Condividi su:

Cosa vedere a Brno,
la seconda città della Repubblica Ceca

icona-articoloBrno è la seconda città per dimensioni della Repubblica Ceca e capitale della Moravia, la regione geografica che, insieme alla Boemia, compongono il territorio del paese. La piccola Vienna, come viene anche chiamata Brno per il suo fascino inconfondibile, caratterizzato da una architettura gotica che spesso la rende anche particolarmente spettrale, è una città imperdibile, da scoprire se mai visitata fino a oggi.

Brno è una città facilmente esplorabile a piedi, grazie a una dimensione piuttosto contenuta, e sarà facile sorprendersi dai suoi monumenti, le aree verdi e la sua atmosfera che la rendono quasi una capitale europea. Un fascino d’altri tempi, un luogo che si differenzia di parecchio rispetto a Praga in grado di regalare lo stile più antico e genuino della Repubblica Ceca.

Cenni storici

Csa vedere a Brno, mappa della Repubblica Ceca
Mappa di Brno

I primi cenni di Brno risalgono al periodo preistorico anche se le prime notizie ufficiali la ricordano come insediamento fortificato della Grande Moravia.
Con la definitiva chiusura della Grande Moravia, nell’XI secolo, il territorio viene suddiviso in tre differenti principati, ognuno indipendente fra loro ma tutti legati al Regno di Boemia.
I tre principati erano governati da Brno,  Olomouc e Znojmo.
Brno presto divenne la sede della Diocesi cattolica di Moravia, assumendo un ruolo sempre più importante e nel 1243 resa città murata con la concessione di innumerevoli privilegi, primo fra tutti lo status di Città Regia.

Le guerre di Brno

Cosa vedere a Brno, la città vecchia
Brno, la città vecchia

Numerose le guerre che la videro protagonista, come quelle hussite del 1428 e del 1430, dove Brno venne assediata senza però essere mai conquistata.
Durante la Guerra dei Trent’anni Brno divenne sede delle Corti Morave, trasferendole da Olomouc, costantemente assediata dagli svedesi e nel 1642 conquistata e da loro governata per otto anni.
Nel 1643 e in seguito due anni dopo, anche Brno divenne meta delle conquiste svedesi, riuscendo tuttavia a resistere all’attacco e impedire in questo modo l’avanza verso Vienna.

Nuovamente rinforzata nel XVIII secolo, Brno venne attaccata duramente nel 1742 dai prussiani e anche in questo caso riuscì a resistere.

Nel 1805 è il turno delle truppe napoleoniche che proprio alle sue porte combatterono, nel mese di dicembre, la battaglia di Austerlitz. L’assedio, risultato vincente per le truppe francesi, trasformò la fortezza in carcere, dove venne rinchiuso tra gli altri anche Silvio Pellico, insieme a molti altri politici dell’Ungheria.
L’arrivo della rivoluzione industriale trasforma nuovamente Brno, questa volta in una delle città industriali più importanti dell’Austria. Fu al termine del primo conflitto mondiale che la città morava divenne della Cecoslovacchia.
Al termine del conflitto, nel 1918, Brno era perlopiù composta da abitanti di lingua tedesca e l’arrivo del nazismo e la conseguente occupazione tedesca, sterminò la popolazione ebraica.

Nel 1993 la città passò definitivamente alla Repubblica Ceca.

Cosa vedere a Brno

Cosa vedere a Brno, veduta del centro storico
Brno, veduta del centro storico

Raggiunta Brno avrete modo di ammirare una città dal fascino antico, un equilibrio quasi perfetto tra gotico e barocco, dato anche dalla sua posizione geografica, più vicina a Vienna che a Praga.
La sua storia l’ha resa ricca di monumenti e un patrimonio artistico davvero insuperabile.
Ecco le attrazioni da non perdere a Brno.

La cattedrale di Pietro e Paolo

Cosa vedere a Brno, la cattedrale di San Pietro e Paolo
Brno, la cattedrale di San Pietro e Paolo

Tra le cose da vedere a Brno interessante iniziare dalla Cattedrale di Pietro e Paolo, costruita nel 1296 ma più volte riedificata sia in stile gotico che barocco, fino a diventare il monumento più bello dell’Europa dell’Est.
Già in lontananza avrete modo di ammirare le guglie gemelle a spillo che raggiungono gli 84 metri di altezza e valorizzati dalla collina su cui la cattedrale si erge in tutta la sua maestosità.

La collina su cui la Cattedrale di Pietro e Paolo è stata costruita è quella di Petrov.
Inizialmente l’edificio era intitolato a San Pietro e solo nel 1500 anche a San Paolo. La chiesa è stata quasi completamente ricostruita dopo la Guerra dei Trent’anni, dal 1618 e il 1648.
La sua proclamazione a Cattedrale è risalente al 1777, dopo che a Brno venne concessa la sede vescovile.
Al suo interno sono da ammirare gli arredi in stile barocco e le grandi vetrate posizionante nell’abside.

Piazza della Libertà

Cosa vedere a Brno, Piazza della Libertà
Brno, Piazza della Libertà

Proseguiamo la nostra passeggiata per scoprire le cose da vedere a Brno per raggiungere la piazza più antica di Brno, soprannominata Svoboďák, il fulcro della città.
Caratterizzata da una insolita forma triangolare, la piazza era in passato anche il centro commerciale cittadino. Qui si svolgeva infatti il mercato e da qui partono tutte le principali arterie cittadine.

Oggi la Piazza della Libertà è circondata da numerosi edifici, tra cui il Palazzo Klein, una costruzione rinascimentale intitolato alla nota famiglia Klein, proprietaria delle ferriere di Sobotín, edificata nel 1848. Il Palazzo è accessibile al pubblico dal 1997, dopo un lungo periodo di chiusura dovuta a una profonda ristrutturazione.

Sempre in Piazza della Libertà è da visitare anche la Casa dei Quattro Giganti, pregevole edificio costruito nel 1902 che si caratterizza proprio dalla presenza di quattro statue giganti che ne sostengono il peso. Al piano terra dell’edificio ha sede una delle pasticcerie più note di Brno.
Da ammirare, proprio al centro della piazza, la Colonna della peste, costruita nel 1689 in memoria dei tanti deceduti dopo l’epidemia che decimò la popolazione.

La Chiesa di San Giacomo Maggiore

Cosa visitare a Brno, la Chiesa di San Giacomo Maggiore
Brno, la Chiesa di San Giacomo Maggiore

Spostiamoci di pochi passi dalla Piazza della Libertà per raggiungere un’altro degli edifici religiosi fondamentali tra le cose da vedere a Brno.
Siamo infatti di fronte alla Chiesa di San Giacomo Maggiore, costruita nel 1400 sul terreno dove in precedenza sorgeva una chiesa romanica che, dopo essere stata demolita, è stata riedificata in stile gotico.

Nel XIX secolo la sua facciata occidentale è stata completamente ricostruita e alcuni edifici, posti proprio lungo il perimetro della chiesa, sono stati abbattuti.
Tra le ragioni di una visita alla Chiesa di San Giacomo Maggiore di Brno troviamo la presenza di uno storico ossario.

Recenti scavi per la manutenzione dell’edificio hanno permesso infatti di recuperare oltre 50.000 scheletri, le origini dei quali possono essere accreditate tra il 1600 e il 1700. Qui in passato era quindi posizionato un cimitero, probabilmente poi spostato per ragioni di spazio.
Oggi è il secondo ossario più grande d’Europa, superato solamente da Parigi, aperto al pubblico dal 2012.

Villa Tugendhat

Cosa vedere a Brno, Villa Tugendhat
Brno, Villa Tugendhat

Brno ha un unico monumento dichiarato Patrimonio UNESCO.
E’ la Villa Tugendhat, costruita dall’architetto tedesco Ludwig Mies van der Rohe nel 1930 e testimone della nascita di uno stile moderno e all’avanguardia in campo abitativo.

Posizionata nel ricco quartiere Černá Pole, la villa è stata costruita per volere di due  imprenditori tessili, i coniugi Tugendhat.
I due sposi entrarono ad abitarla nel 1930 ma il loro periodo di vita all’interno della futuristica abitazione durò tutto sommato poco. Già nel 1938 furono infatti costretti ad abbandonarla in seguito all’invasione nazista e non vi fecero mai ritorno.

Durante la seconda guerra mondiale la villa venne sequestrata dalle forze militari e dopo la conclusione del conflitto passò di proprietà allo stato cecoslovacco.
E’ possibile visitarla, anche se il numero ristretto d’ingressi prevede una prenotazione anche di lungo termine.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona Il Palazzo dei Commerci di Praga

Il castello Špilberk

Cosa visitare a Brno, il castello Spilberk

Una tra le ragioni principali di una visita a Brno è indubbiamente il castello Spilberk, voluto dal re ceco Premislo Ottocaro II come sede difensiva della città.
Risalente al XIII secolo, il Castello venne particolarmente utilizzato durante la Guerra dei Trent’anni, mentre in seguito venne acquistato dai nobili della Moravia e ceduto alla città, che ne rimase proprietaria fino al 1621. In quell’anno venne sequestrato e restituito ai nobili.

L’ingresso degli invasori francesi fece variare, nel 1783, la destinazione d’uso del castello Spilberk. In quell’anno infatti divenne prima prigione militare e, nel 1820, carcere civile.
Nel 1855 l’imperatore Francesco Giuseppe I trasformò nuovamente il castello in caserma militare, funzione mantenuta fino al 1959.

Nel 1960 il Castello è diventato il Museo della Città di Brno e due anni dopo proclamato monumento nazionale. All’interno dello spazio museale si ha modo di conoscere la storia di Brno e della sua fortezza.

Castello di Veveří

Cosa visitare a Brno, il Castello di Veveri
Brno, il Castello di Veveri

Dopo aver visitato il castello Spilberk siete ora pronti per visitare la seconda fortezza, quella di Veveří, uno dei castelli più antichi della Moravia da inserire tra le cose da vedere a Brno.
Il maniero è posto a breve distanza dalla città su un promontorio roccioso da cui domina anche il fiume Svratka, rendendolo particolarmente suggestivo.

La sua funzione originale era di cascinale e trasformato in castello solo nel XIII secolo mentre l’attuale forma e struttura risale alla seconda metà del XIV secolo, quando divenne anche residenza.
Per lungo periodo il castello di Veveří rimase disabitato, creando vari danni strutturali di rilevante importanza. La fortezza è da diverso tempo in ristrutturazione e quelle visibili sono le aree messe in sicurezza. Interessante visitarlo durante le varie mostre, convegni e concerti qua organizzati.

Il sito web ufficiale del ⇒ castello di Veveri

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona Il castello di Karlstejn, viaggio nella boemia centrale

Il mercato dei cavoli

Cosa visitare a Brno, il mercato dei cavoli, Zelnak
Brno, il mercato dei cavoli, Zelnak

Noto come ‘cabbage market‘ e soprannominato Zelňák, per lungo tempo è stato il mercato dove gli abitanti si recavano per acquistare frutta e verdura.
Nonostante sia uno scorcio interessante di Brno, la vera ragione del nostro interesse è il labirinto sotterraneo, una serie di passaggi e cantine realizzato nel Medioevo.

Raggiungere il mercato dei cavoli, infatti, permette di ammirare una deliziosa piazza, valorizzata da una meravigliosa fontana barocca e con uno dei teatri più antichi d’Europa, la Reduta, dove è possibile ammirare una statua dedicata a Mozart.
Contemporaneamente però l’interesse potrà spostarsi nel sottosuolo dove, unicamente con delle guide autorizzate e con costumi d’epoca, potrete scoprire uno degli angoli più misteriosi di Brno.

La ragione di questo sotterraneo è da ricercarsi nell’attività principale che veniva svolta sopra, nella piazza. Qua infatti i mercanti erano soliti conservare i prodotti alimentari, al riparo sia dalla luce del sole che protetti da eventuali furti.
Non solo: nel sotterraneo era presente anche un antico laboratorio di alchimia che veniva utilizzato dai primi farmacisti della città.

L’accesso avviene percorrendo una scalinata di 212 gradini dove, oltre alle cantine e alle sale già citate, potrete anche visitare una taverna dell’epoca, completamente allestita.
Qualunque sia il vostro interesse, aggiungete lo Zelňák tra le cose da vedere a Brno, avrete modo di apprendere parte della storia medievale della città ma anche quella più contemporanea.
Nel più recente passato erano infatti utilizzati anche come rifugio durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.
L’intero percorso è visitabile dal 2009, anno in cui è stato aperto al pubblico con visite guidate.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona Repubblica Ceca, la terra promessa della birra

Il Vecchio Municipio

Cosa visitare a Brno, il Vecchio Municipio
Brno, il Vecchio Municipio

Torniamo nel centro storico per concludere la nostra visita alle cose da vedere a Brno con uno degli edifici che merita di essere visitato.
Siamo nel
Vecchio Municipio della città che oggi ospita una galleria e una mostra che racconta la sua storia. Merita entrarci soprattutto durante il periodo estivo quando è accessibile la torre di 63 metri e da dove è possibile ammirare una delle meravigliose viste della città.

Si accede attraverso un portale ad arco, anch’esso pregevole di visita per la presenza di due oggetti tipici legati alla città, un coccodrillo e una ruota.
Il Vecchio Municipio è rimasto in funzione come edificio amministrativo della città fino al 1935, quando venne trasferito alla Piazza Dominicana, Dominikánské náměstí.

Cosa mangiare a Brno

La Moravia meridionale e in particolar modo Brno, è protagonista di una variegata cultura gastronomica.
Le cene a Brno si basano principalmente sui piatti di carne, spesso accompagnati da vini rossi della Repubblica Ceca, vengono prediletti alimenti ma semplici ma saporiti, come le salsicce e la carne affumicata.

La Moravia meridionale è inoltre celebre per la produzione di birre e di liquori vari, tra cui il celebre distillato di prugne Slivovice. Eccellenti sono anche le preparazioni liquide, in particolare si cita la peculiare zuppa di crauti, molto diffusa nella periferia della Moravia meridionale.

Quando andare a Brno

Il periodo migliore per visitare Brno è sicuramente durante la stagione estiva.
Da evitare i primi mesi dell’anno, in quanto la temperatura può calare sotto lo zero e le precipitazioni sono frequenti.

L’estate a Brno si presenta prevalentemente soleggiata con temperature che di rado superano i 28 gradi, con un’umidità molto bassa e delle leggere brezze che intiepidiscono le giornate. I mesi di settembre e ottobre si rivelano adatti al turismo a Brno, in quanto il clima non è rigido (temperatura media attorno ai 15 gradi) e la città non è particolarmente affollata.

Meglio evitare anche negli ultimi mesi dell’anno, in quanto la temperatura media non supera i 0° con frequenti precipitazioni.

Come raggiungere Brno

Cosa vedere a Brno, veduta panoramica
Brno, veduta panoramica

La Repubblica Ceca è tra i paesi con la più vasta rete autostradale in Europa, concentrate in gran parte nella regione della Moravia meridionale. Raggiungere Brno è abbastanza semplice da tutte le città maggiori del paese, in quanto è direttamente collegata con 5 arterie stradali principali.

Da Praga raggiungere Brno richiede circa 2 ore in automobile, un tratto lungo approssimativamente 200 chilometri.
Può essere anche raggiunta mediante la ferrovia, in quanto Brno è un nodo ferroviario molto importante in Repubblica Ceca. Brno può risultare anche un’ottima tappa in un viaggio in Austria, in quanto la città dista solamente un paio di ore di treno dalla capitale austriaca di Vienna.

Ultimo aggiornamento: 16 Agosto 2020


 

Condividi su: