Sitka, Alaska | Cosa vedere a Sitka

Cosa vedere a Sitka, la storica capitale dell'Alaska, una città ricca di attrazioni, cultura e folclore, che attira turisti da tutto il mondo. Tra le cose da vedere a Sitka citiamo il Museo di Sheldon Jackson, intitolato al suo fondatore, uno dei personaggi chiave della Sitka statunitense, il Sound Science Centre, che ospita un acquario e una mostra dedicata ai salmoni, la Chiesa Luterana, costruita nel 1967 sul sito di quella preesistente demolita nel 1888 e il National Historical Park, il più antico parco nazionale dell'Alaska. Ecco cosa vedere a Sitka, in Alaska.4 min


0
Cosa vedere a Sitka
Condividi su:

Guida di Sitka, la vecchia capitale dell’Alaska

Icona articolo

La prima capitale dell’Alaska è stata proprio la città di Sitka fondata nel 1799 quando il territorio era di proprietà della Russia. Rimase tale fino al 1867, quando venne venduta agli Stati Uniti e ancora oggi Sitka è una città la cui forte influenza russa è chiaramente visibile, un connubio di stili e culture che culminano anche con l’utilizzo del russo come seconda lingua.

Sitka, la città più caratteristica dell’Alaska

Cosa vedere a Sitka, mappaTra tutte le città dell’Alaska Sitka ha una marcia in più, forse la più caratteristica città del sud-est del paese, dove l’architettura e anche le tradizioni si miscelano dando un tocco del tutto originale. Impensabile visitarla in poche ore, se avete pianificato un’escursione dedicateci almeno un giorno, meglio se due.

Qui infatti si svolgeva la vita commerciale e amministrativa del territorio prima che venisse venduto agli americani, ovvero quando Alexander Baranof, il mercante primo governatore dell’America russa qui stabilì una sede allo scopo di arricchirsi con il commercio di lontra di mare. Sempre qua avvenirono i primi sanguinosi combattimenti tra l’esercito russo e i Tlingit, i coloni dell’America del Nord che si stabilirono prima dei russi e che combatterono per mantenere il territorio.

Come raggiungere Sitka

Cosa vedere a Sitka, veduta dall'alto
Raggiungere Sitka non è semplicissimo. Situata nell’Inside Passage, il sistema di canali e fiori che consente di navigare da nord a sud alle navi di passaggio, Sitka è l’unica cittadina che non affaccia direttamente, essendo invece direzionata verso l’oceano.
Per arrivare a Sitka si dovrà quindi scegliere tra nave e aereo.

Se si volesse scegliere l’aereo come mezzo per raggiungere Sitka, l’aereoporto della città unisce unicamente con voli domestici. E’ quindi possibile arrivare in aereo a Sitka da Juneau, circa 40 minuti di volo, oppure da Anchorage, circa 3h, o ancora da Seattle, nello stato di Washington, in circa 4 ore.
Ovvamente è la modalità più veloce e più comoda per raggiungere Sitka.

In nave si dovrà usufruire dei traghetti dell’Alaska Marine Highway System, con tempi ovviamente nettamente superiori. Da Juneau i 40 minuti diventano infatti circa 10 ore ma offrendo invece un panorama insuperabile e invedibile viaggiando in aereo.
Se siete in auto i traghetti possono caricare a bordo il vostro mezzo di trasporto.

Cosa vedere a Sitka

Cosa vedere a Sitka, downtown in inverno

Il territorio della città di Sitka è quello con la maggiore estensione di tutti gli USA.
I suoi abitanti sono poco meno di 9.000, tutti distribuiti nella piccola città che ha il pregio di essere tra le più emozionanti dell’Alaska.
Il vantaggio di trovare, in un unico centro, le tradizioni dei nativi
Tlingit, dei russi che per primi l’hanno conquistata e degli americani che l’hanno acquistata, non è replicabile altrove.

Passeggiare per scoprire cosa vedere a Sitka significa partire dal suo centro e dalla sua arteria principale, la Lincoln Street. Qua ha sede il Baranof Castle Hill State Historic Site, il palazzo dove nel 1867 venne ammainata la bandiera russa per far posto a quella americana.
In questa nostra visita alle cose da vedere a Sitka vi porteremo a scoprire le sue attrazioni principali.

Link-uscita icona Scopriamo Anchorage, la più grande città dell’Alaska

I musei di Sitka

Cosa vedere a Sitka, incona russa
Piuttosto difficile credere che questa piccola città costiera un tempo fosse il fulcro di tutta la vita commerciale di commercio e arte del territorio.
Il primo museo di Sitka è intitolato a Sheldon Jackson, il suo fondatore, persona che prestò servizio in ben tre campi pionieristici alla fine del XIX secolo.
Sheldon Jackson fu una delle persone chiave per il territorio, in quanto istituì un sistema scolastico pubblico e contribuì allo sviluppo della cittadina.
Il Museo è ubicato nel Collage, anch’esso intitolato a Sheldon Jackson, ed è uno dei più antichi dell’Alaska, in quanto la sua fondazione risale al 1888. La mostra espone numerosi reperti e reliquie del territorio alaskano.

Da non perdere è il Sitka Historical Society & Museum, perlopiù noto per il modello in scala della Sitka del 1867. La mostra del museo si compone per vari cimeli e documenti che ricostruiscono gli usi ed i costumi di Sitka di tutte le popolazioni che nel corso degli anni l’hanno popolata, gli americani, i russi e Tlingit.
A completare il museo vi sono poi una serie di mostre temporanee, dalla durata stagionate, ed è presente un’esposizione dedicata al Collage Sheldon Jackson.

Il terzo, interessantissimo, museo di Sitka è il Sound Science Centre. Qua dentro ha sede un piccolo acquario pubblico, in cui vivono i pesci più famosi d’Alaska: i salmoni. Tutti i visitatori, soprattutto i più piccoli, amano il Sitka Sound Science Centre.
Il centro è stato fondato nel 2007 presso l’edificio del Sheldon Jackson College, chiuso per mancanza di studenti. Il Sound Science Centre è un punto di riferimento non solo per il turismo, ma anche per la ricerca scientifica. Sono molti i campus e le scuole locali che collaborano con questa istituzione per lo studio delle specie marine dell’Alaska.

Altre cose da vedere a Sitka

Il nostro viaggio prosegue tra le altre attrazioni di Sitka. La più importante è il National Historical Park, il più antico parco nazionale dell’Alaska, esteso approssimativamente 110 acri. Questo parco offre ai propri visitatori attività adatte sia ad adulti che a bambini, con sentieri escursionistici, tour guidati, scuole di intaglio ed esposizioni etnografiche.
Qua troviamo anche 20 totem e una piccola porzione della caratteristica foresta pluviale costiera, che ricordiamo essere una delle più importanti del mondo. 

Da non perdere è la Chiesa Luterana di Sitka, originariamente non apprezzata dai russi in quanto non somigliava a un’edificio di culto. Per questo motivo nel 1888 venne demolito l’edificio originale, venendo poi sostituito da quello presente oggi, costruito nel 1967. Sebbene la struttura sia di recente fattura, la chiesa si compone ancora di vari elementi di quella originale, come l’organo a canne, costruito in Estonia nel 1844.


Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0