Torre di Londra | Cosa vedere nella Torre di Londra

Guida alla Torre di Londra, Tower of London, uno dei più antichi luoghi di Londra nonché tappa fondamentale in un viaggio nella capitale britannica. Annoverata tra i Patrimoni UNESCO, la Torre di Londra è forse il castello più interessante da visitare, posto nella riva a nord del Tamigi, poco distante da Tower Bridge. Scopriamo subito insieme cosa vedere alla Torre di Londra, simbolo indiscusso della città storica.4 min


0
Tprre di Londra
Condividi su:

La Torre di Londra, cosa vedere
Guida della Torre di Londra

Londra | Cosa vedere a Londra, la guida completa

Icona articolo

Tra i luoghi più storici da vedere a Londra, la Tower of London rappresenta una tappa fondamentale per scoprire cosa vedere nella capitale inglese.
Annoverata tra i Patrimoni UNESCO, la Torre di Londra è forse il castello più interessante da visitare, posto nella riva a nord del Tamigi, poco distante da Tower Bridge.

Oltre alla bellezza architettonica, la Torre merita di essere inserita tra le cose da vedere a Londra per il fascino che da sempre la ricopre, una lunga storia di complotti e intrighi, come avremo più avanti modo di scoprire.
La Torre di Londra è un complesso di palazzi con funzioni, forme e dimensioni ben diverse.
La loro costruzione è avvenuta nel corso di vari secoli attorno a quello che fu il primo edificio realizzato, la White Tower.

Link-uscita icona Scoprite il Big Ben, la torre dell’orologio più famosa del mondo

La storia della Torre di Londra

Torre di Londra
La Tower of London è uno degli edifici più antichi della capitale inglese e anche una tra le più belle fortezze di tutto il Regno Unito.
La sua costruzione, voluta da Guglielmo il Conquistatore, è iniziata nel 1066 ed è inizialmente proseguita fino al 1087 senza interruzioni, durante il periodo di conquista normanna dell’Inghilterra.
Da subito lo scopo era quello di rappresentare visivamente la potenza dei nuovi padroni dell’Inghilterra, i Normanni di Guglielmo. L’edificio venne poi completato da Edoardo I tempo dopo, tra il 1272 e il 1307.

Lo scopo iniziale della Torre era quello di difesa proprio dei Normanni dai possibili attacchi degli inglesi ma anche dagli invasori esterni.
Per lungo tempo l’edificio è stato la prigione di Londra più temuta, incutendo da parte proprio degli abitanti inglesi paura ma anche rispetto. La stessa area di reclusione era suddivisa in varie celle differenti fra loro, alcune piuttosto semplici e dotati di alcuni comfort mentre altre decisamente meno invitanti. Una delle torture più praticate era l’allagamento della cella, operazione che avveniva secondo la pena inflitta più o meno rapidamente.

Diversi gli ospiti illustri qua rinchiusi, tra i tanti anche la regina Elisabetta I che qua venne reclusa per qualche settimana, nel 1554, accusata di cospirazione durante il periodo noto come ‘ribellione di Wyatt’, la rivolta popolare intitolata a uno dei leader della sommossa.
Altro reggente fu Enrico VI d’Inghilterra, assassinato nel 1471.
Tra gli altri meritano essere citati Guy Fawkes, il cospiratore festeggiato ogni anno il 5 Novembre a memoria del fallito attentato che aveva lo scopo di sovvertire il Parlamento; Walter Raileigh, l’esploratore inglese accusato di cospirazione da Giacomo I e Margaret of Anjou, la moglie di Enrico VI.

Prima di essere adibita come edificio di reclusione, per lungo tempo è stata utilizzata come residenza reale, venendo poi utilizzata come tesoreria, arsenale e anche per ospitare i gioielli della corona.

Link-uscita icona Liverpool: la città inglese dei Beatles

Gli edifici della Torre di Londra

Cosa vedere nella Torre di Londra, edificiAccessibili attraverso la Traitors’ Gate, la Porta dei traditori, cosi chiamata poiché era l’accesso dei prigionieri che venivano qua portati attraverso le acque del Tamigi, diversi sono gli edifici che compongono la Torre di Londra.

  • White Tower: Il primo edificio costruito fu la Torre Bianca, realizzato nel 1078 con lo scopo di prevalere sulle capanne che all’epoca erano le abitazioni che la circondavano.
    Durante i secoli sono da qui partite numerose aggiunte con abitazioni, celle e mura che iniziavano a realizzare l’attuale percorso di circa 7 ettari.
    Al suo interno oggi è possibile visitare la mostra di armature reali che ci riporta lungo la storia della sua costruzione.
    Torre di Londra, London TowerCappella di San Giovanni

Tra gli altri edifici qua custoditi troviamo la Cappella di San Giovanni, costruita come parte della White Tower alla fine del XI secolo e probabilmente dedicata alla famiglia reale durante la sua permanenza alla Torre di Londra.
Nella sua storia la si ricorda come edificio destinato a ospitare un negozio di abbigliamento militare. Fu l’intervento del Principe Alberto a permettere il ripristino della struttura religiosa.
La Cappella di San Giovanni si estende su due piani della torre ed è separata unicamente da un muro.

  • Beauchamp TowerAdibita a prigione, la torre è intitolata a uno dei suoi ospiti illustri, Thomas Beauchamp, il conte di Warwick che qui venne proprio rinchiuso.
    Merita visitare la Torre Beauchamp anche per la sua mostra, al piano terra, dedicata proprio ai prigionieri della torre.
  • Wakefield Tower: Voluta da Enrico III nella metà del XIII secolo, qui venne assassinato Enrico IV durante la sanguinosa Guerra delle Due Rose, il conflitto combattuto tra le casate di York e Lancaster tra il 1455 e il 1485.
    Il secolo successivo la torre di Wakefield venne utilizzata come luogo di torture, raccontato nella mostra Torture at the Tower, l’esibizione che racconta i metodi di tortura usati al suo interno.
  • Bloody Tower: Il nome, torre insanguinata, ricorda la morte dei due piccoli principi, Eduardo V e il fratello Richard, di 12 e 10 anni, gli eredi al trono uccisi dallo zio, il Duca di Gloucester, il futuro re Riccardo III.
    I lavori di restauro del 1674 hanno casualmente permesso di ritrovare i due scheletri, murati probabilmente vivi all’interno della torre. Oggi i resti sono nell’urna conservata nell’Abbazia di Westminster.
  • Salt Tower: Altra torre adibita a prigione, al cui interno è stato anche rinchiuso Giovanni Battista Castiglione, l’insegnante d’Italiano dell’allora principessa Elisabetta I.
    All’interno avrete modo di trovare il graffito, in italiano, proprio lasciato dall’insegnante, in seguito ricompensato dalla regina con il titolo di nobile.
  • Martin Tower: In passato era la sede dei Gioielli della Corona, il luogo dove avvenne il tentato furto del 1671, ricordato anche in alcune pellicole cinematografiche. Oggi è la sede di una mostra sulla storia dei gioielli mentre il tesoro è ospitato nella Jewel House.
Link-uscita icona Guida a Trafalgar Square, il gioiello del centro di Londra

I Gioielli della Corona

Cosa vedere nella Torre di Londra, i gioielli della Corona
Il tesoro della Corona Inglese è custodito già dai tempi di Enrico III all’interno della Torre di Londra.
Sono il vero simbolo della monarchia, oggi utilizzati ancora per l’incoronazione di re e regine.
L’esposizione, nella Jewel House, è stata inaugurata nel 1994 dalla Regina Elisabetta II.

All’interno sono presenti 23.578 diamanti, tra cui il diamante Koh-i-Noor di 105 carati e il Cullinian I, da ben 530.4 carati.
Più volte hanno vissuto grandi avvenimenti, come nel 1261 quando il Re Giovanni li perdette per poi ritrovarli. Ancora vennero usati da Edoardo III come pegno di garanzia per il pagamento delle truppe e salvati miracolosamente dalla distruzione da parte di Oliver Crownell, che voleva dimostrare la caduta della monarchia.

Merita infine ricordare il più rocambolesco tentativo di furto. Era il 9 maggio del 1671 e i gioielli erano custoditi nella Torre Martin, quando il colonnello Thomas Blood, militare e criminale irlandese, riuscì a penetrare nella struttura nascondendo la corona reale sotto il mantello.
La sua fuga venne poi interrotta dal figlio del custode, ucciso dal militare, che riuscì a dare l’allarme impedendogli di scappare.
La notizia forse più incredibile è quello che successe in seguito al colonnello. Invece di essere arrestato e punito severamente, il Re Carlo II gli concesse la grazia e anche una pensione per il resto della sua vita.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0