Vilnius, cosa vedere nella capitale della Lituania

Vilnius, cosa vedere nella capitale della Lituania


Condividi su:

Guida di Vilnius, capitale della Lituania

Tutti gli articoli della Lituania
Cosa vedere a Vilnius, mappa
© Apple Maps

icona-articoloLa capitale della Lituania, Vilnius, è posta a sud est del Paese, giusto alla congiunzione di due fiumi, il Neris e il Vilnia. Da quest’ultimo la città prende il suo nome, una capitale a misura d’uomo con poco più di mezzo milione di abitanti e centro storico annoverato tra i Patrimoni dell’Umanità UNESCO. Nonostante una forte crescita turistica, grazie anche alla scelta di insignirla di Capitale Europea della Cultura nel 2009, Vilnius rimane una delle città non propriamente inserita nei circuiti turistici europei.

Al vostro arrivo scoprirete da subito come le modeste dimensioni saranno un grande vantaggio, avendo modo di visitare quasi tutto in meno di un weekend. Passeggerete tra innumerevoli edifici barocchi a cui si accede attraversando delle stradine di ciottoli dal sapore medievale, strutture che spesso affacciano su piccole piazze, spesso nascoste, ognuna da scoprire. Preparatevi anche a passeggiare nelle vicinanze di un gran numero di chiese, sia cattoliche che ortodosse. Sono il centro storico ne conserva oltre 30, un numero decisamente elevato per le dimensioni della città.

Non si pensi però che Vilnius sia una città cristallizzata nel suo passato. Tutt’altro, la capitale della Lituania è un concentrato di quartieri allegri e colorati, una città dimora di numerosi artisti che l’hanno scelta proprio per la sua propensione alla gioia, spesso quasi irriverente ma senza mai superare alcun limite. A Vilnius sarà facile passare da edifici storici a quelli più moderni, dalle aree storicamente rilevanti a quelle che invece devono ancora iniziare a raccontare di se. Siamo in quella che è definita la capitale più piacevole del Baltico e quindi non ci rimane altro che iniziare a raccontarvi cosa vedere a Vilnius, sperando di suscitare in voi lo stesso entusiasmo che abbiamo provato visitandola.

Cenni storici

Cosa vedere a Vilnius, veduta notturna
© Flickr – Ph. Flavio Ricci

La città di Vilnius trae le sue origini dall’alto Medioevo, prima abitato da popolazioni locali e via via incrementato con cittadini di origine ebrea, slava e germanica. Il nome con cui era conosciuta nell’antichità è quello di Vilna, capitale del Granducato di Lituania durante il regno di Gediminas, il granduca di Lituania fino al 1341. Qui fece costruire il suo castello, interamente in legno, su una collina della città e da tale residenza invitò i cittadini ebrei e tedeschi appartenenti alla Lega Anseatica a visitare la città.

I diritti di città le arrivarono in realtà molto dopo, nel 1387, anno della costruzione della Cattedrale. In quel periodo Vilnius era abitata prevalentemente da lituani e solo dopo iniziarono a insediarsi mercanti e artigiani di provenienza straniera. Durante il regno di re Sigismondo II di Polonia, nel XVI secolo, si vide la più importante crescita demografica ed economica. La città venne poi conquistata dai russi, periodo in cui Vilnius cadde in decadenza e la popolazione scelse di migrare altrove. La sua storia proseguì con l’annessione alla Polonia, il ritorno alla Russia e quindi con l’invasione da parte dell’esercito di Napoleone.

Nella prima guerra mondiale venne invasa dai tedeschi e, alla conclusione, sia la Polonia che la Lituania ne pretesero il dominio. Furono i polacchi ad invaderla e a mantenerla nel terrtorio fino all’arrivo della seconda guerra mondiale. Nel 1939 i sovietici occuparono la Polonia e Vilnius venne occupata nel 1940, dopo aver già invaso il resto della Lituania. Furono i tedeschi a invaderla nel 1941 e qui fondarono due ghetti per ospitare gli ebrei, suddivisi in base alla loro capacità di lavoro. Gli abili al lavoro, presenti nel ghetto 1, vennero prima messi in attività e quindi uccisi oppure deportati in Estonia o Lettonia. Furono i sovietici a liberare Vilnius nel luglio del 1944.

I sovietici annessero nuovamente la città della Repubblica Socialista Lituana e per lungo tempo la città visse un nuovo periodo di decandenza, anche demografica. I lituani scelsero infatti di trasferisi altrove e nel 1987 iniziarono le prime manifestazioni contro il dominio sovietico. Nel 1990 la Lituania divenne indipendente, nonostante numerose ritorsioni dei sovietici che riconobbe tale indipendenza solo un’anno dopo, nell’agosto del 1991. Vilnius ha saputo trasformarsi in città filo sovietica in città europea moderna, il tutto in meno di una quindicina d’anni. Oggi la città ha ristrutturato i vecchi edifici e dal 2015 è parte dell’Unione Europea.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Penisola Curlandese, il paradiso dell’estate

Cosa vedere a Vilnius

 

Vilnius è tra le città del Baltico con un centro storico tra i meglio conservati in Europa. Nota anche come Perla del Baltico, la capitale lituana è tra le città d’arte da scoprire per rimanere affascinati dalla bellezza dei suoi monumenti e dei suoi edifici storici. Iniziamo a scoprire cosa vedere a Vilnius partendo proprio dal suo nucleo originario, il centro storico che vi permetterà di scoprire, semplicemente passeggiando, l’atmosfera vivace e cosmopolita che si respira da queste parti.

 

Numero 1 (uno) OneMag

Città Vecchia

Cosa vedere a Vilnius, la Città Vecchia

Benvenuti nella famosa Senamiestis di Vilnius, l’affascinante Città Vecchia, l’area più antica della capitale lituana, dal 1994 insignita come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. La Città Vecchia di Vilnius

 

Leggi tutto

 


Numero 2 (due) OneMag

Cattedrale di Vilnius

Cosa vedere a Vilnius, Cattedrale

La Basilica dei Santi Stanislao e Vladislao, nota come la Cattedrale di Vilnius, è uno tra gli edifici più simbolici della capitale della Lituania, nonché una delle attrazioni più visitate…

 

Leggi tutto


Numero 3 (tre) OneMag

Chiesa di Sant’Anna

Cosa vedere a Vilnius, la Chiesa di Sant'Anna

Vilnius custodisce un’opera architettonica assolutamente imperdibile. Parliamo della Chiesa di Sant’Anna, progettata in stile gotico e realizzata nel XVI secolo su quella che in precedenza era una precedente chiesa in legno…

 

Leggi tutto


 

Numero 4 (quattro) OneMag

Il Palazzo Presidenziale

Cosa vedere a Vilnius, il Palazzo Presidenziale

Situato nella più antica area di Vilnius, il Palazzo Presidenziale, in lituano Prezidentūra, è uno dei più iconici edifici della capitale lituana. Adibita come sede ufficiale del Presidente della Lituana e talvolta anche la sua residenza, il Palazzo Presidenziale …

Leggi tutto


Numero cinque (5) OneMag

L’Università

Cosa vedere a Vilnius, Università

Posizionata su un intero isolato della Città Vecchia, l’Università di Vilnius è tra gli edifici più belli e rappresentativi della capitale lituana, realizzati in diversi stili, dal gotico al barocco. L’Università di Vilnius….

Leggi tutto


Numero 6 (sei) onemag

Museo dell’Ambra

Considerato uno dei principali centri espositivi della capitale lituana, il Museo dell’Ambra custodisce alcune delle più antiche gemme rinvenute in Lituania, risalenti anche a oltre 50 milioni di anni fa.

Leggi tutto


Numero 7 (sette) onemag

Torre della Televisione

Inauguata nel 1980, l’altissima torre per le trasmissioni radiotelevisive è diventata una vera icona della città di Vilnius e viene decorata in occasione degli eventi speciali che si svolgono in città…

Leggi tutto

 


Numero 8 (otto) onemagLa Chiesa di San Pietro e Paolo

Cosa vedere a Vilnius, Chiesa di San Pietro e Paolo

Posta sopra la collina che domina il fiume Neris, la Chiesa di San Pietro e Paolo è tra gli edifici religiosi più caratteristici della città. Definito infatti un capolavoro architettonico, la chiesa cattolica di San Pietro e Paolo …

Leggi tutto

 

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Il castello di Trakai, il castello-isola del Lago Galvè

Quando visitare Vilnius

Cosa vedere a Vilnius, Addobbo di Natale

Il periodo ideale per visitare Vilnius è durante la stagione estiva, seppur molto umida e piovosa. La stagione invernale è particolarmente rigida, con temperature che facilmente raggiungono i 10 gradi sotto zero tra Dicembre e Febbraio. Non sono rare le giornate in cui le temperature possono anche raggiungere i -25°C.

Le temperature si intiepidiscono a partire da Aprile, quando la temperatura media si aggira intorno ai 10° C, anche se la stagione turistica a Vilnius inizia a partire da Maggio. E’ in questo mese che le temperature raggiungono picchi di 20°C, sino a Luglio, periodo in cui il clima diventa ideale per visitare la capitale della Lituania, la cui temperatura media durante i pomeriggi soleggiati si aggira intorno ai 30°C.

Nonostante le mezze stagioni siano poco attraenti per il turismo a Vilnius, la città si presenta con numerosi eventi e le principali attrazioni turistiche non avendo un notevole traffico sono facilmente accessibili.

 

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Kaunas, la seconda città della Lituania

Come raggiungere Vilnius dall’Italia

Cosa vedere a Vilnius, aeroporto

Vilnius in linea d’aria è distante circa 1500 km dalla principale città italiana più vicina, Trieste, e decidendo di raggiungerla in auto bisogna preventivare almeno 24 ore di viaggio.

Vilnius dispone di un aeroporto internazionale ben connesso con l’Italia, con voli che partono ogni giorno da Milano e Roma, tragitto che richiede circa 3 ore di viaggio. I voli sono organizzati con Ryainair, Lufthansa, Klm Royal Dutch Airlines e Air France. Una volta atterrati sarete a circa 5 km di distanza dalla zona sud della città e potrete raggiungere il centro cittadino in treno o bus. In caso di arrivo fuori orario è anche possibile prendere un taxi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere nella Sudovia, la storica regione della Lituania

La gastronomia di Vilnius

Cosa vedere a Vilnius, ristorante

La gastronomia di Vilnius è nota per essere costituita da ingredienti semplici e preparazioni tradizionali, che da decenni, in alcuni casi secoli, vengono preparate nelle tavole di tutta la città e in tutta la capitale.

La ricetta più rappresentativa della gastronomia di Vilnius è il Cepelinai, una particolare preparazione di gnocchi ripieni con carne e formaggio, solitamente serviti come prima portata. Nella gastronomia di Vilnius inoltre è possibile gustare numerosi elementi tipici della cucina tedesca, come le preparazioni a base di stinco di maiale, salsicce, würstel e patate, quest’ultime spesso realizzate nel tipico sformato apprezzato anche in Italia.

Come portate alternative, la gastronomia di Vilnius propone numerose zuppe, preparate principalmente con ingredienti poveri ma consistenti, come ad esempio le barbabietole, e sostanziose ricette a base di carne, come le costolette, le bistecche e le tanto apprezzate salsicce lituane.

Tra i dolci citiamo quello per eccellenza lituano, il budino di mirtilli, spesso servito anche come pietanza per la merenda, in alternativa da non perdere è la zuppa di ciliegie.

 

Ultimo aggiornamento 6 novembre 2021


 

Condividi su: