Varna in Bulgaria: il gioiello del Mar Nero | Cosa vedere a Varna, Bulgaria
Varna in Bulgaria: il gioiello del Mar Nero | Cosa vedere a Varna, Bulgaria

Varna, Bulgaria: la terza città della Bulgaria affacciata sul Mar Nero | Cosa vedere a Varna, Bulgaria


Condividi su:

Varna in Bulgaria | Cosa vedere a Varna

Tutti gli articoli della Bulgaria
Mappa di Varna in Bulgaria
Mappa di Varna in Bulgaria

Icona articoloVarna è una delle più importanti città dei Balcani situata lungo la costa occidentale del Mar Nero, in Bulgaria. La costa della Bulgaria rappresenta una delle destinazioni balneari di maggior successo in Europa, superata solo dai paesi affacciati sul Mediterraneo.

I prezzi contenuti, il ricco patrimonio storico e il divertimento garantito hanno reso Varna una meta vacanziera di successo, perfetta per ogni tipologia di turista, da quello più giovane sino alle famiglie più numerose, ma anche per coppie adulte che cercano un luogo dove ringiovanire approfittando del basso costo della vita. La lunga, fantastica, distesa di sabbia dorata che separa il centro storico dal Mar Nero ha valso alla città il soprannome de “La Perla del Mar Nero”.

Tuttavia, Varna è rinomata anche in ambito archeologico: il suo maggior vanto è il cosiddetto “Oro di Varna”. La Necropoli di Varna è uno dei siti archeologici più importanti dei Balcani, luogo di scoperta (avvenuta nel 1972) di ben 294 tombe, molte delle quali arricchite con pregevoli esempi di gioielli e pitture in oro, circa 600 pezzi in tutto, collezione che appunto è nota come l’Oro di Varna.

Situata tra il Lago Belosial e il Lago Varna, da cui prende il nome, la città è la terza per numero di abitanti in Bulgaria (dopo solo Sofia e Plovdiv) ed è anche una delle più antiche dell’Europa orientale. Infatti, grazie agli studi condotti nel corso del XX secolo, si può affermare che furono i greci a fondare la città, circa duemila e cinquecento anni fa. Ecco cosa vedere a Varna, in Bulgaria.

Cenni storici

Gente che passeggia in un viale pedonale a Varna
Gente che passeggia in un viale pedonale a Varna

Come anticipato, furono i greci a fondare il primo insediamento portuale. Tuttavia, le fonti a disposizione affermano che già in epoca neolitica si trovavano i primi villaggi e grandi comunità di persone stanziatosi lungo il litorale del Mar Nero nell’odierna Bulgaria. La Necropoli di Varna, oltre ad aver dato in eredità il ricco Oro di Varna, ha permesso agli archeologi di ritrovare oggetti databili addirittura a 12 mila anni fa.

Il territorio fertile fu il motivo chiave per cui questo sito in particolare riscosse un certo successo anche in epoca paleolitica. Con l’avanzare dei millenni, il territorio iniziò ad accogliere le prime tribù Triciane, che popolarono l’odierna Varna fino alla nascita della città vera e proprio. Verso la fine del VI secolo a.C., il Re Sitalkes unì le tribù, trasformando la già esistente città di Odessos, fondata dai greci, come propria colonia mercantile. L’area divenne una delle più multiculturali dell’epoca in Europa: la Roma, ancora praticamente neonata, era nulla in confronto a questa porzione di territorio, che  accomunava la cultura e le usanze traciane con le tradizioni elleniche della Grecia.

Il notevole valore da centro culturale e mercantile attirò l’attenzione della Roma già fortemente ascesa. L’impero diede a Odessos grandi privilegi, come un’amministrazione indipendente e libertà di commercio. In questo periodo nacquero le prime infrastrutture pubbliche che definirono l’insediamento una città vera e propria, come il primo ginnasio, un teatro, una spessa cinta muraria e le maestose terme. Il cristianesimo divenne la religione ufficiale nel 325 d.C. e con il declino di Roma la città fu conquistata dapprima dai Goti poi dagli Unni, tra il IV e il V secolo d.C.

Il medioevo portò alla gloriosa Odessos il suo odierno nome, Varna, attribuito agli Slavi che si stanziarono nel territorio, unendosi ben preso ai Bulgari. A seguito del periodo Bizantino e quello Bulgaro, la regione fu annessa sotto la superpotenza dell’Impero Ottomano nel 1393. Nel 1444, il 10 novembre, la città fu teatro della famosa e omonima Battaglia di Varna, dove gli Ottomani riuscirono a sconfiggere un’imponente avanzata crociata formata da 30 mila soldati, guidati Ladislaus III di Polonia mentre si preparavano all’imbarco verso Costantinopoli. Per l’intero medioevo la città rimase sotto le veci dell’Impero Ottomano, durante il cui periodo cambiò completamente aspetto, diventando una delle classiche grandi città dal fascino mediorientale.

Il XIX secolo fu fondamentale sia per Varna che per la Bulgaria. Nacque un forte spirito nazionalista e indipendentista che portò nel 1828 a liberarsi dall’Impero Ottomano, dopo un avanzata navale russa, in cui la città fu concessa tra i possedimenti di Nicolai I. Nel giro di pochi anni fu istituita la prima scuola bulgara, primo ponte di passaggio che portò nel 1878 a rendere la Bulgaria un paese completamente indipendente e libero. Dopo il periodo comunista Varna, soprattutto il suo quartiere Sabbie d’oro, trovò grande splendore nell’industria del turismo, divenendo ben presto una delle città più attraenti della Bulgaria e di tutti i Balcani.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Ruse, Bulgaria | Cosa vedere a Ruse, la Little Vienna della Bulgaria

Cosa vedere a Varna | Itinerario di viaggio completo

Cosa vedere a Varna | Itinerario di viaggio completo
Cosa vedere a Varna | Itinerario di viaggio completo

Varna, abbiamo visto, è una città dalle profonde radici antiche. Oggi Varna si presenta con una ricca eredità architettonica e artistica, la quale invoglia a scoprirla nel profondo. Prima tra tutti merita il suo centro storico, composto da un’estesa area pedonale sulla quale si affacciano alcune delle più antiche abitazioni arrivate ai giorni nostri. Uscendo dal centrale nucleo antico, Varna è punteggiata da aree moderne che si mescolano in un tutt’uno con tratti più storici.

In particolare ci riferiamo a Piazza dei Congressi, area di fattura moderna che permette di giungere in spiaggia attraverso a un lungo e monumentale viale alberato. Da qua si diramano anche una fitta rete di strade e vicoli che giungono, a loro volta, in altre piccole piazze. Questa urbanistica si è rivelata efficace, tanto da portare un piccolo insediamento a essere una grande città di grande rilievo nel paese in cui si trova. Interessante è anche la variegata offerta per lo shopping: l’area pedonale del centro storico si presenta ben ricca di negozi ed esercizi commerciali di vario genere, sempre inseriti in un contesto urbano alberato e con tanti spazi verdi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Viaggio in Bulgaria: da Sofia alla città degli Zar

Sabbie d’Oro (Golden Sands)

Sabbie d'Oro (Golden Sands) di Varna
Sabbie d’Oro (Golden Sands) di Varna

La più iconica attrazione di Varna si trova lontano dal centro storico. Parliamo di Golden Sands, Sabbie d’Oro in italiano, una località balneare d’eccellenza appartenente al comune di Varna. Golden Sands è, senza dubbio, la più importante destinazione vacanziera della Bulgaria, un’estesa area completamente dedita al turismo di massa estivo. Ad abbracciare questo grande villaggio turistico si trova la chiave del successo nel turismo internazionale: il suo lungo ed esteso litorale di sabbia dorata. Lungo diversi chilometri, questo litorale è diviso sia in grandi aree libera che in tratti gestiti da stabilimenti balneare che, chi più chi meno, offrono tutti i comfort desiderabili durante la propria permanenza in spiaggia.

Si premette che Golden Sands, nonostante appartenga amministrativamente al comune di Varna, dista ben 18 chilometri dal centro storico. Sebbene in apparenza Sabbie d’Oro possa dare l’impressione di essere una località blanda e priva di attrattive, bisogna subito ricredersi. Si tratta infatti di un villaggio turistico dotato di tutto ciò che può desiderare il visitatore, dai musei sino alle vie dello shopping, a cui si aggiunge una ricchissima offerta d’accoglienza, con hotel e resort di tutti i livelli e adatti a tutte le tasche. Il lungo litorale di 3,5 chilometri è uno dei più belli d’Europa, composto da spiagge pulite e acque cristalline, di tal livello da essere stato premiato con il titolo di Bandiera Blu dalla FEE.

Il meteo è anche un’altra caratteristica che ancor più suggerisce di scegliere Varna e Golden Sands come propria meta vacanziera: la temperatura media in estate si aggira sui 27-28°C, ma con un tasso di umidità abbastanza contenuto e con frequenti brezze che mitigano il clima. L’acqua del mare, invece, si mantiene costante tra i 24 e i 25°C durante l’intero arco dell’anno.

La temperatura stabile del mare ha favorito Golden Sands di diventare anche una meta d’interesse naturalistico. Sono tante infatti le escursioni proposte dalle agenzie e dagli hotel della zona, molte delle quali si concentrano sulle immersioni e sulla fauna ittica. Se si ricerca invece un’attività più avventurosa è bene sapere che sono disponibili anche escursioni come tour in jeep o in barca, viaggi attraverso gli antichi monasteri e attrattive adrenaliniche, come il salto con elastico “bungee jumping” sul Ponte di Asparuhovo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Golden Sands: il gioiello del divertimento bulgaro sulla costa del Mar Nero

Le attrazioni turistiche di Varna

Vista aerea del faro al tramonto a Varna, Bulgaria
Vista aerea del faro al tramonto a Varna, Bulgaria

Ciò che decretò il successo di Varna nell’industria del turismo fu il rinvenimento dei pezzi d’oro nella Necropoli scoperta nel 1972. Con la scoperta di questi inestimabili gioielli dorati Varna riscosse un boom di presenze turistiche senza precedenti in Europa, inaugurando un periodo d’oro per la città e per la regione. Sebbene il turismo fosse già un’industria abbastanza affermata a livello locale, l’arrivo di turisti provenienti da tutta Europa provocò un’immediata esigenza di rendere Varna adatta alla propria tipologia di clientela. Nel giro di pochissimi anni furono inaugurati decine di hotel e centinaia di ristoranti, portando un benessere generale in città e tra gli abitanti, che fino a vent’anni prima si trovavano di fronte a una grave crisi economica.

Il guadagno giunto dal turismo permise al comune di valorizzare il ricco patrimonio artistico e storico della città di Varna, investendo sulla manutenzione delle aree pubbliche e sul restauro degli edifici storici. La Necropoli di Varna è, infatti, solo la prima delle attrazioni che meritano assolutamente di essere visitate. Verosimilmente, merita visitare il Monastero di Aladzha, dove si possono trovare eccellenti esempi di arte rupestre, così come anche la Cattedrale della Vergine, una vera icona per la città. Come abbiamo avuto modo di conoscere, Varna è anche una città importante per le proprie terme, le cui sorgenti sono già note e utilizzate sin dall’epoca romana. Le Terme di Varna si sviluppano per ben 7000 metri e sono a detta di molti le più belle del paese, oltre che le più grandi di tutta la penisola balcanica.

Il centro storico invece presenta tre tratti architettonici ben definiti e risalenti a epoche differenti. La maggior parte del centro città si compone per monumenti ed edifici di fattura ottomana, l’immediata periferia costiera, invece, gode di un ricco patrimonio di edifici e ville in stile liberty, e infine la periferia posta verso l’entroterra ricalca un’impronta chiaramente socialista.

Soprattutto durante la stagione estiva Varna gode di un’atmosfera vivace e multietnica, che l’ha resa anche una delle più importanti città balcaniche in termini artistici, tanto che sarà facile trovare artisti di strada pronti a ritrarvi e a regalarvi un dipinto personalizzato.  Il pubblico più giovane, invece, può scegliere tra una vastissima scelta di club, locali e discoteche, che dal calar del sole fino all’alba offrono divertimento con serate a tema e diversi dj set. Da provare sono i locali dell’Avenue o dell’Exxtravagance, mentre per il divertimento in spiaggia consigliamo di recarsi nelle meno affollate Trakata Beach o Aspurohovo Beach.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Gabrovo, Bulgaria | Cosa vedere nel Gabrovo, Bulgaria Centro Nord

Cosa fare a Varna | Attività d’interesse

Centro città di Varna con molti fuochi d'artificio  di notte
Centro città di Varna con molti fuochi d’artificio di notte

Tante sono anche le cose da fare a Varna. Per iniziare suggeriamo di scegliere una o due giornate a settimana alla rassegna del completo relax, svagandosi in una delle strutture termali e spa delle tante presenti in città. Le cure termali sono note sin dall’epoca termale e per diversi decenni prima della scoperta della Necropoli rappresentavano la principale attrattiva turistica. Terminata la propria sosta nelle calde e calme acque termali consigliamo di visitare lo Zoo di Varna, perfetto soprattutto per chi viaggia in famiglia, dove poter conoscere tanti esemplari di scimmie, tigri e leoni, giusto per citarne alcuni.

Le coppie, i turisti in solitaria e i più adulti possono invece scegliere di vivere una lunga e rigenerante passeggiata alla rassegna dello shopping, tra negozi e bazar vari. A questo punto già avrete avuto modo di conoscere che la città di Varna è una delle più verdi d’Europa, ricca di parchi e giardini in cui potersi riposare e rigenerare, come nel Primorski Park. Una volta usciti dal parco si può ammirare la Torre dell’Orologio, le acque colorate che di notte vengono illuminate creando un bel colpo d’occhio. Infine impossibile non citare il mare di Varna, spesso soggetto a brezze e venti freschi, l’ideale per gli appassionati di surf e windsurf. Inoltre, la lunga spiaggia dorata si presta ad accogliere spesso eventi musicali e feste, in estate si troverà ogni giorno qualcosa di diverso.


Condividi su: