Trollstigen (Strada dei Troll), Norvegia | La scenografica strada nei fiordi norvegesi
Trollstigen (Strada dei Troll), Norvegia | La scenografica strada nei fiordi norvegesi

Trollstigen (Strada dei Troll), Norvegia | La scenografica strada nei fiordi norvegesi


Condividi su:
Leggi tutti gli articoli della Norvegia
Mappa della Trollstigen, la Strada dei Troll in Norvegia
Dove si trova la Trollstigen, la Strada dei Troll in Norvegia

Icona articoloNel cuore della Norvegia, a circa un’oretta e mezza dalla città di Molde, si trova la Trollstigen, letteralmente la Strada dei Troll, una delle più importanti attrazioni del paese, resa celebre anche grazie alla vicinanza con il ⇒ Geirangerfjord, Patrimonio UNESCO di fama mondiale. Questa strada rappresenta uno degli itinerari su asfalto più ambiti d’Europa, sebbene corto – appena 12,2 chilometri – che attraversa la natura incontaminata della Norvegia occidentale. Lungo il percorso della Strada dei Troll si possono godere di ampie vedute sui profondi fiordi, tra alte cascate e fertili vallate, di così alto valore tanto che questa è stata dichiarata Strada Turistica Nazionale Trollstigen. Ecco la Trollstigen, la leggendaria Strada dei Troll in Norvegia.

Cenni storici

Panorama sulla Trollstigen, Norvegia
Panorama sulla Trollstigen, Norvegia

La Strada dei Troll, dal norvegese Trollstigen, è un’importante snodo stradale raffigurato come passo di montagna e considerato come uno dei massimi capolavori dell’ingegneria civile. Ci troviamo nella regione del Vestlandet, tra i comuni di Rauma ad Åndalsnes, dove per poco più di 12 chilometri si snoda questa strada asfaltata in grado di ospitare veicoli lunghi fino i 12 metri.

La storia della Trollstigen comincia nei primi anni del XX secolo. Il governo norvegese diede l’autorizzazione per la costruzione di un sentiero battuto sulla Stigfjellet, un’area estremamente ripide e, quindi, di difficile accesso. Dopo un lungo dibattito politico, i finanziamenti arrivarono a metà della seconda decade, nel 1916. Occorse però attendere il termine della Prima Guerra Mondiale per vedere il via dei lavori veri e propri, inaugurando i primi accessi sulla strada nel 1928.

A causa delle condizioni climatiche rigide era possibile lavorare solamente nei mesi estivi. La zona in questione, posta ben più a nord della capitale Oslo, è particolarmente soggetta a forti nevicate, che vedono già imbiancare le pareti montuose tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre. Per rendere completamente agibile il percorso furono richiesti ben otto anni di lavoro. L’inaugurazione ufficiale di questa strada, avvenuta nel 1936, fu di tale importanza non solo per l’area interessata, ma per tutto il paese, tanto che vi partecipò lo stesso Re Haakon VII, ancora ignaro che da lì a poco tempo questa strada sarebbe diventata un’importante attrazione turistica.

Il flusso turistico divenne così notevole che l’ampia frequentazione deteriorò parte del percorso, rendendola in alcuni tratti difficilmente percorribile, complice anche l’aumento delle dimensioni dei veicoli. Così, poco meno di un secolo dall’inizio dei lavori, furono indetti grandi lavori di ampliamento, tra il 2005 e il 2012, focalizzati soprattutto sui tornanti, permettendo quindi l’accesso anche agli autobus. A lavori la strada raggiunge un’altitudine massima di 850 metri.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Trondheim in Norvegia

Cosa vedere sulla Trollstigen

Cosa vedere sulla Trollstigen, Norvegia
Cosa vedere sulla Trollstigen, Norvegia

La Trollstigen serpenteggia lungo le smeraldine vallate interamente avvolte dalle grandi pareti rocciose delle montagne. La morfologia prevalentemente montuosa ha reso quindi necessario la costruzione di una strada costantemente in pendenza, con un valore medio del 9% con un totale di 11 stretti tornanti.

Per chi decide di recarsi in Norvegia appositamente per percorrere la Trollstigen bisogna riferirsi all’aeroporto di ⇒ Alesund, altra stupenda località meritevole di essere visitata. Molti appassionati decidono di vivere l’itinerario in moto, sfruttando poi il proseguimento della strada anche al termine della Trollstigen, che ufficialmente è designata come passo di montagna. È bene ricordarsi che bisogna disporre della patente internazionale e che la Norvegia è un paese particolarmente costoso, anche in merito al noleggio di autovetture.

I lavori di ampliamento avvenuti tra il 2005 e il 2012 hanno riguardato molteplici aspetti della Trollstigen. Alla conclusione degli interventi, quindi una volta adibita la strada completamente al traffico turistico, nel 16 giugno 2012 la Trollstigen venne classificata come Nasjonale turistveger. Questa è una classificazione molto prestigiosa assegnata dal governo norvegese alle strade di particolare interesse turistico, che include diciotto strade norvegesi, per un totale di 1850 chilometri. Parallelo ai lavori di ampliamenti fu realizzato anche il centro visitatori, aperto nello stesso 2012, composto da elementi in pietra e vetro le cui forme taglienti ben si incastonano nel panorama della Strada dei Troll.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Fiordi Norvegesi, viaggio lungo la costa della Norvegia

Quando visitare la Trollstigen

È bene sapere che la Trollstigen non è sempre accessibile. Infatti, come per i primi lavori di costruzione, anche l’accesso al pubblico è disponibile tra metà maggio e metà novembre. Il lungo inverno norvegese, che giunge in largo anticipo visto la latitudine, porta grandi nevicate sul territorio, bloccando materialmente l’accesso automobilistico. Tuttavia, l’apertura della strada è sempre soggetta a variazioni, ovviamente sempre basate sulle condizioni meteo. In particolare, la riapertura della Trollstigen può slittare da metà maggio a inizio giugno, come successo nel 1997, nel 2005 e nel 2012.

Fino ai primi anni del XXI secolo, la Strada dei Troll era soggetta alla chiusura già tra i mesi di agosto e settembre. Nel 2010, quando i lavori di ampliamento erano già in stato avanzato, la chiusura slittò tra novembre e dicembre. Mentre nel 2014 e nel 2018 sono avvenute alcune eccezionali aperture invernali di breve durata per via del clima particolarmente mite.


 

Condividi su: