Sutrio, Friuli Venezia Giulia | Cosa vedere a Sutrio

Sutrio è uno dei borghi più importanti delle Alpi Carniche, il territorio alpino nell'area settentrionale del Friuli Venezia Giulia. Sutrio è una meta sempreverde: in inverno per gli sport invernali quanto in estate per il clima mite e i panorami mozzafiato. Tra le cose da vedere a Sutrio citiamo la Pieve di Ognissanti, realizzata nel XVII secolo ed eretta a breve distante dal centro storico, la chiesa di Sant'Ulderico, realizzata tra il 1781 e il 1792, e la chiesa intitolata a Sant'Orsola, ubicata nella vicina frazione di Nojaris. Ecco cosa vedere a Sutrio.2 min


Cosa vedere a Sutrio, Udine

→ Carnia | Cosa vedere tra le montagne del Friuli Venezia Giulia

icona-articoloNel cuore della Carnia, il territorio alpino nell’area settentrionale del Friuli Venezia Giulia, troviamo Sutrio, piccolo ma affascinante borgo non molto distante dal confine con l’Austria. In passato punto di riferimento nella Carnia durante il dominio della Repubblica di Venezia, oggi Sutrio è una splendida destinazione turistica, interessante in inverno per gli sport invernali quanto in estate per il clima mite e i panorami mozzafiato.

Sutrio conserva il suo caratteristico centro storico rustico, caratterizzato da bassi e tradizionali edifici in legno e pietra, da secoli adibiti ad abitazioni e negli ultimi anni trasformati per ospitare hotel, ristoranti e locali, alcuni di questi di alto livello. La località è interessante sotto ogni punto di vista: ci manca solo scoprire cosa vedere a Sutrio, nella Carnia. 
Ecco cosa vedere a Sutrio, in Friuli Venezia Giulia.

Cenni storici

Mappa di SutrioDi Sutrio se ne conosce l’esistenza dagli inizi del XIII secolo. Risale infatti al 1212 il documento in cui si cita l’esistenza della località di Sudrio, anche se con tutta probabilità il luogo è popolato anche da tempi ben più antichi. 
Il suo nucleo originario era posto in posizione più elevata rispetto a quella odierna, lungo le pendici del monte San Nicolò.

Si stima sia stato, durante l’epoca romana, un insediamento militare per sorvegliare la Via Claudia. Con la caduta dell’Impero Romano, Sutrio divenne una chiesa filiale della Pieve di Zuglio.
Gli anni passano e arriviamo nel periodo longobardo, quando il territorio di Sutrio e dei comuni limitrofi servivano per sorvegliare il passo di Monte Croce. 

Per il resto si conosce poco sul suo passato. Nel XV secolo venne annesso, come tutto il territorio carnico, nella Repubblica di Venezia, rimanendoci sino all’avvento delle truppe di Napoleone nel territorio, alla fine del XVIII secolo. Con il Congresso di Vienna il territorio venne inglobato nel governo d’Austria, sino all’unione del Regno d’Italia. 

Cosa vedere a Sutrio

Tra le cose da vedere a Sutrio citiamo la Pieve di Ognissanti, realizzata nel XVII secolo ed eretta a breve distante dal centro storico. La Pieve di Ognissanti sorge laddove in precedenza vi sorgeva un castello medievale e nel XIX secolo è stata completamente ricostruita. L’edificio di culto conserva però ancora il suo campanile seicentesco e al suo interno spiccano gli altari lignei, dorati e intagliati, realizzati a cavallo tra il XVI e il XVII secolo.

Altra imperdibile cosa da vedere a Sutrio è la chiesa di Sant’Ulderico, realizzata tra il 1781 e il 1792 dagli architetti Francesco e Angelo Schiavi da Tolmezzo. La chiesa è intitolata al vescovo protettore della città di Augusta, con cui Sutrio aveva stretti rapporti commerciali. Molto interessanti, ai lati della facciata, i due campanili, di cui uno però rimasto incompiuto.

Altro edificio religioso interessante è la chiesa intitolata a Sant’Orsola, ubicata nella vicina frazione di Nojaris. Al suo interno spiccano numerosi affreschi d’epoca medievale e della scuola di Vitale da Bologna, uno degli artisti che contribuì alla realizzazione del Duomo di Udine (XIV secolo).


 


Like it? Share with your friends!