Shibuya, uno dei quartieri di Tokyo

Visitare Shibuya, uno dei quartieri più vivaci di Tokyo, significa tuffarsi nel turismo fatto di shopping ma anche vedere i santuari più belli della città. Shibuya è il quartiere di Tokyo cui la moda è al centro dell'economia, dentro cui è possibile trovare negozi di vestiti artigianali, a quelli a buon prezzo, dalle catene internazionali sino poi alle boutique di alta moda. Scopriamo il quartiere Shibuya.3 min


Shibuya, uno dei quartieri più vivaci di Tokyo

Visitare Shibuya, uno dei quartieri più vivaci di Tokyo

icona-articoloDescrivere in breve Shibuya è davvero un impresa: ci troviamo nel cuore della capitale giapponese, Tokyo, dove incontriamo questo agglomerato urbano caratterizzato da grandi arterie stradali e palazzi ricoperti di display.

È senza dubbio il luogo in cui la moda è al centro dell’economia. Dai negozi di vestiti artigianali, a quelli a buon prezzo, dalle catene internazionali sino poi alle boutique di alta moda.

L’intero quartiere è ben collegato con le due stazioni ferroviarie, che permettono di spostarsi verso gran parte della città e del paese.

Cosa vedere a Shibuya, Tokyo

Shibuya, uno dei quartieri più vivaci di Tokyo

 

 

 

Non mancano però i parchi ed i santuari. Infatti gran parte del quartiere è ricoperto dalle aree verdi in cui poter riposarsi dal trambusto urbano ed il Santuario Meiji-jingu è uno dei più grandi del Giappone. Si sa che ogni tempio in Giappone è appartenente al buddismo ed i santuari al shintoismo e molto spesso questi fanno parti di complessi architettonici molto estesi.

Il quartiere si sviluppò originariamente attorno ad uno snodo ferroviario ed osservò una praia crescita demografica, soprattutto successivamente al devastante terremoto del 1923. Questo perché numerose famiglie dovettero spostarsi dalla zona di Asakusa, trovando nuovo alloggio in Shibuya.

La stazione di Shibuya è una delle più frenetiche della città di Tokyo, visto il gran numero di pendolari che ad ogni ora del giorno fanno un via e vai continuo, tra coincidenze e corse al lavoro.

Quando il vicino quartiere di Harajuku si trasformò nel centro preferito dagli adolescenti, Shibuya divenne di conseguenza più affollata ed a partire dagli anni ’70, i magazzini “Seibu” e “Parco” divennero i precursori dell’alta moda giapponese.

La periferia degli adolescenti

Shibuya, uno dei quartieri più vivaci di Tokyo

I bar, i ristoranti ed i vari negozi iniziarono letteralmente a moltiplicarsi e per molti anni era divenuta la zona preferita dai giovani. Uno dei centri commerciali più trafficati è l’ampio Tokyu Hands, che vende articoli per la casa e per il fai-da-te. Non da meno anche il nuovo Hikarie, il centro commerciale situato ad est della stazione, favorito da una clientela più matura.

Proseguendo in direzione nord-est si incontra l’affollata e ricca di boutique Aoyama-dori. Continuando ulteriormente si arriverà infine ad Omotesando-dori, un boulevard con forse la più grande concentrazione di negozi di griffe in Giappone.

L’alta moda lascia il posto alla moda giovane d’avanguardia a Harajuku, nel punto in cui termina Omotesando, e dove i giovani si radunano a Takeshita-dori, una strada stretta con diversi negozi alla moda.

La stazione di Harajuku si affaccia sul Yoyogi-koen, un parco nato sul vecchio sito dell’Occupazione Americana e l’intera area sembra appartenere ad una cultura straniera. Solitamente questo è uno dei punti di ritrovo preferiti dai cosplayer, che ogni domenica si radunano qua.

Santuario Meiji-jingu

Shibuya, uno dei quartieri più vivaci di Tokyo

Verso l’ovest dalla stazione di Harajuku è situato il Santuario Meiji-jingu. Dedicato all’omonimo imperatore che segnò la transizione dall’era feudale al Giappone moderno, la struttura venne iniziata a costruire nel 1915, successivamente alla morte della moglie.
I lavori durarono 5 anni, venne inaugurato nel 1920 e nel corso della Seconda Guerra Mondiale venne distrutto. Solamente un decennio dopo il termine della guerra l’edificio venne ricostruito secondo il progetto originale, venendo completato nel 1958.

Il santuario oggi sorge in un vasto cortile e la sua peculiare struttura dalla forma allargata è composta da legno di cipresso e da un tetto in tegole di rame. L’ampio atrio centrale ed il vicino chiostro, caratterizzato da lanterne in bronzo, rendono questo il santuario più grande di Tokyo.
Il viale che trasporta i visitatori nel santuario è quasi interamente contornato da alti alberi che risaltano la bellezza del portale d’ingresso.

Ogni 3 Novembre, anniversario della nascita dell’Imperatore Meiji, la località diventa un vero e proprio palcoscenico per alcune delle opere teatrali giapponesi più celebri.

Da non perdere a Capodanno, infatti allo scoccare della mezzanotte il santuario diventa uno dei luoghi con il più vivace festeggiamento tradizionale. Attenzione però, ogni anno attira un milione di persone circa, nonostante siano festeggiamenti relativamente tranquilli è consigliato recarsi con anticipo.


Like it? Share with your friends!