Condividi su:

Cosa vedere alle Barbados
Guida di viaggio alle Barbados

Tutti gli articoli dei Caraibi
Cosa vedere alle Barbados, mappa
© Apple Maps

icona-articoloVoglia di una vacanza rilassante, rigenerante e divertente? Barbados è famosa per le sue spiagge bianche e le sua calda acqua azzurra, un’isola rilassata di giorno che di notte si trasforma per regalare a tutti i suoi ospiti una vivace notturna. L’isola più orientale dei Caraibi, indipendente dal Regno Unito dal 1966, è ancora profondamente legata ad alcune delle tradizioni britanniche più note, come il tè pomeridiano, il cricket o le corse dei cavalli. Chiunque abbia visitato Barbados ritorna a casa con un meraviglioso ricordo, quello dei suoi abitanti, i bajan. Sono un popolo accogliente, sempre pronto ad aiutare chiunque e disponibile anche per raccontarti aneddoti e curiosità del posto.

L’isola è una destinazione ottima in qualsiasi periodo dell’anno ma il periodo più importante a livello turistico è quello che inizia a dicembre per concludersi a fine aprile, la cosidetta alta stagione. Da luglio a novembre troviamo invece la stagione delle piogge, periodo particolarmente sconsigliato in particolar modo nei mesi di settembre e ottobre, quelli anche a maggior rischio uragani, nonostante siano delle vere e proprie eccezioni. Se avete programmato di visitarla durante la nostra stagione estiva sappiate che più che acquazzoni veri e propri troverete brevi temporali, pronti a fuggire quanto prima per dare nuovamente spazio al clima caldo e soleggiato.

Il cibo alle Barbados

Cosa vedere alle Barbados, ristorante sul mareParlando di gastronomia,le Barbados non possono non essere viste senza provare il piatto nazionale dell’isola. E’ il pesce volante, proposto fritto, grigliato o al vapore. I pescatori vi potrebbero consigliare anche diverse tipologie di pesce tra cui il mahi mahi, conosciuto anche come corifena cavallina. Se volete provare qualcosa di diverso, le acque intorno all’isola pullulano di aragoste, granchi, tonni e altro pesce, quindi preparatevi per una grande abbuffata.

Se volete provare qualcosa di alternativo al pesce vi suggeriamo uno degli altri piatti nazionali delle Bardados, il Bajan pepper-pot. E’ uno stufato di manzo cotto in salsa piccante. Diversi anche i dolci tipici da provare. Uno di questi è preparato con i conkies, una specialità ottenuta mescolando cereali, cocco, zucca, uva passa, patate dolci e spezie, tutti cotti a vapore all’interno di una buccia di banana. Da provarlo con un bicchierino di Rum Punch Barbados, il liquore nazionale.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Capodanno, ecco le mete più calde da provare

Le spiagge delle Barbados

Cosa vedere a Barbados, spiaggeSono indubbiamente le spiagge il principale catalizzatore del turismo a Barbados. La soffice sabbia bianca, il cielo blu e le palme che ondeggiano dolcemente sono caratteristiche indispensabili in una vacanza tutto mare e riposo.

La Bottom Bay Beach, posta sul lato atlantico dell’isola Barbados, è una delle spiagge più interessanti con la sua particolare sabbia dorata e raggiungibile dopo aver percorso una lunga rampa di scale. Una volta raggiunta vi troverete di fronte a un mare blu profondo in una spiaggia circondata dalle pareti della scogliere e ombreggiata da magnifiche palme.
Crane Beach è anch’essa posta sulla costa atlantica e come la precedente circondata da alte pareti naturali. La sua sabbia è biancastra con una leggera sfumatura rosa, affacciata su acque turchesi, il luogo dove in passato attraccavano le barche commerciali. Su una scogliera sopra la spiaggia si affaccia il lussuoso Crane Resort dove i suoi ospiti possono raggiungere la spiaggia grazie all’uso di un comodo ascensore.
A Saint Joseph è presente invece la baia di Bathsheba, una spiaggia molto popolare tra i surfisti poco suggerita però ai nuotatori. Il motivo è la poca profondità dell’acqua che una volta attraversata dai tanti surfisti crea una schiuma bianca, fenomeno che le ha dato il nome di Soup Bowl, termine molto noto tra gli appassionati di surf.

Qualunque siano le spiagge da voi preferite, a Barbados è anche possibile nuotare con le tartarughe, esplorare baie deserte, praticare vari sport acquatici e anche prendere parte al breve programma introduttivo di certificazione PADI Resort che ti offre la possibilità di fare immersioni lo stesso giorno. Per i subacquei già certificati, Sandals offre agli ospiti fino a due immersioni gratuite al giorno durante il soggiorno. Per immergervi nel relax assoluto dirigetevi invece verso una spa, presente in molti alberghi.

OneMag-logo
Link-uscita icona   Ecco quando visitare la Repubblica Dominicana

Barbados, ecco cosa vedere

Bridgetown

Barbados, cosa vedere
@Alan A. Lew / Flickr

La capitale di Barbados è Bridgetown, cittadina che ospita numerose attrazioni ma che si rivela perfetta anche per una passeggiata, fare shopping o per una pausa pranzo. Il suo centro storico è semplice da visitare anche per la vicinanza di tutti i punti principali. Qui possiamo ammirare il Parlamento, facilmente riconoscibile per la sua architettura in stile neogotico e anche la Piazza degli Eroi, due dei principali siti da visitare.

Proprio di fronte al Parlamento merita attraversare l’incantevole Ponte Chamberlain, il punto di raccordo tra due estremità che supera il fiume Constituion, noto anche come il Careenage. Da qua possono essere ammirati i tanti yacht qua attraccati e le tante casupole colorate che affacciano sul fiume. Proseguiamo la nostra passeggiata per raggiungere la Cattedrale di San Michele e ammirare nel Queen’s Park il baobab millenario.
Merita indubbiamente una visita l’Abbazia di San Nicola, costruita nel 1658 e che rappresenta una delle più antiche costruzioni dell’isola. Nonostante il suo nome, l’Abbazia era una piantagione e non ha alcun riferimento religioso. Dal 2006 la struttura è stata completamente restaurata dai suoi nuovi proprietari che la gestiscono come piantagione di zucchero. Scoprite la sua storia mentre assaggerete uno dei quattro rum da loro prodotti.

Non troppo distante si trova Cherry Tree Hill, una nota area di osservazione dove ammirare l’oceano dal lato atlantico. Se siete sportivi fate trekking nella grotta di Animal Flower nella Parrocchia di Santa Lucia dove potrete ammirare il suo pavimento di corallo naturale, gli anemoni galleggianti e le piscine naturali. Anche la foresta dei fiori, un giardino botanico di 53 acri, merita una visita. Si potrà vedere la splendida flora e fauna dell’isola ambientata in maniera ottimale.

Altro da visitare a Barbados

A una ventina di km dalla capitale troviamo St. Lawrence Gap e il suo tratto di strada, circa 1.300 metri, caratterizzato da tanti negozi e ristoranti. E’ uno dei luoghi da preferire per la movida notturna e da scegliere dove si vuole cenare con vista direttamente sull’oceano.

Se volete scoprire il territorio più selvaggio dell’isola merita recarsi alla Barbados Wildlife Reserve, dove poter vedere le scimmie interagire con i tanti altri animali dell’isola. E’ un parco tranquillo consigliato anche ai più piccoli dove poter vedere, oltre alle scimmie, anche pappagalli, tartarughe, cervi, iguane e anche serpenti. L’orario migliore per visitarlo è quello intorno alle 14, quando gli addetti servono il pasto agli animali, ottima occasione per vederli senza timore di perderne qualcuno.

Altra tappa imperdibile delle cose da vedere a Barbados è il Parco Nazionale di Farley Hill, una grande casa risalente ai primi anni dell’Ottocento e negli anni Quaranta del secolo scorso caduta in degrado. Restaurata un decennio dopo, è di proprietà del governo dagli anni Sessanta e dal 1965 trasformata in Parco Nazionale. L’area in cui la casa è inserita, un territorio di 17 acri, comprende anche un’area picnic dove i visitatori potranno rilassarsi dopo aver passeggiato nel suo interno e aver ammirato i tanti animali qua presenti.

Ultimo aggiornamento 14 Aprile 2021


 

Condividi su: