Varallo, il turismo nella Valsesia

Varallo, il turismo nella Valsesia nel borgo rinascimentale piemontese con alcune attrazioni da non perdere e il Sacro Monte. Ecco Varallo.

Cosa vedere a Varallo

Varallo è un comune di 7000 abitanti della provincia di Vercelli, in Piemonte.
Nelle vie di Varallo, per lo più di epoca rinascimentale, la cosa che merita, senza dubbio, di essere visitata è il Palazzo dei Musei di Varallo, che ospita due enti museali differenti.

I musei di Varallo

Il primo di questi è la Pinacoteca.
Questa ospita alcune delle opere d’arte di maggiore spessore dell’epoca rinascimentale. Imperdibili quelle di Gaudenzio Ferrari, importante pittore della metà del millennio scorso, oltre che di tanti altri pittori locali del ‘500.

L’altro, il Museo di Storia Naturale “Pietro Calderini”, conserva diverse raccolte etnografiche, archeologiche e racconta brevemente la storia naturale del mondo.

Le chiese di Varallo

La firma di Gaudenzio Ferrari è presente anche in San Gaudenzio, una chiesa in gran parte settecentesca situata in Piazza Vittorio Emanuele II, piazza principale della città.
Nell’abside dell’edificio si conserva un polittico dell’artista, che raffigura il Matrimonio di S. Caterina. Sempre nel polittico possono essere ammirate altre scene e soggetti religiosi, tra cui le immagini della Madonna. Affascinanti anche le altre figure ornate con il pizzo per cui Varallo è da lungo tempo famosa.

Gaudenzio Ferrari dipinse anche la Santa Maria delle Grazie, del tardo 15° secolo.
Il pittore ornò l’edificio con uno dei capolavori della regione, un ciclo di affreschi in 21 pannelli raffigurante scene della Vita e Passione di Cristo
.

Cosa visitare e fare a SaluzzoCosa vedere a Saluzzo, il borgo piemontese
Cosa vedere a Saluzzo, il borgo piemontese nella provincia di Cuneo caratterizzato da viuzze e palazzi antichi. Ecco Saluzzo.

Continua a leggere

Il Sacro Monte

Dalla chiesa inizia una salita percorribile in una ventina di minuti per il Sacro Monte, raggiungibile anche in auto da Crosa, appena a sud di Varallo.
Il Sacro Monte fu il modello per diversi luoghi sacri similari nel resto d’Italia. Santuari costruiti in cima a un colle o monte e circondati da numerose cappelle piene di affreschi e quadri raffiguranti scene della vita di Cristo o di altre figure religiose.

Intrapreso nel 1486, fu ideato da Bernardino Caimi, un frate francescano di ritorno da un viaggio in Palestina, con l’intento di riprodurre vari siti della Terra Santa e gli episodi religiosi connessi.

Il complesso di cappelle che costruì al di sopra di Varallo divenne noto come “Nuova Gerusalemme”. Il progetto continuò per più di un secolo, mentre ogni cappella si ricopriva a poco a poco di affreschi, dipinti e figure in legno e terracotta dovute a numerosi pittori e scultori, tra cui, fino al 1529, Gaudenzio Ferrari. In tutto vi sono 44 cappelle e un santuario, circa 800 statue a grandezza naturale e 4000 figure dipinte.

Cosa vedere a Varallo, Chiesa San Gaudenzio

Il complesso si suddivide in due aree distinte.
Le cappelle da 1 a 19 sono sparse per il paesaggio nei pressi dell’ingresso.
Le restanti cappelle sono invece raggruppate a formare una “città” intorno alla Piazza del Tempio, sulla cima dell’altura. In tale piazza sorge la Basilica dell’Assunta, una sontuosa creazione barocca costruita tra il 1641 e il 1728, nota per il coro, con 145 figure scolpite e affreschi che rappresentano più di 500 bambini.

Ristorante_iconaDove mangiare a Varallo Sesia

Ristorante Pizzeria La SfingeVia Giuseppe Osella 27, 13019 Varallo
– Trattoria La Lum e Il Cassu – Via Principale 4 | Dietro i campi da tennis, 13019 Varallo
Vecchio Albergo Sacro MonteSacro Monte, 13019 Varallo

 

Icona hotelDove dormire a Varallo Sesia

Albergo ItaliaCorso Roma, 6, 13019 Varallo
Ostello Il Pinocchio – Via Scarognini, 37, 13019 Varallo
Residence Vista Sesia – Piazza Giulio Cortese 1, 13019 Varallo


Scopri di più:

Asti, visitare la città dell’enogastronomia
Cosa vedere e fare a Valtournenche

 

Condividi su: