Visitare Brno, la seconda città della Repubblica Ceca

Visitare Brno, la seconda città della Repubblica Ceca con un fascino inconfondibile e dalla lunga storia. Conosciamo Brno.

Cosa vedere a Brno, la capitale della Moravia in Repubblica Ceca

Brno è senz’altro una delle città che meglio dipinge lo splendore unico della Repubblica Ceca.
La capitale della Moravia, infatti, ha il grande merito di regalare al turista una cartolina molto evocativa già al primo impatto: un fascino inconfondibile, migliorato da un’architettura gotica e spettrale, che i letterati riassumerebbero in un’unica crasi: fantasmagotica.

E se le lunghe falangi della modernità stanno inglobando tutte le capitali europee fino a farle assomigliare l’una con l’altra, Brno sembra non cadere in facili tentazioni e riesce a conservare senza grossi patemi lo stile più antico e genuino della Repubblica Ceca.

Scopriamo Brno

Brno, Repubblica Ceca

Una volta raggiunta la città più importante della Moravia vi sarà possibile ammirare un mondo nuovo, ma intriso di un fascino antico, finora ancora sconosciuto al grande pubblico. Uno stile unico e inclassificabile, l’esatto equilibrio tra gotico e barocco, dato che Brno è più vicina a Vienna che a Praga.

Ma la città affonda le sue radici in una storia troppo antica per prendere esempio dagli altri: Brno, infatti, può vantare millenni di cultura, dal momento che le prime testimonianze di una civiltà che ha abitato la zona risalgono addirittura al neolitico.

La gastronomia di PragaLa gastronomia della Repubblica Ceca
Cosa si mangia in Repubblica Ceca. Ecco il piccolo viaggio nella gastronomia di Praga e dintorni dal gustoso formaggio fritto ai gnocchi ripieni di frutta.

Cosa vedere a Brno

Brno, piazza

Da allora una lunga storia si insegue sulle strade della Moravia: con la splendida Brno che ringrazia per l’enorme patrimonio artistico lasciato in eredità.

A partire dall’imperiosa cattedrale di Pietro e Paolo, costruita la prima volta nel 1296 ma che ha subito un’infinità di ricostruzioni in stile gotico e in stile barocco, fino a diventare il monumento più bello dell’Europa dell’Est.
Le guglie gemelle a spillo che raggiungono gli 84 metri di altezza, la cattedrale si erge su di un’imponente collina che domina e sovrasta tutta la città.

Bellissime anche la Chiesa di San Giacomo Maggiore, costruita nel 1400 e di evidente stampo gotico; l’Abbazia di San Tommaso, dove Mendel gettò le basi delle sue teorie sulla genetica; la Fortezza dello Spielberg dove Silvio Pellico scrisse il suo capolavoro: Le mie Prigioni.

Scopri di più:

Noto, il barocco siciliano
Nerja, la località balnerare della Costa del Sol

 

Condividi su: