Siena, una città gioiello del centro Italia

Visitare Siena, il gioiello del centro Italia, significa assistere al famoso Palio e ammirare i capolavori architettonici. Tra le cose da vedere a Siena citiamo Piazza del Campo, che presenta una forma a conchiglia unica al mondo, la Fonte Gaia, la caratteristica fontana di Piazza del Campo, la Torre del Mangia, il Palazzo Pubblico, tra gli edifici gotici della città toscana più rappresentativi, il Duomo, che ospita la Maestà di Duccio, un'importantissima opera d'arte del 1300. Ecco cosa vedere a Siena.

Guida di Siena

icona-articoloUn piccolo confetto medievale nel cuore della Toscana. La splendida Siena conta appena 50 mila abitanti, eppure riesce a regalare ai suoi visitatori emozioni fortissime e uniche.
Una location fantastica che raggiunge il suo apice durante il suo spettacolo più famoso: l’incredibile Palio di Siena. Questo importante evento si svolge due volte all’anno. Per tale ragione tutta la città sembra vivere soltanto per il Palio. In ogni angolo delle strade potremo ascoltare leggende e tradizioni raccontate dalle persone che si preparano al grande avvenimento. 

Cosa vedere a Siena

Siena, Piazza del Campo

Ma la piccola città toscana è così bella che riesce a emozionare il turista anche quando il Palio non c’è.
Merito della splendida Piazza del Campo, che presenta una forma a conchiglia unica al mondo.

Piazza del Campo

Siena, Piazza del Campo

Il capolavoro architettonico per adesso ancora non riprodotto in alcuna altra piazza dell’universo, reso ancora più meraviglioso dalla Fonte Gaia, una fontana monumentale del 1300.
Tra le cose da vedere a Siena, Piazza del Campo si presenta con l’insolita forma a conchiglia valorizzata da una pavimentazione in cotto color rosso. E’ proprio il luogo che ospita il Palio di Siena, l’evento per cui tutti i rioni rivaleggiano tutto l’anno.
Tra i vari palazzi che avrete modo di ammirare troviamo la Torre del Mangia ed il Palazzo Comunale. Ma, ancora prima, rimarrete affascinati dalla magnifica Fonte Gaia.

– La Fonte Gaia

La grande fontana che caratterizza Piazza del Campo è nota come Fonte Gaia, la cui realizzazione è di Jacopo della Quercia. La sua costruzione risale al 1419 in sostituzione di una precedente fontana che già presidiava la Piazza dal lontano 1346. Il suo nome, sinonimo di festeggiamenti, celebra infatti l’arrivo dell’acqua nei dintorni.
Quella che in realtà oggi possiamo ammirare non è l’originale ma una copia preparata in Marmo di Carrara. L’originale è infatti esposta, per preservarla, nel Complesso Museale di Santa Maria della Scala.

– La Torre del Mangia

Siena, Torre del Mangia

Il suo nome deriva dal primo campanaro di Siena, tal Giovanni di Duccio, che in realtà era noto a tutti come il Mangiaguadagni. La torre civica, svettante con i suoi 88 metri su tutta la Piazza del Campo e fra le cose da vedere a Siena, è stata realizzata dal 1338 al 1348.
Per salire in cima e godere di un panorama unico e meraviglioso, occorrerà percorrere i 400 gradini circa, ripidi e piuttostro stretti. Una volta sopra ci si dimenticherà dello sforzo e si potrà iniziare ad osservare la Piazza e Siena da una prospettiva insolita.

– Palazzo Pubblico

Siena, Palazzo Pubblico

Noto anche come Palazzo Comunale, il Palazzo Pubblico è uno tra gli edifici gotici della città toscana più rappresentativi. Nato per ospitare il Podestà, nel corso dei secoli è diventato la sede comunale e, ancora oggi, rappresenta l’edificio più imponente di tutta la Piazza del Campo e per tale ragione da inserire tra le cose da visitare a Siena.

Posto proprio a fianco della Torre del Mangia, la sua costruzione risale definitiva risale al XIV secolo come edificio per ospitare i Signori che governavano l’allora Repubblica di Siena.
Al suo interno troviamo il Cortile del Podestà, il luogo dove i cavalli oggi sostano prima di accedere alla Piazza, e proprio da qui si accede sia alla Torre del Mangia ma anche al Museo Civico. Si accede anche al Teatro dei Rinnovati, la cui apertura è disponibile solo durante gli orari di spettacolo.
Oggi il Palazzo Pubblico ospita gli uffici amministrativi comunali, ma l’accesso non è consentito ai turisti. E’ invece visitabile il Museo Civico, posto al primo piano della struttura e al cui interno trovano sede numerose opere d’arte di pregevole fattura.

Non c’è quasi bisogno di specificare che tutto il centro storico di Siena è entrato di diritto nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.
Una picola curiosità: nel centro storico di Siena sorge anche la famosa banca Monte dei Paschi. La data di fondazione di questo istituto risale al lontano 1472, prima della scoperta dell’America. Questa banca in attività è la più antica e longeva del mondo.

OneMag-logo
Capalbio, il piccolo borgo in provincia di Grosseto

Edifici da visitare a Siena

– Il Duomo

Siena, Cattedrale

Una volta raggiunta Siena vi sarà d’obbligo visitare il suo celeberrimo Duomo che ospita la Maestà di Duccio, un’importantissima opera d’arte del 1300. Importanti anche le altre chiese come il Battistero di San Giovanni e la Basilica dell’Osservanza.
La Cattedrale di Santa Maria Assunta è tra le cose da vedere a Siena più rappresentative e tra le più inconfondibili.
Realizzato in stile romanico-gotico, lo si distingue in mezzo agli altri edifici per il suo caratteristico marmo bianco.
Al suo interno è da ammirare la pavimentazione, 56 scene intagliate nel marmo e in parte coperte per preservarli e visibili solo durante il periodo del Palio. Da non perdere anche le opere di Michelangelo, Pinturicchio e Donatello, che avvalorano ulteriormente lo splendido edificio ecclesiastico.

– Santa Maria della Scala

Siena, Santa Maria della Scala

Da vedere a Siena anche Santa Maria della Scala, uno dei più antichi ospedali europei dove si aiutavano i poveri e venivano accolti i pellegrini. Siamo proprio di fronte al Duomo e al suo interno troverete, nei quattro piani di edificio, una ricca collezione artistica e diverse opere temporanee.
Il complesso è ricordato come uno dei primi ospedali in Europa, il luogo dove i pellegrini venivano soccorsi ma anche il punto di abbandono dei neonati senza possibilità di futuro nella casa materna.

La struttura è composta da quattro livelli e al suo interno potrete passeggiare tra le corsie e le sale di questo ospedale medievale rimasto in funzione fino al 1995. Nel grande complesso di oltre 20.000 metri quadri sono presenti chiese e cappelle ma soprattutto diverse mostre tra cui il Museo d’arte dedicato ai bambini, il Museo Archeologico e l’originale Fonte Gaia.

Di notevole rilevanza, infine, lo splendido patrimonio museale della città. Ben diciassette musei, a cui si aggiunge anche l’importante Biblioteca degli Intronati e due archivi di stato.

Infine, la splendida Siena, merita un plauso anche per la sua importante cultura culinaria: da provare senza indugi i crostini di milza; i pici, ovvero i caratteristici spaghettoni; e la ribollita, la zuppa di fagioli e cavolo nero.

Condividi su: