Panorama al tramonto sulla cittadina di Spilimbergo, in provincia di Pordenone

Spilimbergo, l’elegante città friuliana | Cosa vedere a Spilimbergo, Pordenone


Condividi su:

Cosa vedere a Spilimbergo

Leggi tutti gli articoli del Friuli Venezia Giulia
Mappa di Spilimbergo, in provincia di Pordenone
Mappa di Spilimbergo, in provincia di Pordenone | © Mappe di Apple

Icona articolo onemag

Situata in quella estesa porzione di territorio pianeggiante che anticipa l’innalzarsi delle creste alpine della Carnia, Spilimbergo è un’elegante città della provincia di Pordenone, distante una trentina di chilometri dal capoluogo verso nord. Da molti considerata una delle città più interessanti a livello storico, grazie al suo centro, contenuto nelle dimensioni ma affascinante in termini artistici, Spilimbergo è l’ottavo comune della provincia.

Sono infatti più di 11 mila i residenti che abitano stabilmente in città. Inoltre, negli ultimi anni la città è protagonista di un’interessante crescita in diversi contesti, dall’urbanistica a quella demografica, come anche in ambito commerciale e industriale. Spilimbergo è un comune urbanisticamente ibrido: sotto certi aspetti lo si può definire un borgo di grandi dimensioni, mentre in altri contesti è descrivibile come una città a tutti gli effetti. È l’ora di partire alla scoperta di questa affascinante località: ecco cosa vedere a Spilimbergo.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cordovado, il borgo dal castello vescovile

Cosa vedere a Spilimbergo

Panorama sul paesaggio urbano di Spilimbergo in una giornata invernale
Il centro storico di Spilimbergo

Con la costante evoluzione urbanistica avuta nel corso dei secoli, Spilimbergo è divenuta oggi un’interessante località apprezzabile per l’architettura e l’arte in generale. Visitare Spilimbergo è un’ottima idea di viaggio per gite fuori porta di una giornata: se ci si reca alle prime ore del mattino è possibile riuscire a scoprire tutte le sue principali attrattive anche in un solo giorno. La città possiede una stratificazione urbana molto interessante, composta da vari quartieri d’epoche differenti e da una “città estesa” di stampo residenziale protratta verso il futuro. Questo rende Spilimbergo un comune dove passato e contemporaneità convivono armoniosamente, avvalorandone l’interesse turistico.

Centro storico di Spilimberto, in provincia di Como
Piazza pedonale nel centro di Spilimbergo

Le attrazioni di Spilimbergo sono in grande prevalenza edifici, sia d’uso civile che religioso, che costituiscono un patrimonio architettonico piacevole da scoprire. Il simbolo cittadino è senza dubbio il suo castello. Nato come roccaforte medievale, nel tempo il Castello di Spilimbergo si è trasformato in un complesso di diversi palazzi e dimore signorili, disposte ad anello che gravitano attorno a una corte centrale.

Di questi edifici nobiliari, i più noti sono il Palazzo Tadea, il Palazzo Troilo e il Palazzo Ciriano. Si aggiunge poi il quarto palazzo, considerato il più importante e interessante: il Palazzo Dipinto, che proprio come suggerisce il suo nome si presenta ben ricco di decorazioni artistiche. La sua facciata è stata affrescata dall’artista rinascimentale Andrea Bellunello, con grandiose raffigurazioni delle Virtù teologali e cardinali

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Udine, meraviglia urbana tra i colli friulani

Il Duomo di Spilimbergo

La facciata gotica del Duomo di Spilimbergo, in provincia di Pordenone
La facciata gotica del Duomo di Spilimbergo, in provincia di Pordenone

L’edificio di culto più rilevante di Spilimbergo è il Duomo di Santa Maria Maggiore, ampiamente restaurata a seguito del terremoto in Friuli del 1976. Questo capolavoro architettonico riesce facilmente ad ammagliare i visitatori per la sua incredibile facciata, su cui risaltano ben sette rosoni, quantità rarissima da ritrovare altrove.

Accedendo all’interno diviso in tre navate si può ammirare una capriata lignea, un presbiterio e una cripta sotterranea in cui è celato un antico sarcofago. Gli ambienti interni della cattedrale sono riccamente decorati con cicli di affreschi raffigurati racconti del Vecchio Testamento, con speculari del Nuovo Testamento e, dietro l’altare centrale, la scena della Crocifissione.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Dolomiti Friulane | La montagna del Friuli occidentale

Le chiese di Spilimbergo

La storica Chiesa di San Giovanni dei Battuti a Spilimbergo
La storica Chiesa di San Giovanni dei Battuti a Spilimbergo

Nascosta dall’imponente struttura del duomo, la Chiesa di Santa Cecilia è una piccola struttura sobria e sita in un punto appartato rispetto alla centrale Piazza del Duomo. Merita essere menzionata in quanto si tratta del più antico edificio religioso cittadino, sorto tredici anni prima del Duomo stesso, nel 1271.

Poco distante dalla piazza si può raggiungere un altro luogo di culto molto interessante: il Santuario dell’Ancona. Molto semplice nelle linee architettoniche, il santuario si caratterizza per il suo piccolo porticato a cinque colonne e per l’interessante campanile laterale. Accedendo al suo interno merita uno sguardo l’altare in marmi policromi e l’affresco del XV secolo raffigurante la Madonna con Bambino e due angioletti.

In città si trovano molti altri edifici religiosi che andrebbero aggiunti all’itinerario. Partiamo dal più piccolo, l’Eremo di San Giovanni, con aula unica, un piccolo campanile e ambienti interni ben affrescati. La Chiesa dei SS. Giuseppe e Pantaleone è una delle più antiche strutture religiose cittadine, consacrata nel 1327 e arricchita da uno splendido coro ligneo di Marco Cozzi.

La Chiesa di San Giovanni dei Battuti riesce facilmente a stupire il visitatori con le sue decorazioni artistiche: ogni parete e il soffitto cela affreschi incredibili, a cui si sommano dipinti, crocifissi e altari vari. Terminiamo il nostro viaggio tra le cose da vedere a Spilimbergo presso la Chiesa di San Rocco, che custodisce una bella pala di Umberto Martina e tre vetrate istoriate con l’Annunciazione e San Rocco.


Condividi su: