Tirana, cosa vedere nella capitale dell’Albania

Cosa vedere a Tirana, la capitale dell'Albania e città in continua espansione. Tra le cose da vedere a Tirana segnaliamo il Castello di Preze, il Castello di Petrela, la Fortezza di Giustiniano e il Castello di Tirana, un fantastico esempio di arte bizantino-medievale. Tra le cose da visitare a Tirana ricordiamo la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù, la Cattedrale di San Paolo e la bellissima Cattedrale ortodossa della Resurrezione di Cristo, la più grande di tutta l'area balcanica. Tra le attrazioni di Tirana, inoltre, annoveriamo la Piazza Skanderbeg dove troviamo la Torre dell'Orologio, il Museo Storico Nazionale ed il Teatro dell’Opera e della Danza. Ecco cosa vedere a Tirana.

Guida a Tirana, la capitale
dell’Albania

icona-articoloCapitale dell’Albania, la splendida Tirana è una città in continua espansione che negli ultimi anni sta conoscendo uno sviluppo economico, culturale e turistico davvero impressionante. Tirana conta poco più di 700mila abitanti e sorge in una valle tutta circondata da montagne e laghi naturali che conferiscono a Tirana un’atmosfera confortevole e un clima mite per gran parte dell’anno.

Un viaggio a Tirana potrebbe trasformarsi velocemente in una vacanza in cui   ammirare montagne, laghi, parchi naturali, chiese, castelli, musei e, con un piccolo viaggetto di un’ora anche uno tra i mari più belli che potrete mai ammirare.

Cosa vedere a Tirana

Castelli di Tirana

Tirana, cosa vedere nella capitale dell'Albania, il Castello di Petrela
Il Castello di Petrela

Città dal fascino antico, la capitale albanese può vantare un numero elevatissimo di castelli e fortezze e quindi da mettere tra le prime cose da vedere a Tirana.
Il più famoso è senz’altro il Castello di Tirana, un fantastico esempio di arte bizantino-medievale.
Altrettanto belli sono il Castello di Preze, il Castello di Petrela, che regalano a tutta la città un’atmosfera aulica e storica.

A questi va aggiunta anche la Fortezza di Giustiniano che fu costruita addirittura nel sesto secolo, ovvero mille anni prima la fondazione ufficiale di Tirana. Adesso possiamo soltanto ammirare i resti di dell’antica muraglia che nei punti più alti raggiunge i sei metri d’altezza, ma la costruzione testimonia ugualmente i tratti salienti del passaggio della dominazione bizantina.

Visitare Tirana

Cosa vedere a Tirana, la Torre dell'orologio
La Torre dell’Orologio

Altro monumento da non perdere una volta raggiunta la capitale dell’Albania è senz’altro il simbolo della città: la splendida Torre dell’Orologio, un campanile che vanta quasi duecento anni di storia.
Importante anche il patrimonio religioso che Tirana sa offrire ai suoi visitatori con un’interessante mix tra chiesa cattolica, ortodossa e bizantina, a cui fanno da contraltare anche numerose moschee.

In questo quadro incerto, dal momento che in tutta l’Albania dal 1967 al 1990 fu istituito il divieto assoluto di professare religioni, spiccano la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù e la Cattedrale di San Paolo, che pur presentando inevitabili tratti moderni, provano a riportare in auge gli antichi splendori.

Musei e cattedrale ortodossa di Tirana

Tirana, cosa vedere nella capitale dell'Albania, la Cattedrale ortodossa della Resurrezione di Cristo
La Cattedrale ortodossa della Resurrezione di Cristo

Tra le cose da vedere a Tirana è da non perdere la bellissima Cattedrale ortodossa della Resurrezione di Cristo, la più grande di tutta l’area balcanica. Sulla cupola ospita interessanti mosaici dell’artista albanese Josif Droboniku, e al suo interno contiene un anfiteatro, una biblioteca e anche un piccolo museo.
E a proposito di musei, nella splendida piazza Madre Teresa, spicca il Museo archeologico, che racconta l’antichissima storia della città; la Galleria d’Arte, che conserva interessanti opere di arte in stile realismo-socialista.

Da vedere anche il Museo di storia nazionale che conserva la bellezza di 3600 reperti archeologici risalenti al Paleolitico, all’epoca degli Illiri, dei Greci, e dei Romani, passando per il medioevo e raccontando anche i momenti più importanti del secondo conflitto mondiale e del comunismo.

OneMag - Logo Micro
Berat, il volto rurale dell’Albania

La Piazza Skanderbeg

Cosa visitare a Tirana, la Piazza Skanderbeg
La Piazza Skanderbeg

Tra le cose da vedere a Tirana è assolutamente da prevedere una tappa presso quello che è il luogo simbolo della città. Siamo nel centro città ed il nome di questa grande piazza è quello di Giorgio Castriota Skanderbeg, eroe nazionale che qua viene celebrato con una statua posta nel centro della piazza.
Skanderbeg è infatti il condottiero che respinse l’invasione dei turchi durante un terribile attacco nel XV secolo. Non fu solamente un patriota, Giorgio Castriota Skanderbeg riuscì infatti a coinvolgere l’intero popolo albanese riuscendo a far leva sul loro patriottismo, riuscendo a sconfiggere in questo modo i guerrieri turchi.
La piazza assunse tale nome solo nel 1968, anno in cui la statua venne posizionata e in contemporanea con numerose ulteriori lavorazioni che riguardarono l’intera Tirana.
Nella piazza Skanderbeg troviamo la Nuova Cattedrale Ortodossa, inaugurata nel 2011, e la Moschea Et’hem Bey, altro vero e proprio simbolo di Tirana.
Ma non solo. Tra le cose da vedere a Piazza Skanderbeg di Tirana troviamo proprio la Torre dell’Orologio ed il Museo Storico Nazionale, oltre al Teatro dell’Opera e della Danza.

OneMag - Logo Micro
Durazzo, cosa vedere nella seconda città dell’Albania

La piramide di Hoxha

Cosa visitare a Tirana, la piramide di Hoxha
La piramide di Hoxha

Al suo interno sarebbero dovuti essere conservati i resti di Enver Hoxha, ovvero il dittatore che fino alla sua morte, nel 1985, rimase al potere. Progettata dalla figlia del dittatore, la sua apertura avvenne poco dopo la sua scomparsa ma la contemporanea caduta del regime la vide presto trasformarsi nel Centro internazionale di cultura, oltre che sede di una televisione.
Oggi solo l’emittente televisiva ha ancora base qua, in questa piramide che i segni del tempo e del vandalismo ha trasformato in qualcosa di ben lontano rispetto alle idee iniziali.

Oggi infatti la piramide, ricoperta da numerosi graffiti, è proprio al contrario il simbolo di libertà della popolazione albanese. E’ tra le cose da vedere a Tirana proprio per questa ragione, come celebrazione di un monumento trasformato all’esatto opposto rispetto a quello per cui era stato concepito.

Il quartiere Blloku e la Sky Tower

Proprio in questo movimentato quartiere viveva, tra gli altri, Enver Hoxha con la sua famiglia. Era infatti, durante l’epoca comunista, la zona residenziale destinata ai membri del Partito Comunista.
Gli altri abitanti di Tirana non potevano sceglierla come luogo di residenza, essendo a loro anche vietato passeggiare in zona.
La zona era infatti protetta da un cordone di sicurezza dove le milizie vietavano, i non autorizzati, qualsiasi accesso.

Oggi Blloku è il quartiere più trendy della città, quello più lussoso e anche quello turisticamente più visitato. E’ qua infatti che si svolge buona parte della movida serale della capitale e, tra le cose da vedere a Tirana, merita una visita anche per scoprire la nuova Albania, quella molto distante rispetto al regime di pochi anni fa.
Le strade di Biloku oggi respirano aria di Europa dove, tra l’altro, poter salire sulla Sky Tower, gigantesca struttura da cui ammirare l’intero panorama di Tirana con la sua skyline in continua crescita.

OneMag - Logo Micro
Le cose da vedere più importanti in Albania

Quando andare a Tirana?

Quando andare a visitare Tirana

Il cima di Tirana e dell’Albania è di tipo mediterraneo, come quello italiano. Nelle pianure, anche in inverno, le temperature rimangono miti, con medie che difficilmente scendono sotto i 10°C.
A Tirana, invece, le notti invernali sono piuttosto fredde e non è raro che si verifichino episodi nevosi, anche se limitati a pochi giorni.
Nel periodo estivo, Tirana ha il suo massimo grado di calore durante il mese di Luglio dove non è poi raro assistere a temperature che raggiungono i 40°C.
Fortunatamente la quasi totalità degli alberghi di classe media e superiore sono dotati di aria condizionata, ma meglio verificarlo prima della partenza.
Con quasi 10 mesi di sole all’anno, l’Albania gode di un bel tempo quasi ogni giorno all’anno e le precipitazioni sono generalmente contenute all’inizio della primavera e nelle ultime settimane d’autunno.

Sono tuttavia proprio queste le migliori giornate per visitare Tirana, primavera e autunno.

OneMag - Logo Micro
Albania, alla scoperta dei luoghi imperdibili

Cosa mangiare a Tirana

La gastronomia di Tirana
La ricetta tipica: phillo

La gastronomia tipica di Tirana è una miscela tra gusti e sapori, ricordando ricette già provate in altri paesi del Mediterraneo, Italia compresa.
Tra le cose tipiche da mangiare a Tirana avrete modo di provare numerosi piatti unici, molti dei quali a base di verdure e altrettanti di carne.
Come verdure sono solite le cipolle, l’aglio, spinaci e pomodori mentre la carne viene generalmente servita accompagnata da riso, come piuttosto tipico nell’area dei Balcani.
Da provare il classico shishkebab, uno spiedo di agnello e manzo servito speziato, e il tave dheu, carne di vitello cotta al forno con diversi formaggi e accompagnato da verdure.

Importante anche la produzione di olio di oliva mentre come accompagnamento troviamo numerose salse, formaggi, pane e yogurt.
Da provare anche le tave mi qofte, delle polpette di carne preparate al forno e ricche di spezie, e i phillo, gustosi involtini serviti ripieni di verdure, formaggi e patate. La loro versione dolce è nota con il nome di baklava.

Condividi su: