0
Condividi su:

Viaggio nel Malawi, ecco cosa vedere

icona-articoloUn paese ideale per iniziare il proprio viaggio alla scoperta dell’Africa.
Natura, paesaggi e tradizione. Benvenuti nel Malawi.
Il Malawi è uno dei paesi senza uno sbocco diretto sul mare, nonostante l’intera nazione è ricca di corsi d’acqua, fiumi e altri bacini idrici che hanno permesso la sopravvivenza all’intero popolo.
Questo grazie anche alla presenza, per una buona parte dell’intero territorio, del Lago Malawi, il terzo lago più grande di tutta l’Africa, ma anche da altri laghi, meno noti e meno importanti ma altrettanto importanti per l’economia locale.

Dal lago Malawi parte anche un importante affluente, quello del fiume Shire, il principale di tutto il paese. Il fiume Shire sfocia poi in un altro fiume, quello Zambesi, dando via ad un percorso unico di attraversamento delle acqua.

Cosa fare nel Malawi

Guida turistica LAgo Malawi

Importante meta turistica è naturalmente proprio il lago, meta di relax ma anche di attività sportive. Qua praticamente ogni sport acquatico è possibile, dallo snorkeling alla vela arrivando alla pesca, attività principale di tutto il paese.
Molte le strutture ricettive che si affacciano direttamente sul lago ed in ognuna è possibile noleggiare tutto il necessario per trasformare una vacanza in un momento di assoluto divertimento.

Basterà però raggiungere gli altipiani che circondano il Malawi, quelli della Rift Valley, per poter variare la propria attività sportiva unendo anche il trekking ma, sopratutto, per visitare il panorama unico a bordo di una bicicletta.
Ma, tornando sulle sponde del lago, da qua è anche possibile praticare equitazione oppure scegliere di iniziare il proprio viaggio turistico per una delle tante possibili escursioni.
Anche qua, il percorso sportivo offre la possibilità di arrampicate sulle rocce proprio dal Monte Mulanje, a sud del Malawi e una tra le mete più frequentate turisticamente.

Muoversi nel Malawi

Guida turistica Lago Malawi

Raggiungere il Malawi è piuttosto semplice grazie alla presenza del Lilongwe International Airport che garantisce i collegamenti internazionali dall’Europa. Ma è anche possibile arrivarci in nave usufruendo di uno dei traghetti che lo uniscono al Mozambico alla Tanzania.

Una volta arrivati troverete delle infrastrutture stradali piuttosto sicure, specie se deciderete di attraversare le città principali del paese. All’interno trovate una rete ferroviaria che però non rappresenta la scelta principale per muoversi.

I locali, e altrettanto vi suggeriamo, preferiscono spostarsi usufruendo dei servizi di autobus che hanno il pregio di essere economici e piuttosto comodi, nonostante siano spesso affollati.
Come alternativa potreste anche rivolgervi alle compagnie di taxi collettivi, alternativa piuttosto valida per muoversi in gruppo.

Shopping e souvenir nel Malawi

Guida turistica LAgo Malawi

Dimentichiamoci i centri commerciali occidentali e dirigiamoci piuttosto verso i tanti mercati locali, ricchi di numerose proposte tipiche della zona meridionale dell’Africa.
Qua sarà possibile acquistare uno dei tanti oggetti in legno di ebano ma anche delle ceramiche create artigianalmente in loco o ancora strumenti musicali o anche stoffe, tutte di discreta fattura.

Anche nel Malawi la trattativa è comune. Non sentitevi a disagio ma anzi mettevi al contrario sempre a trattare sul prezzo. Per il venditore non solo non è offensivo ma è al contrario un segno di apprezzamento su quanto posto in vendita. Naturalmente partite poi dal concetto che il prezzo richiesto è notevolmente più alto rispetto a quello corretto.

OneMag - Logo Micro
I luoghi più belli da non perdere in Africa

 

La gastronomia del Malawi

Il mercato di Malawi

In un paese ricco d’acqua, pur senza sbocchi sul mare, il protagonista principale è naturalmente il pesce. La pesca è anche una delle attività che vedrete spesso praticare e, specie nella zona limitrofa al Lago Malawi, troverete tanta abbondanza e varietà.
Qualunque sia il pesce che avrete scelto preparatevi ad assaggiarlo con una ciotola di riso e una delle tante salse di contorno, preparate con le verdure raccolte in zona.
Come per ogni paese africano, o quasi, anche la frutta tropicale è una tra le prelibatezze da non lasciarsi sfuggire.
Anche la manioca ed il mais sono alimenti di base per l’alimentazione locale. Provate ad esempio il nsima, una sorta di porridge preparato con mais schiacciato e quindi bollito nell’acqua.
Per la carne non perdere il mkuku, uno stufato di pollo, o anche il nyama ngombe, uno stufato preparato però con la carne di vitello.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0