Stoccarda, la capitale dello stato di Baden-Wurttemberg

Stoccarda, la capitale dello stato di Baden-Wurttemberg


Condividi su:

Cosa vedere a Stoccarda

Tutti gli articoli della Germania
Cosa vedere a Stoccarda, mappa
© Google Maps

icona-articoloI tedeschi la chiamano Stuttgart e si trova nel Baden-Wurttemberg, di cui è la capitale, in una valle della zona meridionale della Germania. E’ una delle città più grandi e importanti del paese ed è anche la sede di Mercedes-Benz e di Porsche, due aziende che la rendono sia interessante come luogo di lavoro ma anche come turismo, visto la presenza dei due importanti musei dedicati alle due case automobilistiche. Non è tuttavia l’unico primato, Stoccarda infatti è anche l’unica città europea ad avere una zona pedonale, interamente dedicata allo shopping, oltre 1 km di percorso dove gli abitanti passeggiano osservando le tante vetrine.

Stoccarda è una città da scoprire sotto ogni punto di vista, ideale per le sue tantissime attrazioni ma anche per i suoi musei, le sue chiese e per i tanti riferimenti storici che la rendono una meta turistica imperdibile. Il suo soprannome, Schwabenmetropole ovvero metropoli sveva, ci ricorda la sua posizione, proprio nel centro della Svevia, la regione tedesca a due passi dalla Foresta Nera. Oggi Stoccarda è una città moderna, cosmopolita e come per molte altre città tedesche quasi completamente ricostruita dopo i bombardamenti del secondo conflitto mondiale che l’hanno pesantemente distrutta. Non ci rimane altro che iniziare a scoprire cosa vedere a Stoccarda.

 

Cenni storici

Cosa vedere a Stoccarda, veduta panoramica

I primi nuclei abitativi di Stoccarda risalgono al I secolo d.C. quando i romani istituirono un forte romano sulle rive del fiume Neckar. Stoccarda fu fondata ufficialmente dal duca Liudolf di Svezia nel 950 d.C. per essere sfruttata come allevamento di cavalli all’interno dei tanti prati fertili che circondavano l’area. Fino al XIV secolo la città fu proprietà dei margravi del Baden Baden. Dal 1300 Stoccarda divenne la residenza dei Conti di Württemberg che la proclamarono loro capitale estendendola, nel 1321, al rango di città.

Nel XVIII secolo Stoccarda abbandonò temporaneamente il suo ruolo di residenza reale per cederlo a Ludwigsburg, fondata a nord della città da Eberhard Ludwig. Nel 1803 divenne capitale del Württemberg Kurfürstentum fino all’arrivo dell’esercito di Napoleone che la trasformò in capitale del Regno di Württemberg.
Fu tuttavia nel XIX secolo che Stoccarda iniziò il suo vero e proprio sviluppo, periodo in cui la città vide la nascita dell’automobile da parte di Gottlieb Daimler nello stesso quartiere, Cannstatt, che in epoca romana aveva assunto il ruolo di territorio colono. Era il 1871 e nello stesso anno il Württemberg aderì all’Impero Tedesco voluto da Otto Von Bismarck, primo ministro di Prussia, durante l’unificazione della Germania.

Dopo la conclusione della Grande Guerra il Württemberg divenne uno Stato Libero, abbandonando la monarchia ed eleggendo Stoccarda capitale. La città divenne anche sede del Governo Tedesco prima di trasferirsi a Berlino. Durante il secondo conflitto mondiale, Stoccarda vide il proprio centro cittadino quasi completamente distrutto, tra cui si ricorda il tragico episodio del Settembre 1944 quando la Royal Air Force bombardò il centro storico con oltre 184.000 bombe, causando oltre un migliaio di morti. Conclusa la seconda guerra mondiale, nel 1949 venne fondata la Repubblica Federale di Germania, proclamando capitale Bonn. La riunificazione delle due Germanie ha spostato la capitale nel suo luogo più storico, Berlino.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Castello di Hohenzollern, l’antico maniero del Baden-Württemberg

 

Cosa vedere a Stoccarda

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Stoccarda iniziando da una delle sue caratteristiche che la rendono una città esclusiva, la Königstrasse. Parliamo della già citata arteria pedonale di 1,2 km che detiene il primato di via più lunga d’Europa dedicata allo shopping. E’ il luogo preferito dagli abitanti per una lunga passeggiata, anche durante la domenica quando tutto è rigorosamente chiuso. La strada, chiamata anche familiarmente Shopping Boulevard, collega la stazione ferroviaria principale alla Schlossplatz. Qui troviamo tutti i principali brand di moda ma più in generale tutti i negozi più importanti della città.

 

Schlossplatz

Cosa vedere a Stoccarda, Schlossplatz

Cosa vedere a Stoccarda, la Schlossplatz

E’ il momento quindi di raggiungere Schlossplatz, posta quasi a metà della Königstrasse, il centro di ritrovo degli abitanti con la sua Colonna del Giubileo posta giusto al centro della piazza e con la riguardevole altezza di 30 metri. Da qui potrete facilmente ammirare il Castello Nuovo ma anche due ulteriori piazze, la Karlsplatz e Schillerplatz. E’ a tutti gli effetti il bigliettino da visita con cui Stoccarda si presenta ai turisti e agli abitanti che invadono, nei mesi più caldi, la città e da cui si può godere un panorama affascinante di verdi aiuole e giardini fioriti.

Il Castello Nuovo, Neues Schloss, è costruito in stile barocco e neoclassico e in passato era la residenza reale mentre oggi è sede del governo dello stato federale del Baden-Württemberg. Posto su una piccola collina, il castello domina l’intera piazza e da qui è possibile ammirare un gradevole scorcio della città.
Anche il castello fu distrutto durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e negli anni ’60 dello scorso secolo ricostruito in maniera egregia. Non è solitamente aperto al pubblico se non in occasioni particolari e sempre con l’ausilio di specifiche guide autorizzate.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco la Schlossplatz, la Piazza del Castello Nuovo di Stoccarda

 

Schillerplatz

Cosa vedere a Stoccarda, Schillerplatz
La Schillerplatz di Stoccarda

Proseguiamo la nostra visita per scoprire cosa vedere a Stoccarda con la Schillerplatz, una delle due piazze congiunte alla Schlossplatz. La piazza è intitolata al filosofo Friedrich Schiller e proprio nel centro è presente una statua che lo ricorda. Ecco le attrazioni presenti nella Schillerplatz.

 

Museo degli strumenti musicali, la Haus der Musik

Uno dei luoghi preferiti dagli amanti della musica è l’Haus der Musik nel Fruchtkasten di Stoccarda. Qui è presente una delle sale da concerto più prestigiosa di Stoccarda, al cui interno sono conservati strumenti a tastiera le cui origini risalgono al XVII secolo. Durante i concerti qua organizzati vengono inoltre utilizzati altri strumenti, sempre a tastiera, le cui origini sono più recenti ma sempre di assoluto interesse.


Da provare anche il laboratorio del suono, un piccolo padiglione dove gli strumenti musicali vengono presentati, e suonati, in modo alternativo e curioso.
L’accesso al museo è completamente gratuito
.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo le 10 città più belle della Germania, Stoccarda è una di queste


Prinzebau

Cosa vedere a Stoccarda, Schillerplatz

In Schillerplatz troviamo anche il Prinzenbau, l’attuale sede del Ministero della Giustizia.
Il Palazzo dei Principi è posto affianco ad un altra costruzione storica, il palazzo Alte Kanzlei, la vecchia Cancelleria. Oggi l’antico Palazzo del Governo, costruito nel XVI secolo, ospita uno tra i ristoranti più interessanti da provare a Stoccarda.

La sua costruzione è iniziata nel 1604 per vedere il termine dei lavori qualche decennio dopo, nel 1686. Nel 1805 il Palazzo, fino ad allora designata a residenza per ambasciatori e sede dell’Accademia di disegno,  divenne la residenza del principe, assumendo il termine di Prinzenbau. La seconda guerra mondiale vide la parziale distruzione dell’edificio, oggi ricostruita dal Baden-Wurttemberg e sede del Ministero della Giustizia del Land.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Rothenburg ob der Tauber, la città fortificata della Baviera

Stiftskirche

Cosa vedere a Stoccarda, Chiesa della Collegiata

Sempre all’interno della Schillerplatz troviamo un’altra delle attrazioni da inserire tra le cose da vedere a Stoccarda. Parlaimo della Chiesa Collegiata, risalente al XIII secolo, riconoscibile per la sua esclusiva facciata, la chiesa offre il meglio una volta varcata la soglia di accesso, con le tante sculture, una cripta storica e un grande organo, anch’esso di memoria antica.

La Schillerplatz è anche la sede del mercato settimanale della città che qua si svolge ogni martedì, giovedì e sabato. Oltre ai prodotti alimentari sono da visitare le bancarelle dedicate al mercato dei fiori.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo la Cattedrale di Ingolstadt, la Chiesa di Nostra Signora

Altes Schloss

Cosa vedere a Stoccarda, Castello Vecchio

Costruito nel X secolo come scuderia, il Castello Vecchio si presenta come una costruzione medievale e alla metà del XVI secolo è stato ampliato e la sua destinazione d’uso modificata, rendendolo la residenza dei nobili di Württemberg. La sua ricostruzione, quasi fedele, è avvenuta nel 1969 dopo essere stato anch’esso distrutto dai bombardamenti aerei. E’ aperto a pubblico e al suo interno sono presenti due musei.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Scopriamo l’est della Germania, benvenuti a Lipsia

 

I due musei del Castel Vecchio

Cosa vedere a Stoccarda, Museo di stato del Wurttemberg

All’interno dell’Altes Schloss troviamo una delle perle da visitare a Stoccarda. Il Landesmuseum Württembergisches è il museo di storia e propone l’arte dall’età della pietra ai giorni nostri. E’ principalmente dedicato alla cultura sveva e al suo interno sono custodite diverse sculture ma anche strumenti musicali, monete e collezioni archeologiche di notevole importanza storica. Sono numerosi i reperti ritrovati nelle varie epoche storiche.

Il Museo di Stato del Württemberg è stato inaugurato nel 1862 e ospita tre diverse aree, quella dell’archeologia, arte e cultura e l’ultima, quella dedicata al folklore.
Da non perdere tra le attrazioni del Landesmuseum Württembergisches di Stoccarda i gioielli della corona del Württemberg, una serie di preziosi tra cui ricordiamo la corona di smeraldi, diamanti e perle realizzata su ordine di Federico I, ultimo duca del Württemberg. Il secondo edificio museale presente all’interno del Castel Vecchio è piuttosto piccolo ed è dedicato a Claus von Stauffenberg, che nel 1944, militare tedesco che fu protagonista strategico ed esecutivo nell’attentato del 20 Luglio contro Hitler.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Francoforte, lo snodo finanziario della Germania


Altre attrazioni di Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda, Castello Solitude
Castello Solitude, Stoccarda

Conclusa la nostra passeggiata nel centro storico cittadino è arrivato il momento di scoprire le altre cose da vedere a Stoccarda al di fuori del nucleo della città. Per una passeggiata di shopping, oltre alla già citata Königstrasse, prendete anche in considerazione il Markthalle. Siamo nel mercato coperto della città, risalente al 1914, il cui aspetto può vagamente far ricordare un suq orientale e oltre ai tanti negozi prendetelo in considerazione anche per i suoi ristoranti e locali.

 

Schloss Hohenheim

Cosa vedere a Stoccarda, Schloss HohenheimIl Castello Hohenheim è posto a sud rispetto al centro storico della città. La sua costruzione risale al XVIII secolo quando venne costruito sui resti di una fortezza cittadina e dal 1818 in poi utilizzato come accademia, ruolo che ricopre anche attualmente come parte distaccata della Università di Hohenheim. Il castello è infatti circondato da un meraviglioso giardino inglese ma anche da un’orto botanico.

Il castello è stato costruito dal Duca Carlo Eugenio per regalarlo alla seconda moglie, Francesca di Hohenheim. Il duca tuttavia non vide mai l’edificio completato, morendo proprio durante le fasi conclusive della sua realizzazione. La struttura non incontrò però i favori del suo successore che lo lasciò cadere in rovina fino alla sua conversione del 1818.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Dinkelsbuhl in Germania


Castello Solitude

Cosa vedere a Stoccarda, il Castello Solitude

Nella parte ovest della città troviamo invece il Castello Solitude, in passato residenza estiva del Duca Carlo Eugenio e costruito su una collina dalla quale si gode di una magnifica vista.

Il nome del castelllo indica la destinazione d’uso ideale dal Duca, ovvero un luogo di pace e di riflessione, da praticare anche in solitudine.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo il Castello Solitude

 

I musei automobilistici di Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda, Museo Porsche

Tra le cose da vedere a Stoccarda, i musei dedicati alle automobili occupano un posto di rilievo. Stoccarda, infatti, può a diritto rivendicare il titolo di capitale automobilistica del mondo. Del resto il nome Stoccarda viene comunemente associato a Mercedes e a Porsche.

Il museo della Porsche ha aperto nei primi mesi del 2009 e racconta la storia delle vetture prodotte da Ferdinand Porsche proprio nella piazza Porsche di Zuffenhausen nel 1931. Le vetture sono esposte in ordine cronologico e quasi ognuna di esse è regolarmente funzionante e pronta per presenziare alle gare storiche in programma ogni anno non solo nei dintorni.
All’interno del museo è anche possibile visitare il laboratorio dedicato ai veicoli storici.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Il museo della Porsche a Stoccarda

La più antica fabbrica automobilistica al mondo ha anch’essa a Stoccarda la sede produttiva e il relativo museo. Il Museo della Mercedes-Benz ospita oltre 160 vetture in ordine di produzione e con alcune opere esclusive, come la ‘papamobile’ costruita per Paolo VI.
Posto nel quartiere Oberturkheim, non troppo distante dal centro storico, è una struttura spettacolare di ben 180.000 metri quadrati inaugurato nel 2006.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Il Museo Mercedes-Benz di Stoccarda

 

Muoversi a Stoccarda

I mezzi di trasporto di Stoccarda sono, come quasi ovunque in Germania, efficienti puliti e puntali. Nella città ci si può muovere in ogni ora del giorno e spesso anche di notte, grazie ad una rete di bus notturna che può essere riconosciuta dal logo N a fianco al percorso. I bus notturni tuttavia sono presenti nel weekend e nei periodi di maggiore affluenza turistica. La loro partenza è dalla Schlossplatz, la Piazza del Castello.

Muoversi per Stoccarda con i taxi è una delle alternative da scegliere solo se vi è assoluta necessità. Le corse infatti sono piuttosto costose e anche una breve corsa di pochi minuti vi richiederà sempre come minimo una tariffa superiore alla decina di euro. Alternativa valida nel caso siate in gruppo, in modo da dividere il costo.

Molto più economica l’idea di noleggiare una bicicletta per muoversi a Stoccarda. Con un costo giornaliero che si aggira intorno ai 15€, la bicicletta è un mezzo di trasporto molto usato a Stoccarda, grazie anche a numerose piste ciclabili che l’attraversano.

Se siete, infine, in auto considerate che molte strade del centro storico sono chiuse al traffico veicolare. Negli altri casi, tranne che si scelga di visitare qualche museo o attrazione con parcheggio o per attrazioni limitrofe, il parcheggio non è semplice da trovare.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Conosciamo Acquisgrana, la città di Carlo Magno


Come raggiungere Stoccarda dall’Italia

Stoccarda può essere raggiunta in aereo grazie al vicino aeroporto Flughafen Stuttgart-Echterdingen posto a 13 km dal centro cittadino. E’ uno dei maggiori scali della Germania ed il principale aeroporto del Baden-Württemberg. Una volta atterrati potrete raggiungere Stoccarda con diversi mezzi di trasporto tra cui il treno che lo collega con la stazione centrale con le linee S2 Stuttgart o S3 dalla stazione Flughafen Stuttgart/Messe.

Se decideste di raggiungerla in auto dovrete attraversare la Svizzera e da Zurigo con la A2 e quindi la A81 oppure attraversando Ulm con la E43.

Per raggiungere Stoccarda in treno dovrete fare cambio a Karlsruhe oppure a Zurigo o anche a Berna se decideste di passare per Briga. Il tempo medio di percorrenza è generalmente compreso tra le 7-8 ore di viaggio.

Possibile anche scegliere il bus come alternativa. Flixbus propone il collegamento con Stoccarda da diverse città con tariffe molto economiche in alcuni casi. Da Milano è raggiungibile con un viaggio di circa 8 ore.

Ultimo aggiornamento 28 maggio 2021


 

Condividi su: