Val d’Ayas, Aosta | Cosa vedere nella Val d’Ayas, Valle d’Aosta

Cosa vedere nella Val d'Ayas, la grande vallata in Valle d'Aosta, ubicata nella sponda sinistra della Dora Baltea, laddove è possibile godere di esclusivi panorami sul Monte Rosa e di lunghi sentieri escursionistici che si inerpicano in lungo e in largo per l'intero territorio. Tra i principali comuni della Val d'Ayas citiamo il suo capoluogo, Ayas, frammentato in numerose micro località, Brusson, centro nevralgico per le attività escursionistiche, Verrés, caratterizzato dal suo castello medievale, Challand-Saint-Victor e Challand-Saint-Anselme, da non confondersi a vicenda. Ecco cosa vedere nella Val d'Ayas, in Valle d'Aosta.3 min


Cosa vedere nella Val d'Ayas

Cosa vedere nella Val d’Ayas, Valle d’Aosta

Icona articolo

Sulla sponda sinistra della Dora Baltea, nella Bassa Vallée, troviamo la Val d’Ayas, una delle valli che gode dei panorami più esclusivi sul Monte Rosa.
Siamo nel cuore della Val d’Aosta, una meta che in estate accoglie i tanti escursionisti pronti, oltre a fare trekking, a muoversi in mountain bike o a praticare alpinismo, trail running e anche yoga e tutte le attività all’aria aperta.
In inverno è naturalmente lo sci a regnare su tutto il territorio, centinaia di km di piste appartenenti al comprensorio Monterosa Ski, raggiungendo anche i confini con il vicino Piemonte.

La Val d’Ayas è anche perfetta per gli amanti del mangiare bene, del divertimento, dello shopping. La sua storia la ricorda via commerciale tra il Vallese, nella Svizzera, alla Pianura Padana, periodo in cui la valle sempreverde è stata contrassegnata dal dominio dei Walser e anche della casata dei Challant, a cui oggi si devono alcuni tra i numerosi castelli della zona.
Pronti a scoprire i comuni che popolano la Val d’Ayas?

Scopriamo la Val d’Ayas

Numero 1 (uno) OneMagVerrès

Cosa vedere nella Val d'Ayas
La prima destinazione nella Val d’Ayas è la splendida Verrès. Ci troviamo nell’area sud-orientale della vallata, laddove si sviluppa il torrente Evancon, che confluisce nella Dora Baltea. 

Verrés è di ridotte dimensioni, cosi come per tutti i comuni della Val d’Ayas. Il suo simbolo più importante è il castello medievale, arroccato sulla cima di un piccolo altopiano, e il centro abitato si caratterizza per il torrente.
Gli unici rumori a Verrés sono il trascorrere dell’acqua, il cinguettio degli uccelli e il vento che sfruscia sulle foglie. È una destinazione rigenerante, ideale per tutti le persone alla ricerca del completo relax. Tuttavia l’atmosfera si trasforma totalmente durante la celebrazione del Carnevale storico, uno dei più vivaci nel Nord Italia.

Numero 2 (due) OneMag

Challand-Saint-Victor

Challand-Saint-Victor


Proseguiamo il nostro viaggio nella Val d’Ayas presso Challand-Saint-Victor, frammentato in numerosi centri abitativi e ubicato a ben 765 metri sul livello del mare.

Challand-Saint-Victor si caratterizza per il suo microclima secco e temperato. Gli altopiani che contornano la località bloccano i forti venti, fattore che permette cosi di godere di un clima ben più favorevole che nelle altre vicine località.
Challand-Saint-Victor è attraversata da due antichi canali irrigui, rispettivamente il Ru d’Arlaz e il Ru Herbal, di grande importanza per l’economia locale. Le sue origini sono legate ai Conti di Challant, nobili e ricchi, che possedettero il territorio per primi.

Numero 3 (tre) OneMag

Challand-Saint-Anselme

Challand-Saint-Anselme


Challand-Saint-Anselme è il secondo comune che si incontra risalente verso la Val d’Ayas. Da non confondere con il precedente centro abitativo, Challand Saint-Anselme si trova a oltre 1000 metri di altitudine ed è caratterizzato da uno degli scenari naturalistici più spettacolari della vallata.

Qua troviamo grandi boschi di castagni che si alternano con vasti prati da cui pascolano serenamente gli animali d’allevamento.
Anche questa località è strettamente legata ai Conti di Challant e nel suo passato l’acqua ha avuto un ruolo centrale nel suo sviluppo. Gli antichi canali irrigui infatti permisero di creare uno territorio fertile e perfetto per la coltivazione. Da località centrale nell’agricoltura, Challand-Saint-Anselme divenne poi il centro principale per i commerci e gli scambi con le vicine vallate.

Numero 4 (quattro) OneMag

Brusson

Brusson Val d'Ayas


Il penultimo comune della Val d’Ayas è Brusson, situato ancor più in alto, a ben 1338 metri di altitudine. Brusson sorge in un vasto territorio semi-collinare, contornato interamente dalle alte vette aostane, e si caratterizza per le sue lunghe giornate soleggiate. 

La sua posizione infatti è vantaggiosa per godere, durante l’intero arco dell’anno, di lunghe giornate di sole, con un tramonto che avviene un po’ più tardi rispetto alle altre cittadine della Val d’Ayas. Questo è possibile grazie alla grande vallata su cui si sviluppa, meno riparata dagli altopiani.
Brusson ricorda un passato da protagonista nella ricerca dell’oro. Qua troviamo le storiche miniere d’oro, rimaste in attivo sino alla fine degli anni ’80 dello scorso secolo. 

Numero cinque (5) OneMag

Ayas

Ayas
Ultimo comune della valle è il suo capoluogo, Ayas. È il principale centro abitativo della Val d’Ayas ed è ubicato alla sua testata.
Il centro si caratterizza per la presenza del Monte Rosa, che ne domina e delimita i confini.
Ayas si compone per numerosi piccoli centri e frazioni, ognuno dei quali imperdibili sia in inverno che in estate. 
Sono numerosi i sentieri escursionistici cosi come i comprensori sciistici. Durante l’inverno la località è un’affermata destinazione sciistica, mentre in estate Ayas è frequentata per il suo clima favorevole e per i suoi paesaggi mozzafiati.
Ci troviamo a oltre 1500 metri di quota e merita visitarlo anche per le altre numerose frazioni, tra le quali Antagnod, Frachey e Saint-Jacques e i villaggi di Crest e Mascognaz.


 


Like it? Share with your friends!