Conosciamo Veda Village,
il villaggio vegetariano

icona-articoloSiamo in Russia, a San Pietroburgo. È qui che è in fase di costruzione il primo quartiere per vegetariani d’Europa, nato con un obiettivo ben preciso: vivere e crescere insieme a persone con la medesima idea.

 

Veda Village

Dove si trova Veda Village

Veda Village si trova a 40 minuti dal centro storico della città, a 15 minuti dalla fermata della metropolitana e a 7 minuti dalla fermata del bus. I collegamenti sono quindi semplici e il quartiere risulta ben collegato sia con il centro città che con i principali servizi pur rimanendo del tutto isolati da traffico e smog. Lo slogan è chiaro: Se sei vegetariano sei il benvenuto. Riguardo il concept del quartiere: 9 strutture immerse nel verde con lo stesso stile architettonico che donano quel senso di accoglienza adatto per le famiglie dal lifestyle salutare.

Siamo in una location che predilige un ambiente rurale studiato per reintegrare le energie dopo una giornata di lavoro, il luogo dove respirare aria fresca e sentirsi nel futuro, quello migliore ipotizzato dagli ingegneri del progetto. L’intero complesso è stato costruito secondo le precise leggi del Feng Shui, non si può fumare né bere alcun tipo di alcolico e bisogna avere uno stile di vita sano ed etico per poter vivere in questa comunità.

Una volta concluso l’intero progetto potrà dar casa fino a 210 famiglie, il complesso è costituito da case a quattro piani, ciascuna delle quali ha poco più di 30 appartamenti.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  La storia della Cattedrale di Sant’Isacco San Pietroburgo

Chi può accedere al Veda Village

Per essere ammessi al Veda Village bisogna superare interviste e colloqui severi creati per selezionare i futuri residenti vegetariani.

I residenti scelti potranno vivere in case sostenibili e autosufficienti in termini di energia, acqua, trattamento dei rifiuti e produzione alimentare. Al momento, del complesso residenziale, sono state completati due dei sette condomini.

 

I servizi del Veda Village

Il Villaggio però non va preso come un semplice dormitorio: il progetto mostra l’intenzione di costruire il tutto in linea con la filosofia di pensiero che alimenta il quartiere: ovvero l’Ahimsa, sinonimo di non violenza. E’ il precetto di religioni quali il Buddhismo ma occorre anche avere buoni rapporti con i propri vicini, per sostenersi a vicenda e cooperare”. Facendo in modo, però, che il Veda Village possa unirsi per dare agli altri un buon esempio da seguire, il Giainismo e l’Induismo e saranno parte integrante dell’intero centro.

In futuro troveremo un centro yoga, una palestra, un centro benessere, negozi, asilo nido, una scuola e un ristorante vegetariano.
Saranno resi disponibili anche diversi orti per poter coltivare personalmente la frutta e verdura preferita.

Non si tratta del primo quartiere al mondo del genere: in India già da quasi 20 anni sono iniziati i piani per la costruzione di condomini per vegetariani a Chennai. Anche qui per poter affittare o comprare un appartamento è d’obbligo l’essere un vegetariano rigoroso.

Ultimo aggiornamento 29 agosto 2021