Viaggio in Egitto, le destinazioni imperdibili

Viaggio in Egitto, le destinazioni imperdibili per scoprire un territorio che non è solo mare e barriera corallina. Ecco cosa non dovete perdervi in un viaggio in Egitto

Egitto, non solo mare e barriera corallina
Ecco i luoghi da non perdere in un viaggio in Egitto

Con le sue sperdute tombe, le imponenti piramidi ed i suggestivi tempi faraonici, l’Egitto riuscirà sicuramente a soddisfare l’esploratore in tutti noi. Basta pensare alla Valle dei Re a Luxor, luogo di sepoltura del faraone Tutankhamon, e ai scintillanti cimeli al Museo Egizio del Cairo.

Imperdibili anche le crociere sul Nilo, perfette per visitare Dendara, Edfu o uno degli altri templi sulla costa del fiume, attraversando il suggestivo Lago Nasser. Qui  si potrà ammirare l’imponente struttura funeraria di Ramses II, ad Abu Simbel.

La costa del Mar Rosso possiede una delle zone più belle del deserto e a pochi metri dalla costa si riuscirà ad ammirare la magnifica barriera corallina, la seconda più importante del mondo, superata solo da quella australiana.

Qualunque sia la ragione del vostro viaggio, l’Egitto è in grado di soddisfarli tutti.
Ecco cosa è indispensabile visitare in un viaggio in questa terra ricca di emozioni.
Benvenuti in Egitto

Piramidi di Giza

Egitto, le piramidi di Giza

Le Piramidi di Giza e l’annessa Sfinge si trovano in cima alla lista dell’itinerario di ogni viaggiatore. Nessuna sorprese, le Piramidi di Giza sono da sempre uno dei siti antichi più visitati del mondo, battute forse solo dai gioielli romani.

Le Piramidi di Giza al giorno d’oggi sicuramente sarebbero state progettate e concluse nel giro di pochi mesi. Ma all’epoca, circa nel 2° millennio a.C, l’Egitto contava unicamente sull’intelligenza degli ingegneri e sulla forza degli schiavi, impiegando anche 20 anni per ogni piramide. Se consideriamo che vennero utilizzati oltre 2 milioni di mattoni giganti in pietra calcarea, con un peso che varia dalle 3 alle 70 tonnellate e che furono trasportare a mano per chilometri, si tratta comunque di una tempistica davvero eccezionale.

Non resta quindi che prenotare il proprio hotel nella tradizionalista ma caotica capitale egiziana ed uscire poco fuori città per ammirare questo gioiello antico, sarà una delle più belle esperienze che si potranno vivere.

Snorkeling nel Mar Rosso

Immersioni nel Mar Rosso

Le coste egiziane del Sinai e del Mar Rosso sono la porta di accesso ad un altro meraviglioso mondo, quello sommerso, in cui ammirare una delle più vivaci faune, quella dei pesci esotici, e uno dei fenomeni geologici più rappresentanti, la barriera corallina.

Chiunque può immergersi ed ammirare le magnifiche scogliere coralline, pesci colorati e anche i relitti, a volte presenti in questo ecosistema unico. Approfittate delle guide locali per visitare, ad esempio, il particolarissimo relitto della nave da carico della Seconda Guerra Mondiale, il Thistlegorm, il relitto più visitato del mondo.

Crociera sul Nilo

Crociera sul Nilo

Il Nilo è stato, ed è, il fulcro vitale dell’Egitto, una vera e propria arteria che percorre l’intero paese, da sud a nord, attraversando alcune delle più interessanti ed eccitanti mete di tutto il paese. La vera atmosfera viene però percepita solo navigandoci, anche perchè alcuni siti storici possono unicamente essere ammirati via barca.

La vela è il modo più lento, rilassante ed autentico per navigare tra le acque dell’imponente Nilo, però anche godersi il magnifico panorama su questi dal ponte di una crociera-hotel multipiano è un’esperienza eccezionale.

Luxor

Luxor

Con la più grande concentrazione di monumenti storici, Luxor è uno dei luoghi più importanti storicamente parlando. Questa località è stata indubbiamente una delle più significative nella storia antica egiziana. Si potrebbero utilizzare intere giornate per camminare attraverso le sale a colonne dei grandi templi sulla riva orientale del Nilo, come il Ramesseum, per non parlare poi della visita nelle tombe dei faraoni nella Valle dei Re.

Guardare il sole sorgere sul Nilo o tramontare dietro le colline di Tebe sono alcuni dei momenti indimenticabili dell’Egitto, un territorio pronto per essere totalmente scoperto nei suoi dettagli più sconosciuti.

Aswan

Aswan. Egitto

Poche cose sono magnifiche come guardare lo splendido tramonto su Aswan, la frontiera dell’antico impero egiziano e l’avamposto più meridionale dell’impero Romano, un luogo a dir poco magico.

È ancora oggi il luogo per accedere alla regione della Nubia, l’area più meridionale del paese, al confine con il Sudan, una località in cui antiche tradizioni si fondono con fedi e culture differenti, una zona particolarmente interessante. La città di Aswan, con circa 200.000 abitanti, è uno dei luoghi più rappresentativi delle magnifiche oasi nel deserto, dove antiche costruzioni si mescolano con altrettanto antichi siti archeologici, dove la rigogliosa flora si unisce armoniosamente con le splendide barche a vela nel fiume.

Uno scorcio paradisiaco in quello che è uno dei territori più aspri del mondo, qua si potrà ammirare il particolarissimo obelisco incompiuto, a 2 chilometri a sud dalla città, anche il Museo Nubiano non è da perdere, un’enorme complesso di 7000 metri quadrati di struttura interna.

Magnifica anche l’isola Elefantina, un luogo quasi del tutto incontaminato in cui alloggiavano i più celebri personaggi dell’Alto Egitto, divenendo infatti capitale di una delle aree più prospere dell’Egitto.

Museo Egizio, Il Cairo

La grandezza e la magnificenza del Museo Egizio è semplicemente travolgente. Oltre 100 aree ed ampie stanze caratterizzando la struttura interna di quello che è uno dei musei più importanti con una delle più importanti collezioni storiche di tutto il mondo.

Qua si possono ammirare la maggior parte dei più affascinanti tesori ritrovati in Egitto, gioielli in oro scintillante, vestiti di Tutankhamon e le mummie dei più grandi faraoni, oltre ai loro animali domestici preferiti.

Oltre a qualche collezione dedicata ad un faraone di preciso, molti degli oggetti esposti nella ampie zone risalgono ad epoche e dinastie differenti dell’impero egiziano, rendendo la visita ulteriormente interessante.

Visitare interamente il gigantesco Museo Egizio richiede diverse ore, se non giorni, è quindi vivamente consigliato di acquistare una visita guidata, l’addetto che vi accompagnerà nelle varie aree sarà notevolmente preparato a farvi conoscere la storia dei cimeli visibili.

I laghi da non perdere in EgittoI laghi da non perdere in Egitto
I laghi da non perdere in Egitto per una modalità di vacanza alternativa. Questi i migliori laghi da non perdere in Egitto.

Continua a leggere

Oasi di Siwa

Oasi di Siwa, Egitto

Per ultima, ma non certo per importanza, è da citare l’Oasi di Siwa, famosa tanto quanto maestosa e remota. Siamo nel cuore del deserto occidentale dell’Egitto e ai margini del Gran Mare di Sabbia, una delle aree più inospitali del paese con oltre 100 km di altissime dune e temperature inclementi.

L’Oasi di Siwa non è solo il luogo in cui Alessandro Magno è venuto per consultare gli dei, ma è anche la località perfetta per rilassarsi e riposarsi dopo aver viaggiato ed esplorato lungo le grandi acque del Nilo.

Parliamo anche di una delle migliori località egizie per le escursioni in mountain bike, grazie ai magnifici sentieri e panorami, ma è il luogo ideale per raggiungere le sorgenti d’acqua calda più importanti del paese e per visitare la costa dei laghi qua presenti.

Scopri di più:

Marsa Matruh, la costa settentrionale dell’Egitto
Egitto, uno dei paesi migliori al mondo per il turismo invernale

 

Condividi su: