Condividi su:

Cosa vedere a Ulm

Tutti gli articoli della Germania

Cosa vedere a Ulm, mappaicona-articoloCi troviamo nella regione del  Baden-Württemberg dove Ulma, cittadina al confine con la Baviera, sorge su un territorio prevalentemente collinare. Poco distante dai fiumi Iller e Blau, entrambi affluenti del Danubio, Ulma è abitata da poco più di 125.000 residenti e divisa in due proprio dal fiume più lungo navigabile dell’Unione Europea.

Da una sponda troviamo Ulma mentre di fronte ha sede Neu-Ulm, la nuova Ulma costruita in epoca molto più recente con la singolarità di trovarsi invece nel territorio della Baviera. I due comuni sono tuttavia completamente indipendenti fra loro, come è anche possibile verificare con le targhe automobilistiche, UL per Ulma e NU per Nuova Ulma.

Ulma è nota localmente come città dei geni, appellativo non casuale visto che qui nacquero Albert Einstein ma anche Albrecht Berblinger, il primo uomo che sia mai riuscito a volare in deltaplano, oltre ad altri personaggi importanti. Non solo, Ulma è anche la città dove poter ammirare il campanile più alto, l’hotel più storto del mondo e la casa più stretta del mondo. Insomma Ulma ha indubbiamente di che raccontare e luogo turisticamente perfetto per essere visitato, grazie al suo centro storico compatto, perfetto per essere visitato con una passeggiata rilassante.
Pronti a scoprire cosa vedere a Ulm?

Cenni storici

Le prime notizie di Ulma risalgono alla metà del IX secolo quando venne fondata diventando presto una delle città imperiali più importanti della Germania. Fin dai suoi inizi era ben chiara la vocazione commerciale grazie proprio alla presenza del Danubio che assicurava facili collegamenti e scambi di materie prime. Nel 1530 la città si convertì al protestantesimo e decadde al termine delle guerre religiose del XVI e XVII secolo.

Il territorio passò a quello della Baviera nel 1802 e otto anni dopo ceduta al Wurttemberg. Nel 1869 quello che all’epoca era un sobborgo sulla riva destra del Danubio passò al territorio bavarese, oggi nota come Neu Ulm.
Oggi Ulma è un’importante centro della Germania con la sua produzione di tessuti, apparecchiature elettriche e veicoli a motori.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le migliori città termali d’Europa, una è proprio in Germania

Cosa vedere a Ulma
Itinerario a piedi per scoprire le attrazioni cittadine

Cosa vedere a Ulma, la Piazza dei Pescatori, Fischerplätzle
La Piazza dei Pescatori, Fischerplätzle

Grazie a un centro cittadino piuttosto compatto, scoprire la città a piedi è una cosa assolutamente fattibile. Provate a scoprire cosa vedere a Ulma iniziando dallo Fischer-Viertel, lo storico quartiere dei pescatori che è rimasto quasi intatto nei secoli. Non sarà difficile immaginare la vita dei primi commercianti ittici che qua abitavano e che ogni giorno uscivano per pescare e quindi vendere il pescato poco distante.

E’ la Fischerplätzle, la Piazza dei Pescatori, a essere il luogo predisposto per la vendita del pesce fresco, sede anche della Zunfthaus, lo storico edificio del XV secolo decorato con meravigliose scene di navigazione e sede della Cooperativa dei Pescatori.

Cercate anche nei dintorni la Schiefe Haus, meglio nota per la sua peculiarità, ovvero quello di hotel più storto del mondo. Costruita nel 1440, l’origine della sua inclinazione deriva sia dal sottosuolo, attraversato dal fiume Blau, che ha in parte ceduto sia alla eliminazione della trave portante. Con il tempo la casa ha iniziato a inclinarsi verso sud, oggi completamente visibile a occhio nudo e, nel XIX secolo, si sono resi necessari interventi per rafforzare l’edificio.

Dal 1997 annoverata nel Guinness World Record, la Schiefe Haus è diventato un albergo nel 1995, una struttura lussuosa e singolare, come dimostra anche al suo interno. Entrandoci avrete infatti modo di passeggiare su un pavimento vetrato che mostra proprio il fiume Blau, con tanto di vista sulle barche dei pescatori. E’ possibile visitare il suo interno anche senza pernottamento, basterà prenotare un tour domenicale che vi porterà al suo interno.

location_icon onemagHimmelgasse 5, 89073 Ulm

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco le 10 città più belle della Germania, quante ne avete visitate?

La torre dei macellai

Cosa vedere a Ulm, la Schiefes Haus
La Schiefes Haus

Dirigiamoci ora qualche centinaio di metri verso il fulcro della Alte Stadt, raggiungendo il Danubio, dove ha sede la Metzgerturm, l’antica Torre dei Macellai. La torre è facilmente riconoscibile per la sua inclinazione particolarmente accentuata, una inclinazione alla cui origine vi è un’antica leggenda.

Si racconta infatti che diversi macellai di Ulma avessero deciso di ricavare un piccolo guadagno illecito sulla vendita delle loro salsicce. Essendo vendute a peso, alcuni di loro scelsero di aggiungere della segatura. La loro idea ebbe vita molto breve, ben presto i clienti se ne accorsero e i commercianti vennero denunciati. In attesa della condanna i mercanti vennero proprio chiusi nella Metzgerturm e, spaventati per quanto successo, si rannicchiarono in un angolino, facendo cedere la torre.

location_icon onemagMetzgerturm, 89073 Ulm
+49833197643

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo la Cattedrale di Ingolstadt, la Chiesa di Nostra Signora

La Schwörhaus

Cosa vedere a Ulma, la Casa del Giuramento
La Casa del Giuramento

Proseguiamo la nostra passeggiata per scoprire cosa vedere a Ulma superando la Metzgerturm e raggiungendo la Schwörhaus, la Casa del Giuramento. Ci troveremo di fronte a un edificio posto nella piazza Weinhof e che ha avuto talmente tanti distruzioni e ricostruzioni che quasi non si ricorda più il palazzo originale. Nel 1785 un incendio la distrusse completamente e venne ricostruita e altrettanto avvenne dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Merita passarci nel mese di Luglio, il penultimo lunedì, quando il Sindaco si affaccia al balcone per rinnovare lo storico giuramento sulla costituzione della città, risalente al 1387. Oggi la Schwörhaus ospita un museo dedicato alla città di Ulma e gli archivi storici cittadini.

location_icon onemagWeinhof 12, 89073 Ulm
+497311610

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida al Museo del cioccolato Imhoff-Schokoladenmuseum di Colonia

Il Municipio della città

Cosa vedere a Ulma, il Municipio
Municipio di Ulma

Lasciatevi alle spalle la Schwörhaus e proseguite il vostro giro per raggiungere la piccola viuzza Kussgasse, un vicolo che non permette quasi di passeggiare in coppia tanto è davvero stretto. Arriverete presto di fronte a un piccolo ponte che nel passato veniva attraversato da coloro che praticavano commerci illegali, per evitare di essere visti.

Presto scoprirete il Rathaus, il Municipio cittadino costruito in stile gotico-rinascimentale e in cui è presente un interessante orologio astronomico, caratteristica non così insolita anche per altre città del Nord Europa. Si trova sulla Marktplatz, la piazza del mercato, ed è un edificio di colore giallo ocra impossibile da non notare. Le sue facciate rappresentano con orgoglio uno tra gli edifici più importanti della città, grazie alle sue decorazioni che lo rendono un meraviglioso angolo cittadino.

Se avrete modo di passare durante gli orari di apertura entrateci e ammirate, nell’atrio, una copia esatta dell’aliante utilizzato da Albrecht Berblinger durante il suo tentativo di volo umano. All’epoca guardato con ammirazione, oggi è sostanzialmente considerato un visionario.

location_icon onemagMarktpl. 1, 89073 Ulm
+497311610

OneMag-logo
Link-uscita icona  Entriamo nel Museo BMW, il più visitato della Baviera

La fortezza di Wilhelmsburg

Cosa vedere a Ulm, la fortezza Wilhelmsburg

Lasciamo il centro storico di Ulm per spostarci verso le alture della città, la cima del Michelsberg, dove troviamo la fortezza di Wilhelmsburg. Costruita tra il 1842 e il 1849, Ulma si era arricchita di una cittadella che la rendeva tra le più grandi fortezze della Germania e tra le principali d’Europa.

Contrariamente a tutte le altre opere il Wilhelmsburg non aveva mura e consisteva solo in quattro bunker rinforzati nelle tre torri. Per diversi anni il castello è stato utilizzato come punto difensivo, fino alla seconda guerra mondiale.
Dopo la seconda guerra mondiale la fortezza è stata trasformata in un campo profughi, anche se i numerosi cittadini di Ulm hanno trovato qua riparo dopo i danneggiamenti della guerra. Non ci volle molto a trasformare Wilhelmsburg in una vera e propria cittadella. Con oltre 3.000 persone qua rifugiate, venne presto aperto un negozio, un ufficio postale e una scuola.
Oggi parte delle numerose stanze sono vuote e altre sono diventate invece sede di uffici.

location_icon onemagPrittwitzstraße 100, 89075 Ulm
+497319267738

Icona web onemag

Sito ufficiale

OneMag-logo
Link-uscita icona  Hameln, la città del Pifferaio Magico dei fratelli Grimm

Munster, il Duomo di Ulma

Cosa vedere ad Ulma

Il piccolo centro storico ha ancora molto da offrire. Inserite tra le cose da vedere a Ulm il Munster, il Duomo cittadino. Noto per aver avuto fino al 1901 il campanile più alto del mondo, 161 metri, la sua cima è raggiungibile mediante 768 gradini. Una volta percorsi si avrà modo di godere di un panorama unico della città e, nei giorni di sole, anche le Alpi, distanti un centinaio di km.

Il Munster è stato costruito grazie all’impegno, anche economico, degli abitanti. Il suo interno può ospitare circa 20.000 fedeli, praticamente il doppio degli abitanti al momento della sua costruzione, il 1377. Venne completato definitivamente solo nel XIX secolo. All’interno merita ammirare i preziosi busti raffiguranti personaggi della Bibbia e della storia, mentre un piccolo museo accoglie sculture e incisioni.

location_icon onemagMünsterplatz 21, 89073 Ulm
+497313799450

Icona web onemagSito ufficiale

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Belefeld nella Renania Settentrionale-Vestfalia


Kunsthalle Weishaupt

Cosa vedere a Ulm, Museo Arte ModernaAl termine della visita alla Cattedrale consigliamo di visitare la Kunsthalle Weishaupt, il museo di arte moderna ospitato dal 2007 all’interno di un edificio moderno progettato da Wolfram Wöhr. La sua collezione permanente ospita dipinti di artisti come Yves Klein, Robert Rauschenberg, Andy Warhol e sculture di Nam June Paik oltre a opere multimediali di Robert Longo. La Kunsthalle Weishaupt mette a disposizione anche spazi per mostre temporanee.

location_icon onemagHans-und-Sophie-Scholl-Platz 1, 89073 Ulm
+497311614360

Museum der Brotkultur

Inaugurato nel 1955, il Museo della cultura del Pane è naturalmente dedicato alla storia del pane ed è collocato in uno splendido edificio storico, in passato utilizzato come fienile.
L’idea del complesso museale è di Willy Eiselen e di suo figlio Hermann Eiselen, entrambi dediti come attività proprio alla produzione e distribuzione degli ingredienti base per la produzione del pane.

All’interno troviamo oltre 18.000 strumenti usati dai coltivatori nel corso di centinaia d’anni. L’esposizione storica è completata da belle mostre interattive e da una biblioteca che comprende oltre 6000 volumi a tema.

location_icon onemagSalzstadelgasse 10, 89073 Ulm
+49731140090

Icona web onemag

Sito ufficiale

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Acquisgrana, visitiamo la città di Carlo Magno

Il monastero di Wiblingen

Cosa vedere a Ulm, Il monastero di Wiblingen

A pochi km da Ulm troviamo quella che in passato era una abbazia benedettina e un monastero. La sua costruzione risale agli inizi del XI secolo e al suo interno venivano ospitati i monaci benedettini in precedenza di casa nel monastero di Sankt Blasien.
Diverse le ristrutturazioni che videro ogni volta aggiungere qualcosa di diverso rispetto alla struttura originale.

Il più importante rifacimento è risalente al 1714, quando vennero aggiunti quelli che sono gli edifici attualmente visibili. Da non perdere anche la biblioteca qua presente, realizzata nel 1744 e tra i più importanti edifici rococò del Baden-Württemberg.

Quando visitare Ulma

Il periodo migliore per visitare Ulma è durante la stagione estiva, tra Giugno e Settembre, quando le temperature sono gradevoli e precipitazioni abbastanza scarse. Mediamente, in Luglio e Agosto la temperatura di Ulm si assesta intorno ai 25°C come media. In inverno le temperature si stabiliscono sui 3°C, sempre come media, e la stagione è caratterizzata da notevoli nevicate e precipitazioni.

Ultimo aggiornamento: 23 febbraio 2021


 

Condividi su: