Valle d’Aosta

 


La provincia della Valle d’Aosta

Aosta


La Valle d’Aosta è la più piccola regione d’Italia posizionata al confine tra Francia e Svizzera. La regione è una nota meta sciistica e numerose sono le montagne qua presenti, alcune tra le più alte in assoluto del paese. Il Monte Bianco è la montagna più alta delle Alpi, con i suoi 4.809 metri di altitudine ma nel territorio sono diverse le cime superiori ai 3.000 metri con una altitudine media che supera i 2.100 metri. Tra le altre cime più note si ricorda il Monte Rosa, 4.634 metri di altitudine, dove hanno sede numerose località turistiche, tra cui Gressoney e Ayas. Altra cima di tutto rispetto è quella del Monte Cervino, 4.478 metri, riconoscibile per la sua forma a piramide piuttosto accentuata. Nei suoi dintorni ha sede Valtournenche che insieme a Breuil-Cervinia rappresentano le località turistiche più note. Tra le tante località turistiche che meritano essere visitate in Valle d’Aosta, Courmayer ricopre un ruolo da protagonista, tra le più importanti stazioni sciistiche della regione.

L’immagine più tipica della Val d’Aosta è naturalmente proprio quella delle piste da sci, oltre che di Courmayeur anche di Cervinia o Pila, tutte mete considerate primarie per lo sport invernale. Ovunque si pratica, oltre lo sci, anche il pattinaggio sul ghiaccio e lo snowboard, solo due tra le tante attività da praticare all’aria aperta. La regione risulta ottima da visitare anche in estate quando gli sport si trasformano per adattarsi alla stagione più calda. E’ il periodo in cui praticare, tra gli altri, equitazione e alpinismo senza però dimenticarsi del rafting e delle escursioni, talvolta anticipate da una bella pedalata in mountain bike. I più avventurosi potranno invece scegliere di divertirsi praticando parapendio, deltaplano ma anche paracadutismo, pratiche sportive sempre più in crescita.

Terra sostanzialmente bilingue, la Valle d’Aosta è una terra dove si respira già l’aria della vicina Francia a cui si arriva percorrendo due dei tunnel più moderni, quello del Monte Bianco e del Gran San Bernardo, sfruttati anche per raggiungere la confinante Svizzera. Grazie a questi due collegamenti, Aosta è diventata a tutti gli effetti un capoluogo di regione sempre più cosmopolita, raggiungibile in breve tempo da entrambe le vicine nazioni. Il capoluogo è perfetto da visitare anche per fare un viaggio nella storia, quella che la ricorda come antica città romana, dove possiamo ancora oggi ammirare numerose opere costruite durante il tempo dell’Impero. Meritano una visita sia la Porta Praetoria che l’Arco di Augusto, entrambe racchiuse all’interno di una cinta muraria eretta all’epoca come primaria forma di difesa.

Mappa della Valle d'AostaIl turismo della Valle d’Aosta è anche improntato alla visita dei castelli, quasi un centinaio di edifici che ricordano la struttura militare del territorio. Merita una visita uno tra i più importanti manieri, il Castello di Fénis, conosciuto oltre che le dimensioni anche per la sua architettura, sede abitativa della nota famiglia Challant. Merita allungare il percorso per visitare anche il Castello di Issogne, di Sarre e di Ussel, solo per citare i più noti. Passeggiare lungo le mura dei castelli della Val d’Aosta permetterà anche di comprendere la storia medievale della città, un concentrato unico che unito alla storia romana regala momenti unici tra storia e fascino.

Per conoscere a fondo la tradizione tipica della Valle d’Aosta prenotate un viaggio verso la fine di gennaio quando, oltre alle attività sportive, potrete visitare la Fiera di Sant’Orso, evento che richiama turisti da tutta Europa. Durante la fiera avrete modo di ammirare i tanti personaggi vestiti in costume e i tanti artigiani pronti a mostrarvi le loro creazioni, realizzate in legno ma anche in cuoio e preparazioni perfette per il freddo inverno, realizzate con la lana. A conclusione della vostra giornata di divertimento spostatevi da Aosta per raggiungere le due principali località termali della regione, Pré-Saint-Didier e Saint Vincent, quest’ultima nota come la Riviera delle Alpi per la sua centenaria vocazione turistica.

Non lasciate la regione senza aver provato l’enogastronomia del luogo, un connubio perfetto tra cibo e vino che gli ha permesso di essere inserita nel circuito della strada dei vini, un percorso dove il visitatore potrà non solo provare gli inebrianti vini di montagna ma dove potrà scoprire anche molte curiosità sul territorio. Proprio gli esperti enologi e i semplici degustatori, potranno provare alcune delle tipiche bottiglie qua prodotte come il Blanc de Morgex et de la Salle oppure il Nus Rouge, un vino rosso elegante e dal sapore fruttato. Per concludere qualsiasi pasto non fatevi mancare un bicchierino del tipico liquore d’erbe Genepy.

A livello gastronomico la Valle d’Aosta è una regione dai sapori robusti, materie prime genuine che ricordano l’antica attività qua praticata. La carne è ovviamente uno tra i piatti più cucinati come nel caso della carbonada, uno stufato di carne preparato proprio nel vino. Gli appassionati di salumi potranno scegliere il prosciutto di Bosses, un prosciutto di montagna che rientra tra le eccellenze gastronomiche della regione, prodotta in quantità limitata a Saint-Rhémy-en-Bosses. Imperdibile anche il lardo d’Arnad, un prodotto DOP prodotto dopo essere stato stagionato con sale e spezie che oltre a pregiarsi di essere l’unico lardo in Europa con la dicitura di Denominazione di Origine Protetta, viene festeggiato con un evento tradizionale in grado di richiamare ogni anno a fine agosto oltre 50.000 visitatori da tutta Europa. Da gustare assolutamente anche i deliziosi formaggi, come la Fontina DOP e anche il Valle d’Aosta Fromadzo DOP, oltre alla Toma di Gressoney e i tanti formaggi di capra.