Vieste, la città aggrappata al promontorio

Vieste, la città aggrappata al promontorio nel Gargano, una località che merita di essere visitata per la sua Foresta Umbra, le spiagge e la sua città vecchia.

Cosa vedere a Vieste, Puglia

Icona articolo

Siamo nel promontorio che si protende verso l’Adriatico dove troviamo Vieste, in quello che da tutti è conosciuto come il Gargano. E’ anche una delle città più antiche di tutta la Daunia, l’area in provincia di Foggia che confina con Campania e Molise, ricca di borghi e di terre da scoprire.

Le origini di Vieste non sono però certe, alcune le attribuiscono addirittura a Noè che la scopriì dopo esservi sbarcato per seppellire il nome della moglie, Vesta. Proprio dalla scomparsa parrebbe, infatti, derivare il nome della cittadina pugliese. 

La storia di Vieste

Guida di Vieste

Il territorio venne per primo occupato, intorno all’anno 1000 a.C., dagli illiri. A qualche secolo di distanza venne il turno dei greci che, nel VIII sec. a.C. che si espansero lungo tutta la costa. La genesi di Vieste è probabilmente data da Apenèste, la cittadina progenia in cui veniva venerata la dea Vesta.

Dopo la caduta dell’Impero d’Occidente e dopo un periodo in cui tutto il Gargano venne praticamente abbandonato, sarà il turno dei Longobardi far ritornare in auge Vieste, vista la sua importanza logistica.
Trascorso il tempo della dominazione longobarda, arriva quella dei bizantini che avviarono in zona la produzione ed il commercio di navi, collegandola con le terre di tutto l’Impero.

La Foresta Umbra

Guida di Vieste

Tra le cose da visitare a Vieste e nei suoi dintorni troviamo il principale luogo naturalistico di tutta l’Italia meridionale è dato dalla Foresta Umbra, una serie di specie vegetali ed animali che compongono questo punto incredibile della zona. I suoi tanti faggi, insoliti per l’altitudine in cui ci troviamo, si inseriscono in un contesto di aceri, tassi e incredibili orchidee.
Siamo nel vero polmone del Parco Nazionale del Gargano e da queste parti si viene per passeggiare nei tanti sentieri oppure, ideale, in mountain bike per esplorare ogni angolo, anche i più nascosti.

Da non perdere qua il Museo naturalistico, punto di incontro per coloro che vogliono visitare questo polmone naturale.
Al suo interno avrete modo di visitare anche il museo con anche alcuni animali imbalsamati o la flora del Gargano, particolarmente apprezzabile.

Cosa vedere a Vieste

Guida di Vieste

Non solo mare naturalmente nella cittadina del Gargano. Il suo centro storico è imperdibile grazie ai suoi stretti vicoli che aprono su tipiche case dal colore bianco. Passeggiando in quello che è il fulcro di Vieste troverete il castello, la cui costruzione è avvenuta per volere di Federico II di Svevia e successivamente restaurato dagli Spagnoli nel 1537.

Al suo interno troviamo un piccolo anfiteatro, oggi utilizzato per eventi culturari organizzati dal Comune. Interessante anche la sala delle armi, oggi utilizzata come sala riunioni, e i sotterranei che oggi vengono utilizzati per allestire le varie mostre organizzate durante il periodo estivo.
Sorprende sopratutto la vista che dalle feritoie del castello si può osservare e, altrettanto, la vista del castello dal mare.

Imperdibile la Cattedrale, edificata dai normanni su quello che in passato era un tempio Vesta. La cattedrale, risalente all’XI Secolo, è costruita in stile romanico-pugliese e con una insolita torre che vagamente ricorda il copricapo di un cardinale. All’interno imperdibili i diversi dipinti e il magnifico altare latino. Da ammirare anche la statua raffigurante la Santa Vergine Maria di Merino, a cui la Cattedrale è intitolata.

Accanto alla Cattedrale troverete anche “la Chianca Amara”, una roccia che ricorda come qua sopra furono uccise donne, anziani e bambini da parte del pirata Turco Draguth Rai a seguito di una invasione. Il popolo, nel tentativo di fuggire, si rifugiò nel castello e nella Cattedrale e gli invasori, allo scopo di saccheggiare tutta la città, iniziarono ad uccidere tutti, sopratutto su questa roccia che oggi rappresenta proprio il ricordo di quel tragico giorno.

Una delle peculiarità di Vieste è anche la necropoli La salata, un cimitero risalente al IV-VI secolo d.C. è a 9 km dalla città. Qui all’interno sono presenti una serie di tombe scavate all’interno della parate rocciosa mentre altre sono presenti nel pavimento di questa insolita caverna. La struttura è unicamente visitabile con una visita guidata.

Altra attrazione insolita è data dal Museo Malacologico, una raccolta di conchiglie realizzate dagli appassonati locali. Attualmente l’edificio ospita oltre 12.500 reperti che nel frattempo si è sviluppata con conchiglie di provenienza internazionale, sopratutto dai paesi asiatici.

Le spiagge di Vieste

Guida di Vieste

Indubbiamente Vieste è considerata una perla del Gargano anche per le sue meravigliose spiagge.
Tra queste possiamo citare quella di San Felice, un arco roccioso che funge da ingresso all’omonima baia. La sua spiaggia è privata ed è ad accesso gratuito per gli ospiti del camping che ne detiene la proprietà o, a pagamento, per tutti.

Tra le spiaggie più interessanti troviamo Porto Nuovo, una delle spiagge spesso definita tra le più belle di tutta la zona del Gargano. Qui la peculiarità è di essere una lunga distesa di sabbia, oltre 2,5 km, con una natura quasi incontaminata.
La spiaggia più nota di Vieste è Pizzomunno, conosciuta anche con il nome di Scialara. Qui la sabbia è di un meraviglioso colore biancastro e sul fondo è sempre visibile il simbolo della città, il faraglione di roccia. E’ una spiaggia sopratutto indicata ai bambini, vista la sua graduale discesa.

Merita infine di inserire nell’elenco delle spiagge da visitare a Vieste quella di Vignanotica. Anche qua sono i faraglioni a colpire fin da lontano, rocce che si affacciano meravigliosamente sulle splendide acque che contornano la spiaggia. Qui è il paradiso ideale per tutti gli amanti della ghiaia e per coloro che amano sdraiarsi comodi su lettini e sdraio. E’ una spiaggia non controllata e, anche per questo, sconsigliata alle famiglie con bimbi piccoli.

Scopri di più:

I parchi naturali più belli del Sud Italia
Viaggio tra i castelli italiani
Salento, ecco le spiagge da non perdere assolutamente
Le spiagge più belle di Gallipoli

 

Condividi su: