Turismo in Algeria, vacanze nel Nord Africa

Turismo in Algeria, vacanze nel Nord Africa alla scoperta di oltre un migliaio di coste adriatiche e del territorio sahariano. L'Algeria è il secondo paese più esteso di tutta l'Africa, la lingua ufficiale è l'arabo ma quella nazionale è invece il berbero tamazight ed ha una superficie di oltre un migliaio di km adagiato sulle coste del Mediterraneo. Ecco l'Algeria.3 min


0
Cosa vedere in Algeria
Condividi su:

Algeria, la guida turistica

icona-articoloIl secondo paese più esteso di tutta l’Africa, storia e natura da vivere e da scoprire a meno di 2 ore di volo dall’Italia. Tra i confini delMarocco e della Libia troviamo l’Algeria, il paese più esteso del continente Africano.
Programmare un viaggio in Algeria significa raggiungere uno dei luoghi, pur vicini a noi, estremamente distanti come modo di vivere, di pensare e di ragionare.

Il suo passato racconta di episodi piuttosto frequenti di terrorismo, oggi la situazione è diversa ma una volta raggiunta l’Algeria è sempre prudente rimanere vigili su quanto accade intorno.
Se intendete recarvi a Djanet, Timimoun o Tamanrasset ricordate di avvalervi di un tour operator riconosciuto dal Ministero algerino del Turismo.

 Leggi ancheIl Monte Masaya, il vulcano attivo del Nicaragua

Tunisia, le attrazioni


E proprio per questo è meglio evitare di intraprendere un viaggio in solitario ma è opportuno rivolgersi a quei tour operator in grado di farvi visitare il paese in più sicurezza, anche se definirsi completamente tranquilli forse non è opportuno.

Ma, una volta raggiunta la destinazione, il turista responsabile saprà miscelare una certa dose di cautela a quella adrelanica offerta da un paesaggio davvero unico, avvolgente e anche -in parte- misterioso.

Informazioni sull’Algeria

Valuta di Algeria

Qui la lingua ufficiale è l’arabo ma quella nazionale è invece il berbero tamazight. Tuttavia non sarà difficile trovare qualcuno in grado di comunicare in francese, la seconda lingua dell’Algeria.
La religione è naturalmente quella islamica anche se ebrei e cattolici sono presenti, specie nelle grandi città, e rappresentano la minoranza più importante.

La moneta ufficiale dell’Algeria è il dinaro algerino ma dollari e sopratutto euro sono relativamente possibili da spendere, sia ad Algeri che nelle principali località. Il cambio tuttavia non è naturalmente conveniente.

Se volete pianificare un viaggio nel Sahara vi rimandiamo a ⇒ questo articolo.

La geografia dell’Algeria

Algeria, Oran

L’Algeria confina con  Marocco, Tunisia, Libia, Niger, Mali e Mauritania ed ha una superficie di oltre un migliaio di km adagiato sulle coste del Mediterraneo.
Oltre l’80% del territorio è invece occupato dal deserto sahariano con il suo tipico paesaggio di grandi dune di sabbia e distese rocciose.

In maniera parallela alla zona costiera troviamo l’Atlante Telliano, la catena montuosa posta a nord del paese e che raggiunge anche, per un breve tratto, la Tunisia occidentale.
Sempre appartenente alla catena montuosa dell’Atlante troviamo anche quello sahariano e nel mezzo delle due catene montuose abbiamo invece la presenza degli Altopiani.

Artigianato locale

Algeria, suq


Gli algerini sono riconosciuti come abili lavoratori tessili a testimonianza della cultura berbera unita a quella algerina. Anche la ceramica, come per molte altre realtà africane, rappresenta una delle tipiche lavorazioni artigianali.

In linea generale sono le donne ad occuparsi di tutte le attività ascrivibili all’artigianato, l’uomo è invece maggiormente indirizzato verso l’arte musicale. Sono loro infatti tra i principali protagonisti a proporre la più recente forma di musica algerina, la Raï, in grado di raccontare storie d’amore ma anche momenti meno romantici.

La gastronomia algerina

La gastronomia algerina

Si tratta di una gastronomia araba miscelata a gusti più tipicamente francesi.
Prima di affrontare cosa mangiare è opportuno ricordarsi che durante il Ramadan – che cade il nono mese dell’anno e ha una durata di 30 giorni – è davvero difficile cenare in un qualsiasi ristorante che non sia presente all’interno di un grande albergo.

Per il resto i piatti tipici prevedono ingredienti naturali come pomodoro, pesce, spezie ed olio di oliva. 
Non sarà assolutamente difficile trovare un piatto di pasta e ancor più semplice pasteggiare con il cuscus.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0