Urbino, il borgo dalle tante sfumature di verde

Cosa vedere a Urbino, il borgo dalle tante sfumature di verde dalle storiche origini e città rinascimentale con un centro storico Patrimonio UNESCO dal 1998. Con i suoi poco meno di 15.000 abitanti, Urbino è ricca di cose da vedere. Tra le cose da vedere ad Urbino avrete subito modo di ammirare il Palazzo Ducale passando poi a visitare la Cattedrale, costruito con una pianta a tre navate. Tra le cose da visitare ad Urbino ricordiamo inoltre la Casa Natale di Raffaello che qui nacque, nel 6 aprile 1483. Ecco cosa vedere ad Urbino, il borgo dalle tante sfumature di verde.10 min


0
Cosa vedere a Urbino, Marche

Guida di Urbino

Urbino si trova tra le colline del Montefeltro, proprio nel cuore delle Marche, una città di poco meno di 15.000 abitanti, le cui origini sono millenarie. Visitanto Urbino avrete sicuramente modo di immergervi nel Rinascimento, in pieno contrasto con la sua Università, che invece la vuole proiettata nell’assoluta contemporaneità con uno sguardo proteso al futuro.

Urbino è la città di Raffaello e dal 1998 annoverata tra i Patrimoni Mondiali dell’UNESCO. Le origini del suo nome ricordano probabilmente le sue origini umili. Urvinum, infatti, lo si trova spesso associato ad urvum, ovvero il manico dell’aratro.
Urbino è facilmente raggiungibile da Pesaro con un piccolo viaggio in macchina oppure utilizzando uno dei bus di linea. Una volta raggiunta sarete pronti per immergervi nel Rinascimento italiano partendo proprio dal centro storico, la perla di Urbino.

Cenni storici

Cosa vedere a Urbino

La città di Urbino vide nella sua storia numerose guerre, da quelle del VI secolo note come le Guerre Gotiche a quelle successive che la videro preda dei longobardi, fino alla sua conquista, da parte del re dei Franchi Pipino, dalla Chiesa.
La sua notorietà ebbe però inizio nel 1444 quando, sotto il controllo dei Montefeltro, riuscì a godere di un periodo di assoluto fervore. Proprio durante la metà del 1400, periodo che si concluse nel 1482, Urbino vide numerosi artisti presenti in città, tra cui Giovanni Santi, il padre di Raffaello.

L’architettura urbanistica di Urbino vide un profondo rinnovamento nel XIX secolo quando venne consacrata la nuova cattedrale insieme al restauro dei numerosi edifici storici realizzati nella metà del XV secolo.
Anche il XX secolo ritrova Urbino tra le principali protagoniste culturali, il cui apice venne raggiunto nel 1838 quando venne scelta come sede della Soprintendenza alle Gallerie e alle Opere d’Arte delle Marche.
A distanza di un secolo, durante la metà del secolo scorso Urbino si ritrovò protagonista di un completo recupero dell’enorme patrimonio artistico del suo centro storico, ancora oggi tra le principali ragioni di una visita a Urbino.

Cosa vedere ad Urbino

Cosa vedere a Urbino

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra i centri storici più interessanti d’Italia, quello di Urbino concentra in un spazio di dimensioni piuttosto ridotte numerosi monumenti, palazzi e vicoli storici, ognuno dei quali in grado di regalare nuove meraviglie.
Ecco le principali cose da vedere a Urbino nel suo centro storico.

Palazzo Ducale

Palazzo Ducale, Urbino, guida turistica

Tra le cose da vedere ad Urbino avrete subito modo di ammirare il Palazzo Ducale voluto da Federico da Montefeltro, allora duca di Urbino, intorno la metà del Quattrocento.
La sua idea non era quella di costruire uno dei tanti palazzi tipici del periodo ma un vero Palazzo Ducale che doveva brillare di luce propria per secoli. Alla fine del 1400 il suo sogno divenne realtà grazie a brillanti architetti ed abili operai.

La sua facciata, tipica e caratteristica che lo distingue, è realizzata con i suoi torroncini ed oggi è anche sede della Galleria Nazionale delle Marche.
Al suo interno, infatti, trovano sede alcune opere di artisti quali Raffaello e Piero della Francesca, giusto per citarne alcuni.
Nel palazzo invece le tante stanze deliziano il visitatore con una serie di spazi, alcuni dei quali utilizzati proprio dal duca Federico.

Casa di Raffaello

Cosa vedere a Urbino

Nella città di Raffaello possiamo trovare e visitare anche proprio la sua casa natale, una delle cose da vedere a Urbino più apprezzate in assoluto.
Dimora storica realizzata nel XV Secolo, dal 1460 è divenuta di proprietà della famiglia del pittore. Dopo la sua scomparsa la casa è stata per lungo tempo trascurata e nel 1873 la proprietà è stata trasferita dall’Accademia Raffaello, fondazione nata giusto pochi anni prima ad Urbino.

Con questo passaggio di proprietà, la casa natale di Raffaello è stata riportata ai fasti gloriosi del tempo, con oggetti legati al pittore rinascimentale.
All’ingresso avrete modo di ammirare la stanza dove il pittore è nato e qui trova sede l’affresco della Madonna con il Bambino, opera non ancora attribuita e che in molti pensano sia stata proprio realizzata nei primi anni di vita di Raffaello pittore.
La sede dell’Accademia Raffaello è invece collocata al piano superiore, dove è possibile trovare una serie di importanti cimeli, quali monete, ritratti e anche manoscritti.

Edifici religiosi

– Monastero di Santa Chiara

Fondato nel tardo XV° secolo, il Monastero di Santa Chiara è stato uno dei più importanti complessi religiosi della città di Urbino. Infatti, nei primi anni dello scorso secolo le monache clarisse di trasferirono nell’attuale Monastero, mentre quello storico, il più rilevante in termini storici e architettonici, è sede dell’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche, con studenti che si recano da tutta Italia per conferire la laurea AFAM.

A seguito di recenti restauri, avvenuti nel 1967 e nei primi del 2000, il Monastero di Santa Chiara ha riottenuto il suo splendore originale, testimoniando al pubblico la sua notevole importanza storica. Sebbene la struttura è comunque rimasta incompleta, con i restauri sono stati rinvenuti alcuni elementi oramai perduti, soprattutto in termini architettonici. 

OneMag-logo
Offagna, il borgo secolare vicino Ancona

– Convento di San Francesco

Convento di San Francesco

Altro edificio religioso di notevole interesse è la Chiesa di San Francesco, costruita nel XIV secolo con un’ambiente interno che, in origine, si presentava a due navate. Sebbene ancora oggi, almeno esternamente, l’edificio si presenta parzialmente fedele al progetto originale, nel XVIII secolo è stato protagonista di un profondo rimaneggiamento che ne modificò soprattutto le caratteristiche interne.

La facciata, realizzata con mattoni a vista, è uno degli esempi migliori di architettura romanico-gotica nelle Marche, facilmente osservabile dalla vicina Piazzetta delle Erbe, da cui si intravede lo storico campanile, uno dei componenti rimasti originali nel corso degli anni.
Oggi gestito dall’istituzione francescana di Urbino, all’interno dell’edificio vi sono ospitate le cripte di alcune delle più importanti famiglie della città, tra cui il pittore Giovanni Santi e la moglie Magia Ciarla, noti per essere stati i genitori di Raffaello.

– Chiesa di San Domenico

Chiesa di San Domenico, Urbino

Imperdibile tra gli edifici religiosi di Urbino è la Chiesa di San Domenico, consacrata nel 1365 e caratterizzata per la sua splendida struttura molto alta. Completamente restaurata nel XVII secolo, la Chiesa di San Domenico si affaccia su Piazza Rinascimento, poco distante dal Palazzo Ducale. 
Oggi gestita dalla comunità domenicana, la Chiesa di San Domenico si caratterizza per la sua spettacolare facciata, composta da un’elegante portone, ai cui lati sorgono due colonnati corinzi e alla cui cima invece trovano spazio alcune eleganti sculture. 
Sopra le sculture sorge il protiro in travertino, senza dubbio la caratteristica di maggior pregio nella facciata, implementate nella metà del 15° secolo per mano di Maso di Bartolomeo.

OneMag-logo
Cingoli, il pittoresco borgo delle Marche

– Oratorio di San Giovanni Battista

Oratorio San Giovanni Battista, cosa vedere a Urbino

Tra le altre cose da vedere a Urbino annoveriamo l’Oratorio di San Giovanni Battista. Qui troviamo una serie di affreschi, realizzati tra il 1415 e il 1416, in quella che è ancora oggi la sede dell’omonima confraternita istituita nel XVI Secolo.

La sua costruzione è del 1365 e in origine era un ospedale per i pellegrini e ancora oggi conserva la sua struttura originaria. Nel 1900 la facciata è stata restaurata.
L’Oratorio di San Giuseppe venne invece costruito tra il 1503 e il 1515 grazie anche al contributo del cardinale Annibale Albani e da papa Clemente XI.
Definita da una navata unica, al cui interno si trovano degli affreschi di Carlo Roncalli, deve la sua fama specialmente per il presepe a grandezza naturale, posto in una delle cappelle.

– La Cattedrale di Urbino

Cosa vedere a Urbino


A poca distanza dal Palazzo Ducale avrete modo invece di visitare la Cattedrale, una delle altre cose da vedere a Urbino. Il Duomo è costruito con una pianta a tre navate ed è l’edificio che più si discosta dagli altri monumenti di Urbino.
La sua accesa colorazione spicca rispetto agli altri edifici e si erige verso l’alto con il suo stile neoclassico che è ulteriormente arricchito dalla sue colonne.

Al suo interno le tre navate sono impreziosite da alcuni dipinti, come la tela posta nella navata centrale con la Madonna Assunta. La cupola, nel suo interno, è invece decorata con i quattro evangelisti, opera di diversi artisti locali.

Da non perdere tra le cose da visitare ad Urbino anche il Museo Diocesano, posta nell’area delle vecchie sagrestie, con i suoi arredi sacri e le tante opere d’arte conservate al suo interno. Il Museo è intitolato a Papa Clemente XI Albani e il suo spazio espositivo è suddiviso in tre sale distinte tra cui trova spazio anche l’Oratorio della Grotta, dove ha sede una ulteriore parte della collezione.

OneMag-logo
Acqualagna, cosa vedere nella capitale del tartufo

Teatro Sanzio

Teatro Sanzio di Urbino, guida turistica

Merita essere menzionato, tra le cose da vedere ad Urbino, il Teatro Sanzio, che vide la luce nella metà del 19° secolo sostituendo un preesistente teatro istituito nel 1683 in uno degli ambienti del Palazzo Ducale. 
Tutt’oggi un punto di riferimento per gli eventi culturali ad Urbino, il Teatro Sanzio si caratterizza per la lunga facciata, tutta in laterizio, da cui si possono esservare i mattoni egregiamente lavorati per creare le sobrie ma eleganti cornici.
All’interno invece spicca la sua sala, disposta con la tradizionale pianta a ferro di cavallo e con tre ordini di palchi. Sempre l’ambiente interno è apprezzabile per il suo loggione a galleria, una delle poche opere di Raffaele Antonioli ancor conservate ad Urbino.

Fortezza Albornoz

Cosa vedere a Urbino

Prima di lasciare la città approfittate per salire sulla Fortezza Albornoz, altra cosa da vedere a Urbino.
La costruzione fortificata è posta proprio sul punto più alto del Monte di San Sergio. L’imponente edificio è stato realizzato dal cardinale Egidio Alvares de Albornoz nella metà del XIV secolo e rappresenta il punto panoramico più elevato di tutta Urbino, il ritrovo di studenti e abitanti che da qua trovano ispirazione proprio ammirando la citta rinascimentale.

Nel corso dei secoli venne più volte distrutta e ricostruita e dal 1673 è di proprietà dei padri Carmelitani Scalzi del vicino convento, attuale sede dell’Accademia di Belle Arti. Qui trovano sede infatti i diversi ritrovamenti archeologici rinvenuti ad Urbino e dintorni e la storia dell’equipaggiamento usato in guerra tra il 1300 ed il 1500.
La struttura, realizzata in laterizio, si presenta rettangolare con due torri semicircolari e bastioni.


Like it? Share with your friends!

0