Tornareccio | Cosa vedere nel borgo del Monte Pallano, Chieti

Cosa vedere nel borgo di Tornareccio all'inizio del pendio del Monte Pallano, comune montano di poco più di 1800 abitanti nella provincia di Chieti. Conosciuto per i suoi meravigliosi mosaici, Tornareccio è a tutti gli effetti un museo a cielo aperto. Ogni anno dal 2006 nel mese di agosto si svolge una manifestazione chiamata 'Un mosaico per Tornareccio'. Le opere rimangono visibili anche dopo l'evento distribuite lungo le stradine del centro storico. Ecco cosa vedere a Tornareccio in provincia di Chieti.2 min


1
I mosaici di Tornareccio
Condividi su:

Cosa vedere nel borgo del Monte Pallano, Chieti

Tutti gli articoli dell’Abruzzo

icona-articolo

Nell’entroterra dell’Abruzzo, giusto all’inizio del pendio del Monte Pallano, troviamo il borgo di Tornareccio, comune montano di poco più di 1800 abitanti nella provincia di Chieti.
Conosciuto per i suoi meravigliosi mosaici, Tornareccio è a tutti gli effetti un museo a cielo aperto. Il borgo è perfetto da essere visitato durante una giornata alla scoperta dell’Abruzzo meno noto, quello tipico di montagna.
Pronti a conoscere e scoprire cosa vedere a Tornareccio?

Cenni storici

Mappa di TornareccioL’intera area intorno al Monte Pallano ha origini antichissimi, risalenti ad almeno 15-20.000 anni fa, quando vi si insediarono vari popoli di origini lucane.
La vera storia di Tornareccio ha inizio però molto dopo, durante l’Impero Romano quando il borgo abruzzese venne conquistato e da loro governato.
Nella metà del XII secolo il nome con cui viene identificato il borgo è Tornarezam, periodo in cui le notizie non riportano dati significativi. Tornareccio è descritto come un paese in declino e non particolarmente in grado di svilupparsi autonomamente.

Durante il XV secolo si ha unicamente notizia delle sue chiese parrocchiali. Sono ben cinque a condividere un territorio tutto sommato non troppo esteso a livello urbano e demografico.
Il XVIII secolo vede Tornareccio sottostare al feudo dei Colonna, i quali imposero agli abitanti dazi piuttosto impegnativi. La cittadina si ritrova in un profondo periodo di crisi economica.
La storia più recente la ricorda occupata dai nazisti, nel 1943. Tornareccio venne distrutto dai soldati minando le case e costringendo gli abitanti a trovare rifugio sul Monte Pallano.
Solo alla dipartita dei soldati nazisti e alla conclusione del conflitto, gli abitanti riuscirono a tornare nel proprio paese dando il via a una profonda ricostruzione.

OneMag-logo
Link-uscita icona Conosciamo la Val Vibrata, nella provincia di Teramo, con il suo borgo di Civitella del Tronto

Cosa vedere a Tornareccio

alfredo-paglione-tornareccio
Alfredo Paglione, Tornareccio – Ph: unmosaicopertornareccio.it

Passeggiare per il borgo medievale di Tornareccio, nella provincia di Chieti, vuol dire immergersi in un territorio unico, una combinazione tra storia, arte e cultura.
Sono i mosaici, come descritto nell’introduzione, la principale ragione di una visita in questo meraviglioso borgo medievale.
Passeggiando, si diceva, ci permetterà di ammirare i tanti edifici, comprese di chiese, arricchite dalla presenza di numerosi mosaici, un perfetto connubio tra vacanza e arte.

Un mosaico per Tornareccio (⇒ link al sito ufficiale) è il nome della manifestazione che si svolge ogni anno dal 2006 nel mese di agosto, mese in cui numerosi artisti espongono le loro opere direttamente sulle facciate, una mostra in cui l’argomento principale viene discusso mesi prima.
Le opere vengono installate mesi prima e rimangono visibili anche dopo l’evento, permettendo oggi di ammirare in totale quasi un centinaio di opere, distribuite lungo le stradine del centro storico.

L’idea di questa interessante iniziativa è arrivata a Alfredo Paglione, gallerista e mecenate le cui origini sono proprio di Tornareccio.
Attraverso il sito ufficiale è anche possibile ammirare alcuni dei mosaici presenti a Tornareccio e i tanti disegni presenti sulle facciate del borgo.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

1