Condividi su:

I Giardini Reali di Praga

→ Scopri la guida completa su Praga

Giardini Reali di Praga, mappaicona-articoloNelle immediate vicinanze del Castello di Praga troviamo i Giardini Reali, realizzati per volere di Ferdinando I come dono per la moglie Anna, nel XVI secolo. I Giardini Reali sono una delle opere più entusiasmanti che circondano il complesso del Castello. La loro ispirazione è al modello dei classici giardini all’italiana e all’inglese, specie durante l’ultima rielaborazione avvenuta nel XIX secolo.

Passeggiando all’interno dei 3,6 ettari di giardino, troveremo numerose opere scultoree, di stile principalmente rinascimentale e barocco, realizzate da grandi artisti storici, tra cui Matthias Braun, il più celebre scultore austriaco.

 

Cosa visitare nei Giardini Reali di Praga

I giardini reali di Praga, veduta

Edificio della Pallacorda

L’edificio della Pallacorda è una delle più importanti strutture presenti nel complesso, situato precisamente sul lato meridionale del Giardino Reale, poco distante dal Fossato dei Cervi. L’edificio venne costruito tra il 1567 e il 1569, con scopo originario di ospitare i reali giochi con la palla, adattato poi a scuderia e infine a deposito militare.

Siamo di fronte al più antico edificio sportivo coperto del genere in tutta Europa e nei pressi dell’edificio fiorirono i primi tulipani transalpini, i celebri fiori che ora associamo ai Paesi Bassi. Oggi l’Edificio della Pallacorda ospita al suo interno numerose esposizioni museali, soprattutto di arti figurative, ma ospita anche concerti ed eventi d’importanza internazionale.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Castello di Praga, guida al più grande castello a corpo unico del mondo

La Fontana Canterina

Giardini reali di Praga, la Fontana Canterina

La Fontana Canterina è nota per il particolare suono che crea quando l’acqua tocca i bordi. Le tonalità armoniose che crea l’acqua al contatto con i bordi della vasca sono descrivibili come meraviglie sonore, paragonate spesso alle composizioni musicali.

Situata dinnanzi alla Residenza Estiva della regina Anna, molti la definiscono come una tra le più belle dell’epoca rinascimentale.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  La collina di Petrin a Praga

Residenza estiva della regina Anna degli Jagelloni

I Giardini Reali di Praga, Residenza estiva della regina Anna degli Jagelloni

La Residenza estiva della regina Anna degli Jagelloni è probabilmente la costruzione più celebre nei Giardini, costruita sempre da Ferdinando I in onore della moglie Anna.

Definita come la migliore dimora italiana all’estero, la residenza si presenta sfarzosamente decorata con decine di bassorilievi di stile rinascimentali. Questi bassorilievi rappresentano principalmente le storiche tematiche che caratterizzavano le corti austriache dell’epoca.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ponte Carlo Praga, il ponte medievale di Praga

Giardini Meridionali

I Giardini Reali di Praga, vedutaI Giardini Meridionali sono considerati dai visitatori come l’area più interessante del complesso dei Giardini Reali. Sviluppati su quasi 500 metri quadrati, durante l’estate mostrano il meglio di sé. Ci si accede dall’adiacente collina Opyš attraverso l’ingresso orientale oppure dalla Scalinata del Toro, situata nel terzo cortile.

 

Numero 1 (uno) OneMagGiardino di Hartig

Giardini Reali di Praga, Giardino di Hartig

Il Giardino di Hartig è il primo dei tre giardini presenti nell’area meridionale.

Realizzato dagli architetti Adolf Benš e Richard Podzemný, il giardino di Hartig è stato annesso ai Giardini Meridionali del Castello nel 1960. La sua origine, infatti, lo voleva parte del palazzo di Hartig. Venne fondato nel 1670 e in seguito ricostruito in stile barocco, dove vennero aggiunte due terrazze, quella superiore e quella inferiore connesse fra loro da una scalinata.

Nel 1720 il palazzo di Hartig venne acquistato dal conte Josef Hartig che dopo averlo ristrutturato fece costruire un padiglione musicale dove, da pianista rinomato, tenne diversi concerti. Le spese dell’acquisto e del successivo restauro furono però eccessive e i proventi della vendita dei biglietti per assistere ai concerti non erano sufficienti a garantire l’autonomia necessaria. Venne quindi venduto e nei secoli passò di proprietà diverse volte, finché nel 1960 venne annesso al complesso del Castello di Praga e divenne quindi parte integrante delle opere di proprietà statale. La terrazza oggi è usata per concerti e per rappresentazioni teatrali.

 

Numero 2 (due) OneMagGiardino dell’Eden

Giardini Reali di Praga, giardino dell'EdenIl Giardino dell’Eden è quello più antico tra i tre presenti nell’area. È stato progettato sul sito di un altro giardino ancora più antico, costruito davanti al lato meridionale del castello e risale alla metà del XVI secolo. Era il giardino a uso esclusivo dell’arciduca Ferdinando Tirolese, figlio di Ferdinando I.

In passato qua erano situate le terme imperiali e anche una torre per i trombettieri. Venne demolito nel 1614 e al suo posto costruito un padiglione circolare ancora oggi visibile e all’interno sono presenti 39 stemmi che raffigurano i paesi governati dall’imperatore. Il giardino è caratterizzato da una grande scalinata monumentale a dalla grande pozza riempita di granito, presente al centro del prato. Nel Giardino dell’Eden è presente anche l’albero più antico dell’intero complesso, vecchio di almeno 400 anni.

 

Numero 3 (tre) OneMagGiardino sui terrapieni

Giardini Reali di Praga, Giardino sui terrapieniIl terzo giardino, quello noto come il Giardino sui terrapieni, è probabilmente il più suggestivo. Il suo nome deriva dagli antichi terrapieni della fortificazione, situati sul lato meridionale del castello. Spesso viene anche definito come Giardino sul Baluardo.

Nella tessa area in cui vi erano le fortificazioni vennero progettati i primi e piccoli giardini, di seconda importanza a livello di bellezza. Questi furono poi trasformati in un maestoso e grande parco nel XIX secolo e nella seconda metà del secolo recintato da mura, ancora visibili, ma meno imponenti rispetto al progetto originale. Questo perché attorno al 1920 il già citato architetto Plečnik ne ridusse l’altezza. Il Giardino sui terrapieni è oltretutto quello con l’aspetto geometrico più simmetrico. La posteriore terrazza situata nella facciata meridionale del castello offre un panorama mozzafiato sulla città e sui giardini.

 

Ultimo aggiornamento: 26.06.2021


 

Advertisement
Condividi su: