Cosa vedere a Sorano, veduta
Condividi su:

Sorano
Cosa vedere a Sorano, Toscana

→ Maremma | Cosa vedere nella Maremma, Toscana

icona-articoloNel cuore della maremma grossetana, nel collinoso entroterra, troviamo Sorano, piccolo borgo dall'aspetto molto simile a quello di Pitigliano. Sorano sorge lungo uno sperone di tufo, posizione scelta per favorire le difese della città. Il territorio della Maremma era infatti speso soggetto a incursioni, che portarono alla scelta di costruire città più a monte.

In molti la soprannominano Matera della Toscana, per via appunto della sua particolare struttura urbana. Il borgo si caratterizza con innumerevoli vicoli e strade da cui si gode di un'atmosfera unica. I panorami? Semplicemente spettacolari, in particolare sui quartieri più elevati si gode di una visuale da pelle d'oca nei dintorni. Scopriamo cosa vedere a Sorano, l'imperdibile borgo della Maremma.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona   Follonica, Toscana | Cosa vedere a Follonica

Cenni storici

Cosa vedere a Sorano, centro storicoIl territorio su cui sorge Sorano è con tutta probabilità popolato sin dall'epoca etrusca.

A confermarlo vi sono una serie di scavi archeologici, grazie a cui sono state ritrovate tombe a camera, tipiche del popolo centro-italico. Tuttavia per vedere la fondazione della Sorano che oggi conosciamo si è dovuto aspettare il IX secolo, quando venne realizzato il primo insediamento urbano fortemente voluto dall'Imperatore Ludovico II. Come gran parte della Maremma, anche Sorano fu guidata dal potere degli Aldobrandeschi, che diedero in feudo il terreno ad altre ricche e nobili famiglie. Per quasi cinque secoli la città seguì il modello feudale per la distribuzione dei terreni, sino al XIV secolo, quando morì l'ultimo componente degli Aldobrancheschi.

A seguito di questo evento vennero create delle consistenti fortificazioni, volute dalla famiglia degli Orsini. La stessa rocca di Sorano è definita come un gioiello dell'architettura militare, in grado di respingere le avanzate e le incursioni senesi nel territorio.  Furono proprio i senesi poi a porre fine alla contea di Sorano e Pitigliano, prendendosi il potere dalla famiglia degli Orsini grazie a un apposito trattato che decretava la sovranità di Siena.

La città infine passò all'amministrazione dei Medici nel 1737. Con questo evento la località fu guidata dai principi di Lorano e Sorano fu protagonista di una notevole ascesa. La popolazione incrementò, cosi come anche la situazione economica, divenendo ben presto una delle più ricche località della Toscana meridionale.
La cittadine, infine, seguì le sorti del Granducato di Toscana, fino a venir annessa al Regno d'Italia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona   Cosa vedere a Orbetello, il mare della Maremma

Cosa vedere a Sorano

Cosa vedere a Sorano, le attrazioniIl borgo medievale di Sorano si presenta in eccezionali condizioni. È uno dei pochi esempi di conservazione quasi perfetta dell'architettura medievale. Il centro storico si caratterizza per le numerose casette erette a piani sfalsati, costruite seguendo la morfologia della peculiare roccia tufacea.

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Sorano accedendo dalla Porta Alta, uno dei storici portali d'ingresso nel borgo. Una volta varcata, incontreremo diversi locali ma anche numerose piazzette e vicoli medievali. La prima attrazione sarà la Chiesa di San Niccolò, nota per il suo bel stile romanico, frutto di un lavoro di restauro e ampliamento avvenuto nel XVIII secolo.

 

 

OneMag-logo
Link-uscita icona   Cosa vedere a Grosseto, l'affascinante capoluogo della Maremma

Masso Leopoldino

Cosa vedere a Sorano, Masso Leopoldino

Proseguiamo la nostra passeggiata per raggiungere la zona a nord-ovest, rimanendo nelle vicinanze della Piazza del Poggio, dove troveremo la prossima tra le cose da vedere a Sorano.

Siamo di fronte al Masso Leopoldino, conosciuto anche come Rocca Vecchia. Si tratta un edificio fortificato che in passato era parte integrante dell'intero sistema difensivo della città che comprendeva anche le Mura e la Fortezza Orsini. La sua costruzione risale all'epoca medievale ed è facilmente riconoscibile anche a distanza grazie alla presenza della Torre dell'Orologio, tra le strutture più alte del borgo toscano. Completamente restaurato, oggi è visibile interamente.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona   Seggiano, vicoli e viuzze medievali sul Monte Amiata

La Fortezza Orsini

Cosa vedere a Sorano, la Fortezza Orsini

La vera struttura difensiva di Sorano era tuttavia la Fortezza Orsini.

La sua costruzione fu voluta dagli Aldobrandeschi nel XII secolo e passata in eredità al Conte Bertoldo Orsini nel 1380. Il passaggio diede modo di dare un nuovo potere a Sorano, in declino come la famiglia degli Aldobrandeschi che divenne una roccaforte militare come ancora oggi conosciuta. Persa la sua funzione militare, la Fortezza Orsini divenne dimora della casata dei Lorena, che la occuparono fino alla fine del XVIII secolo.

Tre i periodi di costruzione, la più antica è quella che comprende il castello mentre successivamente vennero realizzati a bastioni, questi voluti dall'ampliamento degli Orsini. L'ultima innovazione fu la residenza privata, realizzata nel XIX secolo e separata da un fossato dalla Fortezza. Oggi la Fortezza Orsini è la sede dell'interessantissimo Museo del Medioevo e del Rinascimento, di un albergo e di una chiesetta oggi sconsacrata. L'intera struttura è visitabile senza difficoltà ed è richiesto almeno un abbondante pomeriggio per scoprirne tutti tesori architettonici.

 

Imperdibile è anche il Palazzo Orsini, noto anche come Palazzo Commitale, storica residenza dell'omonima famiglia. Il Palazzo Orsini si compone per la sua struttura a tre piani e presenta un elegante loggiato tra i più belli della Maremma. Si tratta inoltre di uno dei più importanti edifici della città in termini storici. Lo trovate di fianco alla Collegiata di San Nicola e la sua costruzione risale al Duecento rimanendo per circa due secoli la residenza principale della famiglia Orsini prima di essere sostituita, come primaria residenza dalla Fortezza Orsini. Ciò nonostante venne restaurato nel 1551 per volontà di Niccolò IV Orsini.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona   Visitiamo l'Isola del Giglio, la seconda isola per importanza della Toscana

Collegiata di San Nicola

Cosa vedere a Sorano, Collegiata di San NicolaIntitolata a San Nicola di Bari, la Collegiata è una chiesa le cui origini risalgono al XIII secolo. Completamente restaurata, oggi si possono ammirare solo nella parte posteriore i richiami romanici di cui era composta originariamente. Siamo di fronte a uno degli edifici di culto più antichi del borgo grossetano e la data di presunta costruzione sono antecedenti al 1276 in quanto in quell'anno vi è la testimonianza della sua presenza in un documento papale.

La chiesa divenne Collegiata diverso tempo dopo, nel 1509, e al suo interno la struttura è distribuita lungo due navate non omogenee. Merita ammirare la tela del San Giuseppe di Pietro Aldi, risalente all'Ottocento.

 

» Ti potrebbe interessare... «

 

Ultimo aggiornamento 24 aprile 2022

Condividi su: