Tempio del Valadier, la chiesa ottagonale nella roccia

Tempio del Valadier, la chiesa ottagonale nella roccia situata nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, a Genga.

Tempio del Valadier, la chiesa nella roccia

Nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, per la precisione a Genga, troviamo l’Eremo di Santa Maria Infra Saxa, un tempo adibito a monastero di monache benedettine.

Il tempio del Valadier

Tempio del Valadier, la chiesa nella roccia

Qui troviamo il Tempio del Valadier, una chiesa costruita nel 1828 dall’architetto Giuseppe Valadier che ricevette da papa Leone XII le istruzioni sulla sua realizzazione.
Papa Leone XII, tra l’altro, era proprio originario di Genga.

La chiesa, seguendo le istruzioni, venne realizzata con una pianta ottagonale mentre il suo meraviglioso tetto a cupola ha la particolarità di essere interamente ricoperto di lastre di piombo. Il tutto, poi, inserito all’interno di una grotta.
Ancora oggi è solito definire il Tempio Del Valadier come ‘nascosta tra le pareti di marmo di una grotta antica’.

Nel suo interno trovava anche spazio una statua in marmo la cui opera fu del Canova. Oggi questa statua è stata rimossa dal Tempio per essere collocata all’interno del Museo di Arte Sacra, sito proprio a Genga.
Tuttavia chi oggi si trovasse a visitare il Tempio potrà trovarne una copia identica.

Raggiungere il Tempio del Valadier e il Santuario della Madonna di Frasassi è impegnativo ma assolutamente possibile. Occorre infatti percorrere un lungo sentiero inerpicato sui boschi la cui pendenza è assolutamente percorribile anche con passeggini.
Camminando dolcemente per circa 1 ora avrete modo di assistere ad un meraviglioso panorama, ammirando le pareti della Gola di Frasassi.

Una volta raggiunta la vetta ecco che potrete ammirare sia il Tempio del Valadier che la chiesa medievale di Santa Maria di Frasassi. Da non perdere in quest’ultima anche la sorgente che sgorga proprio al suo interno.

Scopri di più:

Loreto e la Basilica della Santa Casa
Cingoli, il pittoresco borgo delle Marche

 

Condividi su: