Condividi su:

Cosa vedere a Ueno | Il quartiere di Tokyo

→ Leggi tutti gli articoli del Giappone

Icona articoloUeno è senza dubbio uno dei più bei quartieri di Tokyo, avvolto da un’atmosfera di serenità e tranquillità molto difficile da trovare nel centro della città. Si tratta di una porzione di nucleo urbano dall’aspetto tradizionalista, con santuari e templi degni di nota. La cultura di Ueno è il punto di forza del quartiere, grazie alla presenza di due tra i più importanti musei della capitale giapponese, il Museo Nazionale di Tokyo e il Museo Nazionale di Arte Occidentale.

Il quartiere è ubicato nel centro di Tokyo, al confine settentrionale con la immediata periferia, ed è anche sede di una delle più belle aree storiche della città: Shitamachi. Ueno è posto a due passi da Asakusa e Yanaka, altri due importanti quartieri che meritano, anche rapidamente, una visita.

Ueno può essere rapidamente raggiunto già dall’Aeroporto Internazionale di Narita, grazie a un collegamento ferroviario diretto, ed è anche – sempre con treni e metropolitana – ben connesso con il resto della città. È facilmente accessibile e alla portata di chiunque, grazie anche a costi leggermente ridotti, se paragonati a quelli dei quartieri di Shibuya o Roppongi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Ginza, un quartiere di lusso a Tokyo

Orientarsi a Ueno

Orientarsi a Ueno
© Daniel/Flickr

Le attrazioni sono tante e la voglia di visitare il quartiere è forte. Però la frenetica capitale giapponese è una città che bisogna aver studiato prima di visitarla. È gigantesca, piena di vicoli che facilmente possono disorientare anche il più esperto dei viaggiatori. Per questo motivo vi diamo qualche dritta su come orientarsi a Ueno.

Il quartiere è fornito da varie linee ferroviarie, che congiungono nella principale omonima Stazione di Ueno, punto di riferimento per visitare il quartiere. È anche il punto di partenza ideale, dato che da qua ci possono raggiungere rapidamente le attrazioni del quartiere. Per esempio, a pochi minuti a piedi dalla stazione di trova il grande Parco di Ueno.

La stazione ferroviaria è fornita dalla circolare Yamanote, che serve il centro città. Vi sono anche disponibili i servizi ferroviari della shinkansen, la rete dei treni ad alta velocità, oltre che l’onnipresente metropolitana. Punto interessante per i viaggiatori è l’ufficio turistico, posto nella Stazione Keisei di Ueno, situata a breve distanza dalla stazione principale.

La Stazione di Tokyo e la Stazione di Ueno sono collegate mediante i treni delle linee JR – tra cui la già citata Yamanote – con un tempo richiesto di circa 10 minuti. Dalla Stazione di Tokyo, della Rete Kensei, sono disponibili i treni Espressi Sukairaina, Akusecu e quelli limitati. Mentre dall’Aeroporto Internazionale di Narita sono disponibili i treni Rapidi Sobu e quelli N’EX, oltre ovviamente alla Yamanote. La metropolitana, invece, è fornita mediante la linea Ginza (o linea 3), indicata con il colore arancione, che ricordiamo inoltre essere la più antica non solo del Giappone, ma di tutta l’Asia, con inaugurazione datata al 1927.

OneMag-logo
Link-uscita icona La baia di Tokyo, l’insenatura dell’Oceano Pacifico

Cosa vedere a Ueno Tokyo

Cosa vedere a Ueno
© javi.paz/Flickr

Come abbiamo subito introdotto, Ueno è una vera e propria oasi di pace e serenità posta nel cuore della capitale giapponese. Oltre alla sua rigenerante atmosfera, nell’alta stagione giapponese Ueno è tra i luoghi di massimo spicco per l’Hanami, che comprende la fioritura dei ciliegi. Il cuore del quartiere è diviso dalla stazione ferroviaria, da cui si può rapidamente giungere al Parco e allo Zoo di Ueno.

Il Parco di Ueno

Il Parco di Ueno
© Petr Piskarev/Flickr

La nostra prima tappa è proprio presso il Parco di Ueno, la principale attrazione del quartiere. Il parco si caratterizza per i lunghi viali alberati, che durante l’Hanami si trasformano completamente assumendo un aspetto quasi pittoresco. Il Parco di Ueno presenta dimensioni davvero ampie e ospita al suo interno diverse attrazioni di alto interesse culturale e storico.

Le origini del parco risalgono al 1873, ai primi anni dell’epoca Meiji, quando fu dichiarato come parco pubblico, tra i primi di questo genere nel Giappone. L’imperatore Taisho, nel 1924, cedette l’amministrazione del parco, al cui nome fu aggiunto il termine Onshi, che si traduce in donazione imperiale. Da sempre il Parco metropolitano di Ueno rappresenta un luogo di riferimento per lo svago e per la cultura, un punto di incontro tra divertimento e relax.

L’ingresso al parco è gratuito, mentre richiedono l’acquisto di un biglietto le strutture interne, seppur con tariffe davvero basse (500-1000 yen). Il Parco metropolitano di Ueno è aperto dalle 5.00 del mattino fino alle 23.00, mentre le strutture poste al suo interno aprono circa alle 9.00 e chiudono tra il 16.00 e le 17.30.
Dalla Stazione di Ueno è presente l’uscita Ueno Park Exit che permette direttamente di raggiungere il parco in pochi passi. Infatti, superati i tornelli, bisognerà semplicemente attraversare la strada posta dinnanzi.

Lo Zoo di Ueno

Lo Zoo di Ueno
© Toshihiro Gamo/Flickr

Imperdibile, soprattutto se in visita con i più piccoli, lo Zoo di Ueno, posto dentro il parco, esteso per quasi 15 ettari, fondato nel lontano 1883 e casa di oltre 400 specie di fauna e 3000 esemplari differenti. Dentro lo Zoo di Ueno, il più antico del Giappone, sono ospitati un gran numero di panda giganti, con tutta probabilità la specie animale che più attira visitatori. I teneri panda nello Zoo di Ueno sono curati e allevati egregiamente, rappresentando uno dei più importanti parchi zoologici per la tutela di questa specie. Tra gli altri esemplari qua possiamo ammirare le tigri di Sumatra, i gorilla di pianura, tapiri del Sudamerica, orsi polari e possenti leoni indiani. Come i panda giganti, anche le tartarughe sono una delle specie a rischio estinzione che nello Zoo di Ueno vengono tutelate e allevate.

Il Tempio Kaneiji

Un’altra attrazione che merita essere visitata all’interno del Parco di Ueno è il Tempio Kaneiji, le cui origini sono legate al Periodo Edo. In passato, il Parco di Ueno rappresentava il complesso esterno al Tempio di Kaneiji, al cui centro si trovava stagno di Shinobazu, nel punto in cui oggi troviamo il Kiyomizu Kannondo e la scenografica pagoda di cinque piani.
Il tempio fu costruito nel 1625 ottenendo da subito il sostengo del clan Tokugawa, che contribuirono al suo sviluppo e dell’annesso parco. Molti dei più importanti componenti del clan furono sepolti proprio qui. Il Tempio di Kaneiji, inoltre, fu teatro della sconfitta dell’ultimo shogun Tokugawa, nel 1868, da cui si istituì il rinnovamento Meiji che cambiò per sempre le sorti di Tokyo.

Lo stagno Shinobazu

Uen, il parco con lo stagno Shinobazu
© mike leonard/Flickr

Lo stagno Shinobazu, che abbiamo accennato poco fa, è situato nell’area sudoccidentale del Parco di Ueno ed è un’importante punto di riferimento sia per turisti che per i cittadini. Lo stagno si caratterizza per la moltitudine di fiori di loto, che durante la primavera accompagnano la fioritura dei ciliegi, rendendo l’Hanami ancor più scenografica qua. Negli ultimi anni, inoltre, i birdwatcher amatoriali si recano qua per la moltitudine di specie di avifauna, tra cui i cormorani, che completano il ricco patrimonio naturale del Parco di Ueno.

I musei di Ueno

Tokyo National Museum, Ueno
© Iyhon Chiu/Flickr

Il quartiere di Ueno abbiamo visto essere ricco di attrazioni. Uno dei vanti del quartiere sono i musei, tra i più importanti della capitale giapponese. Il più antico e grande museo del Giappone è proprio presente a Ueno: parliamo del Tokyo National Museum. Il Museo Nazionale di Tokyo, insignito come imperdibile cosa da vedere a Ueno, offre una ricchissima mostra composta da reperti storici e opere d’arte, oltre che oggetti artigianali (tra cui un gran numero di ceramiche) e antiche armi (le spade sono un ottimo esempio).
Tanti sono gli altri musei che possiamo visitare a Ueno. Il Nationale Museum of Nature and Science è un’ottimo esempio, il più importante museo di scienza e storia naturale della città, particolarmente apprezzato dai più piccoli. Per chi invece è alla ricerca di mostre più caratteristiche il Tokyo Metropolitan Art Museum e il National Museum of Western Art sono due istituzioni davvero imperdibili.

Il mercato di Ameyoko

Ultimo punto di interesse da non perdere è il vivace mercato di Ameyoko, raggiungibile facilmente dalla Stazione di Ueno, posto proprio davanti l’uscita. Il mercato, trafficatissimo tutti i giorni, offre numerosi stand e negozietti in cui acquistare prodotti tipici eccellenti, tra cui il pregiato tè giapponese. Il mercato di Ameyoko è senza dubbio il luogo migliore in cui ricercare il proprio souvenir in tutta Tokyo.

(📌 indirizzo)


 

Condividi su: