Sicilia

 

Box Sicilia


Le province della Sicilia

Agrigento

Caltanisetta

Catania

Enna

Messina

Palermo

Ragusa

Siracusa

Trapani


La Sicilia è la maggiore isola italiana, nonché dell’intero Mediterraneo. Questa è anche la più meridionale delle regioni d’Italia, con vari isolotti sparsi al largo della sua costa, molti dei quali molto più a sud, vicino a Malta, come nel caso di ⇒ Lampedusa. Nonostante la forte difficoltà economica, assieme alla presenza di diverse associazioni criminali organizzate, la Sicilia è una terra tra le più suggestive del mondo intero, con città storiche e ricche d’arte, e con una popolazione che conserva folclore e tradizioni secolari.

Oltre alle tante città meritevoli di essere visitate, la Sicilia presenta omogeneamente nel territorio numerose testimonianze del suo florido passato. Infatti, per quasi l’intero scorso millennio, la Sicilia fu il centro nevralgico dei commerci europei, un gigantesco porto naturale di riferimento per le vie mercantili marittime, che connettevano l’isola con tutto il mondo conosciuto ad allora.

Grandi città, borghi e villaggi d’arte sono solo una delle caratteristiche di pregio della Sicilia. Il paesaggio naturale è altrettanto ricco, caratterizzato da un’entroterra montuoso dominato dall’Etna, il più attivo dei vulcani della placca euroasiatica, protagonista di frequenti eruzioni e inserito tra i Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO. I 3300 metri dell’Etna, la cui cima è anche spesso innevata, lasciano spazio alla lunga costa, che si affaccia su ben tre mari appartenenti al Mediterraneo: il Mar Tirreno, a nord, il Mar Ionio, a est, e il Mar di Sicilia, a sud.

L’industria del turismo in Sicilia può essere delineata in tre gruppi principali: cultura e storia, ecoturismo e balneare. La regione è scelta come meta vacanziera soprattutto per il mare e le spiagge dall’acqua cristallina. Ciononostante, è una destinazione sempreverde, che risulta sorprendentemente interessante anche in inverno e nelle mezze stagioni, soprattutto qualora si desideri visitare una delle città qua presenti.

Infatti, la Sicilia è l’unica regione d’Italia ad avere ben tre Città Metropolitane, la suddivisione provinciale per le grandi realtà urbane: ⇒ Palermo, ⇒ Catania e ⇒ Messina. Oltre ai capoluoghi provinciali, sono sparse in tutto il territorio diverse città dal fascino incredibile, come ⇒ Taormina, nota per la sua eleganza e per il suo teatro, o ⇒ San Vito lo Capo, che custodisce alcune delle più belle spiagge siciliane.

L’offerta per il turismo balneare è incredibilmente vasta. Per cominciare, proprio a San Vito lo Capo troviamo quella che è descritta come la più bella spiaggia della Sicilia, a cui però competono a testa alta quelle delle isole minori, come la Cala Rossa sull’Isola di Favignana o quelle dell’Isola dei Conigli, a ⇒ Lampedusa. A Taormina invece la destinazione da segnarsi è quella dell’Isola Bella, mentre a Realmonte la suggestiva Scala dei Turchi è imperdibile. Ancora, la Riserva dello Zingaro con la spiaggia di Cala Capreria, la spiaggia di Calamosche, posta a metà tra Vendicari e ⇒ Noto, e la spiaggia di Mondello, nei pressi di Palermo, concludendo poi a Portopalo, con la sua piacevole Isola delle Correnti.
Tante sono le isole, a cui oltre quelle già viste meritano essere visitate quelle degli arcipelaghi vulcanici delle Eolie e delle Egadi, oltre alla coloratissima ⇒ Pantelleria.
Qua si possono scoprire tutte le più belle spiagge della Sicilia.

Mappa della SiciliaAddentrandosi nel più selvaggio entroterra il turista può godersi una vastissima scelta di attività outdoor ed escursionistiche di vario genere. Oltre all’Etna, la Sicilia cela nelle Isole Eolie i vulcani di Stromboli e Vulcano, situati nell’area più settentrionale della regione.
L’intero territorio è costellato da percorsi, sentieri e itinerari da vivere a proprio piacimento: a piedi, in bicicletta, in moto o su un fuoristrada. Bisogna solo esaudire il proprio desiderio che la Sicilia ha modo di esaudirlo con tante possibili alternative. Se invece si ricerca un’esperienza ancor più coinvolgente e unica, tra i Monti Nebrodi e i Monti Peloritani si può salire in sella a un cavallo ed esplorare il paesaggio incontaminato. Lo stesso può essere vissuto presso il Parco delle Madonie, nei pressi di Palermo, nella Necropoli di Pantalica, la più grande necropoli d’Europa, o nella Riserva Naturale di Pentalica. ⇒ Lipari e ⇒ Panarea, sulle Isole Eolie, sono altre due importantissime località per l’escursionismo.

Gli amanti dello sport e dell’avventura possono intraprendere diverse esperienze nelle Gole dell’Alcantara, tra Messina e Catania. Qua, i più allenati degli sportivi, possono scegliere se avventurarsi con il canyoning, con il body rafting o ancora con l’hydrospeed. Un’esperienza più agevole, da vivere a piedi, è quella lungo il Cammino Ebleo, che con i suoi 150 chilometri che si snodano nell’entroterra siciliano è uno dei più incredibili di tutt’Italia, attraverso le province di Catania, ⇒ Siracusa e ⇒ Ragusa, lungo i Monti Iblei.
Per unire ecoturismo e archeologia la tappa da segnarsi è quella di Cava d’Ispica, sempre ubicata tra i Monti Iblei, la più suggestiva area archeologica e naturalista della Sicilia, composta da un lungo canyon incastonato tra la selvaggia natura incontaminata. La Sicilia vanta anche quel che è considerato il più importante luogo di archeologia industriale: il Parco Minerario di Floristella, sviluppato su un’estesa area tra la confluenza delle superstrade che connettono ⇒ Enna, Piazza Armerina, Valguarnera Caropepe e Aidone. Il modo migliore per visitare il Parco Minerario? Assolutamente l’escursione di trekking con gli asini. Spettacolare è la Riserva Naturale di Vendicari, un’oasi con otto chilometri di spiagge incontaminate ricca di fauna selvaggia. Oppure, ancora, le saline di Trapani e Paceco, oggi dichiarate area protetta dal WWF.

La Sicilia è assolutamente una destinazione accessibile alle famiglie, anche con bimbi piccoli, grazie alla sua ricca proposta d’intrattenimento. Le tipiche marionette siciliane sono una delle vocazioni maggiori per l’intrattenimento tradizionalista nel territorio, con frequenti spettacoli che animano il Teatro dell’Opera dei Pupi e il Teatro Carlo Magno a Palermo, come anche il Teatro dei Pupi di Siracusa.  La ricca offerta è poi dettata da varie aree dedicate ai divertimenti, da cui spicca primo tra tutti l’Etnaland, a Belpasso, il più grande parco divertimenti dell’Italia meridionale e insulare, con tante attrazioni, giostre e montagne russe molte delle quali acquatiche. E parlando di acqua che merita organizzare una tappa in almeno uno dei tre acquapark principali: Scivolandia, a Cammarata in provincia di Agrigento, Acquapark Conte, a Sommatino in provincia di Caltanissetta, o proprio all’Etnaland, in provincia di Catania. Per un’esperienza più intellettuale perfetta per famiglie con figli di tutte l’età, la tappa da fare è quella alla Città della Scienza di Catania, una vera e propria realtà urbanistica in cui si trova il museo scientifico, un auditorium, diversi laboratori e aree ristoro, oltre a un’area espositiva lungo un corridoio sospeso.

L’acqua è la protagonista anche in una delle più antiche tradizioni del mondo: quella delle terme. Sin dall’antichità la Sicilia era nota per le tante sorgenti sparse nel territorio e ampiamente sfruttate dai Romani. La città-simbolo delle terme siciliane è senza dubbio ⇒ Segesta, con le sue Acque Segestane altamente mineralizzate, dove oltretutto si trova uno dei più importanti templi antichi della Sicilia. In alternativa, sull’Isola di Pantelleria si trova lo ⇒ Specchio di Venere, un lago termale naturale e liberamente accessibile, così come anche le terme naturali dell’Isola di Vulcano.