Vilnius, cosa vedere nella capitale della Lituania

Vilnius è la capitale della Lituania, ricca di patrimoni UNESCO e di monumenti storici. Tra le cose da vedere a Vilnius citiamo la Cattedrale, tra gli edifici più simbolici della capitale della Lituania, la Chiesa di Sant'Anna, la Chiesa di San Pietro e Paolo e l'università di Vilnius, costruita nel 16° secolo e tra gli atenei più antichi d'Europa. Altre attrazioni imperdibili a Vilnius sono il Palazzo Presidenziale, sede ufficiale del Presidente della Lituana, la Torre di Gediminas, il Museo Nazionale della Lituania, la Collina delle Tre Croci e la Piazza del Municipio. Scopriamo cosa vedere a Vilnius, la capitale della Lituania.

Guida di Vilnius, capitale della Lituania

icona-articoloCosa vedere a Vilnius, Guida turistica di Vilnius, Visitare Vilnius.
Centro storico barocco ben conservato e molto vasto e dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, Vilnius è indubbiamente una delle mete da scoprire.
La capitale della Lituania è un concentrato meraviglioso di edifici barocchi da cui accedere attraverso stradine medievali che si aprono su piccole piazze, spesso nascoste, ed un gran numero di chiese, cattoliche ed ortodosse. Nel solo centro storico sono presenti oltre 30 chiese, un numero davvero importante.

Nel 2009 la capitale della Lituania è stata insignita di Capitale Europea ed è stato il primo grande passo che ha permesso di inserire Vilnius nei circuiti turistici. E’ una città che incuriosisce ed attira i visitatori, desiderosi di scoprire un luogo che colpisce e stupisce.
Posta sul fiume Neris, Vilnius attira per la sua atmosfera speciale.

Cosa vedere a Vilnius

Cosa vedere a Vilnius, centro storico

Una città ospitale e ricca di aspetti architettonici che sorprendono e si fanno apprezzare nella loro valenza artistica.
Vilnius non è infatti solo barocca, è ricca anche di palazzi gotici, classici, rinascimentali ed anche di art nouveau.
A far da cornice allo splendido centro storico, ci sono delle belle colline dalle quali è possibile ammirare i luoghi principali della parte vecchia della città ed avere una visione di insieme del castello, dell’università, della cattedrale e delle viuzze che si rincorrono tra edifici e monasteri.

La Cattedrale di Vilnius

Vilnius, cattedrale

La Basilica dei Santi Stanislao e Vladislao, nota come la Cattedrale di Vilnius, è uno tra gli edifici più simbolici della capitale della Lituania, nonchè una delle attrazioni più visitate.
Siamo nel centro della città, nell’omonima Piazza, e la prima cosa che da subito si noterà è il campanile di 57 metri, la cui altezza suggerisce di prendere visione dell’edificio già da lontano. Nota come Torre di Gedimino, al suo interno ospita un museo e in cima è possibile ammirare un panorama esclusivo della città.

Tra le cose da visitare a Vilnius, la Cattedrale è stata costruita nel 1251 ma nel corso dei secoli è stata più volte restaurata e ricostruita. La sua attuale facciata risale alla fine del XVIII secolo e l’intero edificio è in tipico stile palladiano.
Al suo interno la struttura è ad unica navata con ben 11 cappelle, tra cui anche la Cappella tardo-barocca di San Casimiro, il santo patrono della Lituania. Al suo interno sono da ammirare anche gli affreschi e le varie statue che compongono le varie cappelle.

La Chiesa di Sant’Anna

Vilnius, la Chiesa di Sant'Anna

Altro edificio ecclesiastico da annoverare tra le cose da vedere a Vilnius è la Chiesa di Sant’Anna, realizzata in stile gotico e realizzata nel 1500 su quella che in precedenza era una precedente chiesa in legno.
La particolarità è nella sua struttura, realizzata con oltre 30 tipi di mattoni diversi e con una facciata riccamente decorata da archi gotici. Da non perdere anche  il campanile, in stile neogotico. All’interno sono da ammirare le vetrate colorate e l’altare barocco.
Si trova a pochi minuti a piedi dalla Cattedrale e può rappresentare il perfetto proseguimento tra le cose da visitare a Vilnius.

Chiesa di San Pietro e Paolo

Vilnius, Chiesa di San Pietro e Paolo

Posta sopra la collina che domina il fiume Neris, la Chiesa di San Pietro e Paolo è tra gli edifici religiosi più caratteristici della città. Definito infatti un capolavoro architettonico, la chiesa cattolica di San Pietro e Paolo è nota per i suoi oltre 2000 stucchi realizzati da scultori italiani, oltre alle centinaia di decorazioni e di statue presenti nella chiesa.
La facciata si presenta con un caratteristico color crema e risale ad uno dei rifacimenti, avvenuto nel XVII secolo.
Si trova nella parte a nord-est della città vecchia, a qualche minuto a piedi dalla Cattedrale.

L’università di Vilnius

Vilnius, Università

Uno degli edifici più belli della Lituania, e da inserire tra le cose da vedere a Vilnius, è il complesso universitario, realizzato nel 1579.
Siamo di fronte alla più antica università dell’Europa orientale e durante i suoi oltre 4 secoli di vita diverse sono le vicissitudini, tra cui un periodo di chiusura e di ritorno in attività.
La struttura è imponente ed occupa un intero isolato nella città vecchia e gli edifici che la compongono sono realizzati in diversi stili, dal gotico al barocco.
Sono 12 attualmente le facoltà che compongono l’intero plesso universitario con oltre 20.000 studenti che ogni anno affollano il campus dell’ateneo.
Al suo interno è presente una biblioteca che conserva diverse pubblicazioni storiche e anche la chiesa di San Giovanni, edificio religioso inglobato all’interno del plesso universitario durante una delle diverse espansioni.

Il Palazzo Presidenziale

Vilnius, palazzo Presidenziale

A breve distanza dall’Università troviamo il Palazzo Presidenziale di Vilnius, la sede ufficiale del Presidente della Lituana e, in alcune occasioni, anche la sua residenza.
Le sue origini risalgono al 14° secolo quando l’edificio era chiamato Palazzo Vescovile e dalla sua realizzazione numerosi sono stati gli interventi di ampliamento e di ricostruzione, inserendo anche diversi parchi e giardini. Altrettanto numerosi sono stati i danneggiamenti avvenuti nel corso dei secoli, in special modo durante l’adesione all’impero Russo della Lituania, che diedero il via a numerosi incendi, costringendo ad una quasi completa ricostruzione.
Dopo l’indipendenza del 1918 l’edificio assunse diversi ruoli, da sede del Ministro degli Affari interni fino a diventare sede militare durante la Seconda Guerra Mondiale e, quindi, Palazzo Presidenziale.
Si trova nella magnifica Piazza Daukanto e lo si riconosce per la sua imponenza, caratterizzata da una facciata color crema e da colonnati simmetrici.
Si può visitare unicamente con una visita guidata che comprende anche i giardini sul retro del Palazzo.

Torre di Gediminas

Vilnius, Torre di Gedeminias

Tra le cose da vedere a Vilnius è imperdibile la Torre di Gediminas, il simbolo non solo della città ma di tutto lo stato lituano. E’ l’unica parte rimaste di quello che era il Castello Superiore di Vilnius ed è intitolata al Granduca di Lituania che nel 1300 trasformò la città in capitale del regno.

Posta sulla cima della Collina del Castello, da dove è possibile ammirare un panorama esclusivo del centro cittadino, oggi è sede del Museo Nazionale della Lituania che racconta, tra l’altro, proprio la storia sia del castello che di tutto il periodo medievale che ha caratterizzato la città.
Si trova a circa 15 minuti di passeggiata dalla Cattedrale e può essere anche raggiunta con la funicolare panoramica che la collega al Museo Nazionale della Lituania.

Museo Nazionale della Lituania

Vilnius, Museo Nazionale

In quello che è considerato il museo più grande ed importante della Lituania, il Museo Nazionale conserva al suo interno una serie di reperti collegati alla nascita della città.
L’edificio a due piani che ospita la struttura museale è nota come Nuovo e Vecchio Arsenale e si trova proprio ai piedi della Collina del Castello, da cui parte la funicolare che permette di raggiungere velocemente la Torre di Gediminas.
Nella parte occupata dal Nuovo Arsenale è rappresentata la storia del museo, inagurato a metà del XIX secolo e con esso la storia della Lituania.
Il Vecchio Arsenale permette invece di visitare le sale del Castello Inferiore, al cui interno sono conservati numerosi reperti archeologici, quali ceramiche e vari attrezzi.

La Collina delle Tre Croci

Vilnius, collina delle tre croci

Tra le cose da vedere a Vilnus troviamo la Collina delle Tre Croci, uno dei colli più alti della città dove ha sede un monumento che è tra i più rappresentativi della città.
La leggenda racconta come proprio in questo luogo vennero martirizzati alcuni frati francescani, sette per la precisione, invitati in città per rendere omaggio ad una nobile famiglia di Vilnius, la Goštautai, ma che in realtà trovano unicamente brutali torture, concluse con la loro crocefissione.

Anche se sono raccontate altre leggende sulla storia di questo luogo, quello che con certezza sappiamo è che il sito è diventato meta di pellegrinaggio fin dall’inizio del XVII secolo.
Una volta raggiunto il luogo, dopo una ripida salita di circa 20 minuti, sarete premiati con una delle vedute più singolari di tutta Vilnius. Nel recente passato, durante la Seconda Guerra Mondiale, il monumento venne completamente distrutto e quello che possiamo oggi ammirare è il restauro del 1989.
Tra le cose da vedere a Vilnius, la zona riveste anche particolare fascino in quanto località prescelta come residenza di numerosi pittori e artisti.
Le Tre Croci sono situate su un’alta collina nel Parco Kalnų, nella zona a est del centro storico di Vilnius

La Piazza del Municipio

Vilnius, Piazza del Municipio

Imperdibile tra le cose da vedere a Vilnius una delle piazze più storiche di tutta la città, la Piazza del Municipio.
Qui aveva sede l’intero governo cittadino, con le aule del Tribunale, la tesoreria, la Magistratura ma anche il deposito di armi, oltre che la prigione cittadina, posta nel sottosuolo.
Oggi il Municipio, principale punto di richiamo della piazza, è in stile neoclassico ma nel suo passato era stato realizzato in stile gotico.
Attualmente riveste una sede istituzionale, aperto unicamente durante la visita ufficiale di alte cariche governative o di politici stranieri.
Viene invece spesso utilizzato come sede di eventi culturali, come concerti, festival o presentazione di nuovi libri pubblicati.

Monumenti e edifici storici

Cosa vedere a Vilnius, statua di Frank Zappa

La chiave di lettura dell’anima di Vilnius è che qui sacro e profano si mescolano sinergicamente. La città è l’unica al mondo ad aver dedicato una statua a Frank Zappa, il compositore americano ritenuto da molti un genio musicale del Novecento. Il monumento spicca tra chiese e campanili.

Un bagno di eccentricità è possibile nel quartiere Užupis, ribattezzato la Montmatre di Vilnius. Un quartiere degli artisti, insomma, tutto in stile bohemien, in cui molti artisti si incontrano, espongono le proprie opere e si intrattengono parlando di arte, straordinariamente calati in un’atmosfera un po’ hippie che ha cancellato la memoria di quartiere malfamato che etichettava Užupis quando era popolato di prostitute e tossicodipendenti.

Un altro luogo che merita una visita è la Porta dell’Alba. Nel sedicesimo secolo essa era la via di accesso alla città e chiunque volesse varcarla doveva pagare un pedaggio consistente in pietre. Nulla di stravagante: ogni roccia serviva per la costruzione delle strade.
Poi sull’arco di accesso fu costruita una cappella dedicata alla Vergine Maria, ed ancora oggi la devozione alla Madonna porta i fedeli ad inginocchiarsi per strada di fronte all’immagine, che pare sia miracolosa, di Maria.

Il Museo dell’Ambra

Cosa vedere a Vilnius, Museo dell'Ambra

Una delle maggiori e più affascinanti attrazioni della città, rimane il Museo dell’ambra di Vilnius che custodisce i tesori naturali della zona.
Qui sono conservate gemme vecchie di 50 milioni di anni, gioielli dalla bellezza straordinaria conosciuta anche agli antichi etruschi del centro Italia.

E siccome la curiosità arriva visitando, progettate un lungo soggiorno a Vilnius per non perdere la bellezza assiepata tra tutte le pieghe di una città sorprendente.

OneMag-logo
Siauliai, il pellegrinaggio sulla collina delle Croci

Quando visitare Vilnius

Vilnius, Natale

Il periodo ideale per visitare Vilnius è durante la stagione estiva, seppur molto umida e piovosa.
La stagione invernale è particolarmente rigida, con temperature che facilmente raggiungono i 10 gradi sotto zero tra Dicembre e Febbraio.
Le temperature si intiepidiscono a partire da Aprile, quando la temperatura media si aggira intorno ai 10° C, anche se la stagione turistica a Vilnius inizia a partire da Maggio. E’ in questo mese che le temperature raggiungono picchi di 20°C , sino a Luglio, periodo in cui il clima diventa ideale per visitare la capitale della Lituania, la cui temperatura media durante i pomeriggi soleggiati si aggira intorno ai 30°C.

Nonostante le mezze stagioni siano poco attraenti per il turismo a Vilnius, la città si presenta con numerosi eventi e le principali attrazioni turistiche non avendo un notevole traffico sono facilmente accessibili.

OneMag-logo
Penisola Curlandese, il paradiso dell’estate

Come raggiungere Vilnius dall’Italia

Vilnius, aeroporto

Vilnius in linea d’aria è distante circa 1500 km dalla principale città italiana più vicina, Trieste, e decidendo di raggiungerla in auto bisogna preventivare almeno 24 ore di viaggio.
In alternativa Vilnius dispone di un aeroporto internazionale ben connesso con l’Italia, con voli che partono ogni giorno da Milano e Roma, tragitto che richiede circa 3 ore di viaggio.

OneMag-logo
Gruto Parkas e Druskininka, un viaggio in Lituania

La gastronomia di Vilnius

Vilnius, ristorante

La gastronomia di Vilnius è nota per essere costituita da ingredienti semplici e preparazioni tradizionali, che da decenni, in alcuni casi secoli, vengono preparate nelle tavole di tutta la città ed in tutta la capitale.

La ricetta più rappresentativa della gastronomia di Vilnius è il Cepelinai, una particolare preparazione di gnocchi ripieni con carne e formaggio, solitamente serviti come prima portata. Nella gastronomia di Vilnius inoltre è possibile gustare numerosi elementi tipici della cucina tedesca, come ad esempio le preparazioni a base di stinco di miaiale, salsicce, würstel e patate, quest’ultime spesso realizzate nel tipico sformato apprezzato anche in Italia.
Come portate alternative, la gastronomia di Vilnius propone numerose zuppe, preparate principalmente con ingredienti poveri ma consistenti, come ad esempio le barbabietole, e sostanziose ricette a base di carne, come le costolette, le bistecche e le tanto apprezzate salsicce lituane.

Tra le cose da mangiare a Vilnius citiamo il dolcetto per eccellenza lituano, il budino di mirtilli, spesso servito anche come pietanza per la merenda, in alternativa da non perdere è la zuppa di ciliegie.

 

Condividi su: