Taormina, turismo nella elegante località della Sicilia

Taormina, alla scoperta della località più chic della meravigliosa Sicilia. Tra le cose da vedere a Taormina citiamo la via Pirandello è la prima lunga strada che probabilmente incontrerete nel vostro cammino, sia che abbiate deciso di raggiungere il fulcro cittadino con i mezzi pubblici che con la vostra automobile, la Piazza Vittorio Emanuele II dove ha sede l'edificio principale, il Palazzo Corvaia, e la chiesa di Santa Caterina, di origine seicentesca. Ecco cosa vedere a Taormina e dintorni.6 min


0
Cosa vedere a Taormina
Condividi su:

Guida di Taormina, alla scoperta della località più chic della Sicilia

icona-articolo

Su una piacevole collina sorge Taormina, una delle località che meglio rappresenta la Sicilia nel mondo.
Grazie alla sua posizione, Taormina è una meta turistica in grado di accogliere visitatori in ogni periodo dell’anno. E’ anche una delle città più eleganti in assoluto, non solo della regione, quella che offre un panorama unico equamente distribuito tra mare e monti.

Alle sue spalle, imponente, il Monte Tauro sorveglia su una delle località più apprezzate di tutta la Sicilia.

Cenni storici

Cosa vedere a Taormina
Taormina, Corso Umberto

Le sue origini ci riportano davvero indietro nel tempo, ai tempi del primo insediamento per opera dei greci.
Trascorsi gli anni diventò prima città fiorente appartenente all’Impero Romano per poi conquistare il privilegio di capitale della Sicilia durante il predomino bizantino.
L’arrivo degli Aragonesi la trasformò in terra spagnola, mentre nel 1734 fu sottoposta alla dominazione dei Borboni che si concluse con la spedizione garibaldina nel 1860, quando la Sicilia fu annessa al Piemonte e quindi al Regno di Italia.

Taormina rimaneva un grazioso borgo ma gli antichi fasti del periodo erano perduti, per sempre.
Durante il periodo dei Borboni, Taormina scopre la sua vocazione turistica. Siamo nella seconda metà del 1700 quando un Goethe quasi quarantenne vi trascorse qualche settimana. Nonostante tutto anche il drammaturgo tedesco evidenziò le difficoltà della sua vacanza a Taormina, del tutto priva di locande.
La città doveva ancora organizzarsi per diventare meta di interesse turistico.

L’arrivo delle ferrovie, nel 1866, decretò il primo grande passo verso il cambiamento. Trascorsero anche diversi anni ma finalmente nel 1874 coincide con l’apertura del primo albergo, ancora oggi attivo con le sue 5 stelle di lusso posto in collina, a dominare l’intero territorio.

Il Timeo fu solo l’apripista.
Da allora di hotel ne sono stati aperti davvero tanti e oggi sono oltre 600 le strutture, tra alberghi B&B e appartamenti, in cui è possibile prenotare una stanza per la notte. Non tutti a Taormina, ma anche nei dintorni, ulteriormente valorizzati.

OneMag-logo
Castroreale, il borgo adagiato sui monti Peloritani

Il periodo di massimo sviluppo di Taormina

Cosa vedere a Taormina

 

Il massimo sviluppo, dopo gli antichi fasti, Taormina lo riscopre durante gli anni ’50 dello scorso secolo.
In quegli anni, quelli dell’immediato dopoguerra, gli italiani hanno bisogno di tornare a sognare e film e attori rientrano sicuramente in quest’ottica.
Taormina non si lascia sfuggire l’occasione di tornare protagonista, istituento un festival dedicato al cinema.
La cittadina siciliana si ritrova quindi turisticamente sempre più conosciuta, con attori e personaggi illustri si ritrovano a passeggiare per le sue strade. Ma anche, ovviamente, a mangiare nei suoi ristoranti e dormire nei suoi alberghi.

Il successo degli anni ’50 non è altro che il preludio di quello che da li in poi sarebbe inevitabilmente accaduto. Con la fama ritrovata, il numero dei visitatori si ritrovò in poco tempo decuplicato, diventando persino difficile camminare nei principali mesi estivi.
Taormina oggi è imperdibile, uno scenario indimenticabile. Meglio, se potete, pianificare una vacanza in primavera e autunno, quando saprà regalarvi emozioni uniche

OneMag-logo
Guida di Palermo, cosa vedere nel capoluogo della Sicilia

Cosa vedere a Taormina

Cosa vedere a Taormina
La Porta Messina di Taormina

Per scegliere cosa vedere a Taormina non c’è niente di meglio che iniziare il proprio viaggio dal centro storico, facilmente percorribile poichè per buona parte riservato ai pedoni.

La via Pirandello è la prima lunga strada che probabilmente incontrerete nel vostro cammino, sia che abbiate deciso di raggiungere il fulcro cittadino con i mezzi pubblici che con la vostra automobile.
Il lungo viale vi condurrà dritti in Porta Messina, il valico nord che conduce al centro storico.

Da questo varco che entrerete nel Corso Umberto I, la via principale e quella turisticamente più affollata, ricca di negozi e locali con splendidi edifici dai cui balconi appaiono splendidi e coloratissimi fiori.

Cosa vedere a Taormina, il centro storico

Proseguendo la vostra passeggiata raggiungerete Piazza Vittorio Emanuele II dove troveremo il Palazzo Corvaia.

– Palazzo Corvaia

Cosa vedere a Taormina

L’edificio è tra i più rappresentativi di Taormina e la sua costruzione avvenne durante la occupazione araba, quando venne realizzata la prima torre del palazzo, singolarmente a forma di cubo.

Gli sviluppi successivi avvennero nel XIV e XV secolo quando assunse l’attuale forma. Imperdibili gli stili architettonici di realizzazione, variabili dal periodo normanno a quello gotico, passando per influenze catalane.
Il Palazzo fu prima sede del Parlamento della Sicilia per diventare poi la residenza della famiglia Corvaja, da cui il nome, che lo abitarono fino alla Seconda Guerra Mondiale.

Oggi Palazzo Corvaja è sede dell’Ufficio del Turismo e anche del Museo Siciliano d’Arte e Tradizioni Popolari con la sua interessante collezione di artigianato popolare. Marionette e ceramiche sono tra i principali protagonisti della mostra permanente e tra gli oggetti più ammirati.

– La chiesa di Santa Caterina

Cosa vedere a TaorminaUsciti dall’edificio osservate la chiesa di Santa Caterina, di origine seicentesca, e realizzata su quello che in passato era un teatro romano, i cui resti sono ancora oggi presenti nella parte posteriore dell’edificio ecclesiastico.
Dalla piazza inizia anche la Via Teatro Greco che condurrà ovviamente all’attrazione principale di Taormina.

OneMag-logo
Pantelleria, l’isola incontaminata della Sicilia
Cosa vedere a Taormina
Turisti a passeggio nella Piazza IX Aprile di Taormina

Di importanza storica, la Piazza IX Aprile ricorda la giornata di ribellione del popolo di Taormina contro il dominio borbonico.
Siamo nel bel mezzo del Corso Umberto I, il salotto elegante della città.
Meravigliosa qua la vista che può essere ammirata dalla balconata, un panorama che parte dai rilievi dell’Etna per proseguire fino ai Giardini Naxos e per concludersi con il vicino Teatro Greco.

– Teatro Greco (Teatro Antico)

Cosa vedere a Taormina

Realizzato dai greci nel III secolo a.C. la sua costruzione richiese un grosso utilizzo di rocce dalle vicine montagne. Il Teatro Antico venne poi ampliato dai Romani, che lo adattarono allo stile più classico dell’Impero, quindi con statue e colonne.

Cosa vedere a Taormina

I greci vollero il Teatro per rappresentazioni musicali e drammatiche; i romani invece erano più interessati al divertimento, diventando la sede dei combattimenti dei gladiatori. Il cambio d’uso fece rivedere anche la struttura interna, trasformando lo spazio dedicato all’orchestra a quella di arena.
Il Teatro Greco di Taormina è tra i più estesi della Sicilia, secondo solo a quello di Siracusa. Negli ultimi anni viene utilizzato per ospitare eventi e concerti.
Attualmente la sua capienza è di 4500 posti a sedere.

Dalla parte opposta, proseguendo poi il vostro itinerario a piedi per scoprire cosa vedere a Taormina, vi attende il Borgo Medievale, il vero esordio di Taormina come nucleo abitato.
Qui sono da ammirare i tanti palazzi e le rovine che ricordano la nascita della città sotto il dominio arabo.

Cosa vedere a Taormina, la Piazza del Duomo

Cosa vedere a Taormina
Piazza del Duomo e la fontana a Taormina

Ancora oltre per raggiungere la Piazza del Duomo e la sua cattedrale, costruita nel XIII secolo. Insolitamente non è l’edificio religioso a essere il protagonista della piazza ma la fontana del 1600 dove svetta in cima il simbolo cittadino, un centauro femminile.

Proseguiamo la nostra passeggiata tra le cose da vedere a Taormina per raggiungere Porta Catania, la parte sud di accesso alla città. Da qui  inizia la Via del Ghetto, la piccola strada che conduce al quartiere ebraico di Taormina. Mantenendo il percorso verso la vostra sinistra raggiungerete invece la Piazza San Domenico dove ha sede l’omonimo hotel, uno tra i più lussosi della città.

Ritornando indietro verso l’appena superata Porta Catania avrete modo di percorrere il vicolo che vi condurrà nel Museo Archeologico con i reperti ritrovati nel Teatro Greco.

– Museo Archeologico

Cosa vedere a Taormina

Nel trecentesco palazzo in stile gotico della Badia Vecchia, troviamo il Museo Archeologico di Taormina. Al suo interno vengono conservati i reperti provenienti dal Teatro Greco, in quest’edificio che a suo tempo era destinato a ospitare un’Abbazia.
Le tre sale museali espongono reperti del periodo greco, ovvero del IV secolo a.C. e anche numerosi cimeli risalenti alla successiva epoca romana.
Il primo piano ospita i ritrovamenti provenienti dall’antica Tauromenion greca mentre il secondo piano, tra gli altri, conserva esemplari di oreficeria greca e bizantina.

– Santuario di Madonna della Rocca

Cosa vedere a TaorminaCostruito nel XII secolo e restaurato nel 1600, il Santuario di Madonna della Rocca, è posto sul piccolo Monte Tauro, dal quale è possibile ammirare l’intero panorama di Taormina.
Il suo nome deriva sia dalla sua posizione, nella roccia appunto, sia alla leggenda che narra come durante un temporale un pastorello vide la Madonna con in braccio un bambino.
Dal momento dell’apparizione numerosi furono i pellegrinaggi verso la grotta dove il pastorello trovò rifugio, da cui nacque il Santuario.
Festeggiata la terza domenica di Settembre, accanto al Santuario è visibile, oramai in disuso, un piccolo monastero.

– Il Castello dei Saraceni

Cosa vedere a TaorminaA breve distanza, sempre sul Monte Tauro, troviamo le rovine del Castello dei Saraceni, realizzato dagli arabi anche se non si ha certezza del periodo di sua costruzione.
Il Castello dei Saraceni si caratterizza per la sua interessante architettura militare, ideata da alcune delle menti ingegneristiche più abili dell’epoca.
Oggi del Castello dei Saraceni si sono conservate discretamente bene le mura esterna, mentre buona parte delle strutture interne sono state parzialmente distrutte.

OneMag-logo
Cosa vedere a San Marco D’Alunzio in Sicilia

Le spiagge di Taormina

Cosa vedere a Taormina
Isola Bella vista da Taormina

Ma Taormina è anche una delle mete balneari più apprezzate in tutta la Sicilia.
Le spiagge di Taormina regalano sia ampi tratti di costa che piccole calette, in base alla vostra scelta.

Da non perdere è la spiaggia di Isola Bella, poco distante dal nucleo abitato e raggiungibile senza particolari difficoltà. Dichiarata dal 1988 riserva naturale, l’isola è anche raggiungibile a piedi durante la bassa marea. Una volta raggiunta vi troverete in un lido di ciottoli e ghiaia, con una piccola parte attrezzata con ombrelloni e sdraio, mentra la rimanente a balneazione libera.

Altra spiaggia poco distante da Taormina e che merita di essere visitata è quella di Mazzarò che, insieme a quella di Villagonia, rappresentano due ulteriori momenti ideali per il relax marittimo.

La prima è immersa nella natura e nelle sue vicinanze si trovano anche delle meravigliose grotte. La seconda ha il grande pregio di essere vicina al centro città e per tale ragione facilmente raggiungibile. Qui il mare limpido è quello della vicina spiaggia sabbiosa dei Giardini Naxos, altra località imperdibile della Sicilia.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0