversa rispetto ad altre città del Marocco, si propone infatti compatta e assolutamente sicura, da visitare senza fretta e senza alcun timore.

Si trova a ridosso del porto ed è estremamente pulita, ricca di gente durante le ore del giorno e gradevole durante le ore serali, quando meno gente e un sistema di illuminazione efficace permette di visitarla ancora più piacevolmente.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Marocco, ecco le tante ragioni per visitarlo

All’interno della Medina di Tangeri

La Medina di Tangeri, veduta

La Medina di Tangeri, viuzze interneTangeri è indubbiamente una città dal suo fascino, protagonista di numerosi film e romanzi, spesso girati o ideati all’interno della medina. Oggi la città è estremamente caotica e confusionaria, ma conserva il suo fascino antico. A differenza delle Medine delle altre città, la Medina di Tangeri è compatta e densamente popolata, ma comunque contraddistinta dai tipici vicoli labirintici.

Per accedervi si attraversa la Piazza Gran Socco, caratterizzata dai Giardini della Mendoubia. Una volta oltrepassate le mure ci si trova davanti ad un piccolo suq e alla Grande Moschea. Il quartiere antico è caratterizzato da un’area fortificata chiamata Kasba, che occupa l’angolo nord-occidentale. All’interno del Kasba è situato il palazzo Dar el-Makhzen, antica residenza di sultani e di governatori europei.
Oggi il palazzo è sede di un centro museale e si accede percorrendo la via della Kasba, ex Rue d’Italie, che contorna l’area occidentale delle mura.

L’intero quartiere si presenta particolarmente vivace durante il pomeriggio e nelle serate le sue viuzze si illuminano, creando uno scenario davvero spettacolare.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le 10 città del Marocco più belle

Piazza Gran Socco

La Medina di Tangeri, Piazza Gran Socco

Il Gran Socco è la piazza dalla forma irregolare che accoglie in ogni ora della giornata un gran numero di visitatori. Il suo vero nome è Piazza 9 Aprile e idealmente qua si colloca il centro geografico della Medina, anche se solo convenzionalmente. Questa è anche la sede del mercato della città organizzato ogni Giovedì e Domenica nel Grand Souk, giornate in cui si riempie di donne pronte a riempire la loro cesta con pesce e altri prodotti freschissimi. Qua vengono anche venduti ogni genere di prodotti, riservando uno spazio speciale agli oggetti artigianali e d’antiquariato. Ed è qui che si può trovare un souvenir originale da portare a casa come il ricordo di un viaggio straordinario.

Il Gran Socco ospita anche la Moschea di Sibi Bou Abib, con il suo minareto policromato e la Chiesa di St. Andrew, con invece dei meravigliosi giardini. Da qui si accede, mediante la porta di Bab Fah, alla Medina.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo Casablanca, la perla del Marocco Orientale

I Musei della Medina di Tangeri

La Medina di Tangeri, museo

 

La Medina di Tangeri è sede anche di tre piccoli musei.

ll Musée de la Fondation Lorin. Situato all’interno di una vecchia sinagoga espone una collezione di foto in bianco e nero scattate in città. Il Musée de la Kasbah è posto nel punto più elevato della Medina nel palazzo in passato sede dell’abitazione del Sultano, oggi istituto museale con vari reperti legati alla storia della città. Il Tangier American Legation Museum è imperdibile essendo la prima proprietà americana al di fuori dei confini nazionali.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Rabat, la capitale del Marocco, dal 2012 parte integrante del Patrimonio dell’Umanità

La Kasbah della Medina di Tangeri

La Medina di Tangeri, ingresso alla Kasbah
Ingresso alla Kasbah

La parte alla della Medina di Tangeri è la Kasbah, la sezione fortificata che aveva lo scopo di proteggere l’intero centro abitato. Completamente circondata da mura, all’interno della Kashab ha sede il vecchio palazzo del Sultano e la tomba di Ibn Battuta, lo storico marocchino considerato uno dei più grandi viaggiatori di tutti i tempi. La Kasbah occupa l’angolo nord occidentale della Medina.

 

Ultimo aggiornamento 24 giugno 2021


 

Condividi su: