0
Condividi su:

Guida di Timișoara

icona-articoloTimiș e oraș, ossia il nome del fiume Tibisco, affluente del Danubio, e la parola castello. Il tutto in lingua rumena, per creare il nome di Timișoara.
Municipio della Romania e centro multiculturale con influenti minoranze etniche, la città è stata candidata come capitale europea della cultura per il 2021.
La citta di Timisoara è anche la più grande della Romania Occidentale e, grazie ad una posizione strategica, vicina a Serbia ed Ungheria, è da sempre meta commerciale.

Visitare Timișoara significa respirare a pieni polmoni i risultati della locale multiculturalità evidente anche nei dettagli urbani che caratterizzano il vivace centro storico. È proprio qui, infatti, che i vicoli tessono la loro trama dal sapore mediterraneo, lasciando occhieggiare dettagli austroungarici sotto guglie ortodosse.

Cosa vedere a Timisoara

Cosa vedere a Timisoara

Per iniziare ad esplorare le cose da vedere a Timisoara, niente di meglio che partire dalla piazza principale, Piața Victoriei sulla quale si affacciano l’Opera e la Cattedrale Metropolitana Romena Ortodossa.


La piazza non è uno spazio monumentale, ma è indubbiamente il più significativo considerato che nel 1989 accolse le manifestazioni popolari contro il regime di Ceaușescu. In memoria delle vittime di quei giorni è stato realizzato un monumento di cemento ed acciaio.

– Teatro dell’Opera

Teatro dell'Opera

Il Teatro dell’Opera Nazionale di Timisoara è uno dei centri culturali più importanti di tutta la Romania, gestita direttamente dal Ministero della Cultura.
Del resto è proprio Timisoara il centro culturale più dinamico della parte occidentale della Romania e il Teatro ne è indubbia conferma.
La sua costruzione iniziò nel 1871 per opera degli architetti viennesi Hermann Helmer e Ferdinand Fellner, già noti per aver costruito altri teatri europei e venne conclusa nel 1875.


Due incendi gravi, nel 1888 e nel 1920, hanno distrutto l’intera struttura, ricostruita nel 1928 in stile neo-bizantino rumeno, diverso quindi dalla struttura originaria prevista dai due architetti austriaci.
E’ oggi riconoscibile per la sua facciata bianca ed i suoi interni sfarzosi, con sale riccamente decorate e valorizzate da un elegante marmo.
Dal 2004 il Teatro dell’Opera di Timisoara ha ricevuto il titolo di Teatro Nazionale dell’Opera, come riconoscimento dei suoi meriti speciali.

Cattedrale Metropolitana Ortodossa

Timisoara, cattedrale

Nella Piazza della Vittoria troviamo un’altro degli edifici da inserire tra le cose da vedere a Timisoara. Parliamo della Cattedrale metropolitana ortodossa, realizzata nello scorso secolo e visibile anche da notevole distanza, vista la sua dimensione.

La sua inaugurazione è avvenuta nel 1946, pochi mesi dopo la conclusione della Seconda Guerra Mondiale, anche se l’edificio era già pronto nel 1941, dopo 5 anni di lavori.
L’enorme cattedrale è in grado di ospitare ben 5.000 persone, numero che rende subito fin da subito l’imponenza dell’edificio.

La sua struttura è una combinazione di diversi stili, da quello bizantino a quello ottomano ma anche gotico e più tipicamente moldavo.
Lo si riconosce facilmente anche per i suoi colori, mattoni rossi, gialli ed arancioni ma soprattutto per le sue 11 torri, di cui la più alta ha un’altezza di 84 metri.

– Grande Sinagoga Fabric

TImisoara, Sinagoga Fabric

Sempre affacciato sulla Piața Victoriei, a pochi passi dal Teatro dell’Opera e raggiungibile percorrendo la Strada Maras esti, troviamo la Grande Sinagoga.
E’ il baricentro della locale comunità ebraica, fulgido esempio di architettura moresca del tardo Ottocento.
Il progetto è stato affidato all’architetto ungherese Leopold Baumhorn, già realizzatore di numerose altre sinagoghe.

La sua storia ci riporta nel corso del XIX secolo, durante la dominazione austro-ungarica, quando gli ebrei trovarono rifugio a Timisoara, ragione per cui oggi la città ospita due sinagoghe.
La Grande Sinagoga ospita oggi, al suo interno, il Museo degli ebrei di Romania.

OneMag-logo
Sibiu, la citta romantica della Transilvania

Piața Libertăţii

TImisoara, Piazza della Libertà

Poco distante dalla Piazza della Vittoria troviamo la Piața Libertăţii, altra cosa da vedere a Timisoara. La piazza è situata all’interno di un’antica fortezza resa unica da diversi particolari in arte barocca e rococò.

La piazza è circondata dal Comune Vecchio, alcuni edifici militari e la Casa Armatei, famosa per essere stata il luogo testimone dell’amore impossibile tra Beethoven e la promessa sposa di un ufficiale di Timișoara.

– Il Vecchio Municipio

Oggi appartenente all’Università di Timisoara, il Vecchio Municipio è un’edificio storico costruito nel 1734 su quello che in passato era un vecchio bagno turco, costruito nel 17° secolo.
Lo stile architettonico è il tipico barocco, anche se durante gli anni è stato più volte restaurato e rinnovato.
Ancora oggi è possibile ammirare il sigillo della città, posto tra due torri.
Le attività municipali sono state svolte in questo edificio fino al 1949.

OneMag-logo
Oradea, l’elegante città della Romania

Piața Unirii

Il cuore della Città Vecchia è la bella Piața Unirii dove troviamo meravigliosi edifici medievali. Due soprattutto gli edifici imperdibili della Piazza dell’Unità.

– Cattedrale di San Giorgio

TImisoara, Cattedrale di San Giorgio

Tra le più importanti chiese, e da annoverare tra le cose da vedere a Timisoara, troviamo anche il Duomo cattolico in stile barocco, la Cattedrale di San Giorgio, santo patrono della diocesi.

La sua costruzione è avvenuta all’inizio del XVIII secolo per opera dell’architetto viennese Joseph Emanuel Fischer von Erlach.
All’interno è da ammirare il quadro posto nell’altare maggiore, opera del direttore dell’Accademia di belle arti di Vienna Michelangelo Unterberger e dedicato proprio al santo patrono.

OneMag-logo
Timisoara ed i suoi fiori

Biserica Ortodoxă Sârbă

Timisoara, Cattedrale Ortodossa Serba

La Cattedrale Ortodossa Serba è stata costruita tra il 1748 ed il 1754 e si trova proprio di fronte alla Cattedrale di San Giorgio.
E’ dedicata a San Nicola e ricorda come la città non è unicamente legata alla Serbia come confine geografico ma lo è anche a livello culturale e storico.

All’interno sono da ammirare gli interni splendidamente affrescati.

OneMag-logo
Bucarest, cosa visitare nella capitale della Romania

Non solo edifici religiosi

Cosa vedere a Timisoara

Incamminandosi dalla piazza lungo Str. Palanca, superato l’unico bastione della citta della settecentesca rimasto in piedi, si arriva al Museo etnografico del Banato, allestito nella fortezza più antica della città.

Particolare la fontana che si trova nei pressi caratterizzata da una pianta circolare intorno alla quale sono evidenziati i quattro punti cardinali.
Timișoara si conferma meta suggestiva e capace di regalare ai propri visitatori sensazioni di vivace novità unite alle solide conferme di storia e cultura.

OneMag-logo
Bucarest, cosa visitare nella capitale della Romania

Muoversi a Timisoara

TImisoara, trasporti

La città è perfetta per essere esplorata a piedi, visto che le principali cose da vedere a Timisoara sono a breve distanza fra loro. Se è la vostra prima visita cercate, nell’ufficio turistico ma spesso disponibili presso gli hotel, la mappa cittadina per potervi muovere meglio.

Qualora invece desideriate muovervi per tragitti più lunghi è suggerito utilizzare un taxi, meglio se preso in uno dei tanti parcheggi del centro città. Prima di partire meglio chiedere una cifra indicativa sul costo del viaggio, prima di avere sgradevoli sorprese. Rimangono comunque molto economici e il loro utilizzo è sicuramente consigliato rispetto alla rete di tram pubblici, non sempre puntuali.

E’ naturalmente possibile noleggiare una macchina, verificate in anticipo le tariffe per trovare le migliori offerte.

OneMag-logo
Le quattro stagioni per visitare la Romania

Come arrivare a Timisoara

TImisoara, aeroporto

Timisoara è raggiungibile con voli diretti dall’Italia dai principali aeroporti. La città è servita dall’aeroporto internazionale Traian Vuia da cui, con il bus E4, potrete poi raggiungere il centro cittadino.

In alternativa potrete raggiungere la città con un taxi oppure con dei taxi privati, soluzione che ad un prezzo fisso concordato (generalmente 40 Lei, ovvero una decina di Euro), vi porteranno comodamente a destinazione.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0