Cosa vedere a Sciacca, Agrigento

Sciacca, Agrigento | Cosa vedere a Sciacca


Condividi su:

Cosa vedere a Sciacca, Agrigento

Tutti gli articoli della provincia di Agrigento
Cosa vedere a Sciacca, mappa
© YandexMaps

Icona articolo

Sciacca, sulla costa occidentale della Sicilia, è un comune della ⇒ provincia di Agrigento con oltre 40.000 abitanti, nota sia per le sue terme che per il magnifico mare che la circonda. Posta giusto di fronte all’isola di Pantelleria, nei suoi dintorni troviamo Eraclea Minoa e Selinunte, le due antiche città greche e, proseguendo, la Valle dei Templi di Agrigento e il Monte Calogero, la fonte delle sue acque termali.

 

Cenni storici

Cosa vedere a Sciacca, veduta dal mareTra le cittadine più storiche della Sicilia, Sciacca è stata prima conquistata dai Greci e dai Cartaginesi che la chiamarono Terma, in ricordo delle sue acque termali. Furono gli Arabi, i successivi conquistatori, a rinominarla Xacca, poi trasformata in Sacca e quindi nell’odierna Sciacca. Anche gli antichi romani la conquistarono, trasformandola rapidamente in un centro urbano in forte crescita, prendendo il nome di Therme Selinuntine e, ancora dopo, Sciacca si vide assediata dai Bizantini, rimanendo dopo la caduta dell’impero romano priva di ogni guida. Fu il periodo degli insediamenti dei monaci eremiti sul Monte Kronio, dove venne poi eretto il Monastero intitolato a San Calogero.

Ai bizantini fecero seguito gli Arabi e i Normanni, periodo quest’ultimo in cui Sciacca assunse una discreta importanza commerciale. Intorno al 1100 la cittadina agrigentina vide il suo massimo splendore, anni in cui vennero costruiti importanti monumenti, palazzi ed edifici dedicati al culto. Ma Sciacca non ebbe una vita serena, nel 1300 nel suo territorio iniziarono numerose dispute sanguinarie, concluse solo oltre due secoli dopo.

La conclusione della guerriglia non portò immediato beneficio al borgo siciliano, decimato sia in termini demografici che di crescita commerciale. Furono poi gli Spagnoli e infine gli Austriaci a riprendere il controllo, subentrando infine il periodo Borbonico nel 1734, in auge fino all’800, quando Sciacca si vide protagonista dei moti rivoluzionari.

OneMag-logo
Link-uscita icona Non perdere Lipari, il gioiello delle Isole Eolie


Cosa vedere a Sciacca

Cosa vedere a Sciacca, abitazioniSciacca è una delle città più importanti in Sicilia. È stata infatti vincitrice della classifica Top Coste Italiane nel 2016, a cui ogni anno partecipano 25 città, e vanta un centro storico di grande interesse culturale.

Iniziamo il nostro viaggio lungo le sue incantevoli spiagge, premiate e ambite a livello internazionale. Il litorale di Sciacca è sabbioso e si estende per diversi chilometri. Il mare è cristallino e in molti tratti il fondale è digradante, quindi perfetto per i più piccoli. Consigliamo il Lido Salus, ubicato a breve distanza dalla Spiaggia Stazzone. Interessante è anche la Spiaggia del Sovareto. Pronti ora a scoprire cosa vedere a Sciacca?

Castello Luna

Cosa vedere a Sciacca, Castello

Dopo aver scoperto le spiagge del litorale, iniziamo a scoprire cosa vedere a Sciacca nel suo territorio urbano. Non iniziamo dal centro storico ma da una delle attrazioni principali, il Castello dei Conti Luna, noto anche come Castello Nuovo. Costruito nel 1380, il Castello Luna si trova nella parte più alta di Sciacca da dove è possibile godere di un panorama esclusivo. Parzialmente in cattivo stato di conservazione, oggi è vedibile unicamente parte delle mura difensive, la principale torre di cui però rimane unicamente la base e il Palazzo del Conte. Completa la struttura la torre cilindrica distribuita su due piani.

L’accesso al castello è a pagamento, aperto ogni giorno dalle 9 alle 19 con pausa di 2 ore tra le 13 e le 15. E’ possibile arrivare nei suoi dintorni in macchina.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Castelmola, il meraviglioso borgo vicino a Taormina

Il Castello Incantato

Cosa vedere a Sciacca, il Castello Incantato

Altro castello presente nel territorio di Sciacca è il Castello Incantato, raggiungibile unicamente con mezzi privati ma a breve distanza dal centro urbano. Il Castello di Sciacca è frutto del lavoro di Filippo Bentivegna, uno dei più importanti nomi dell’architettura del rinascimento, ispirato al rientro di un viaggio nelle esotiche Americhe. Con la sua morte il Castello fu gradualmente abbandonato e, purtroppo, subì anche i danni causati dall’assenza di alcuna manutenzione. A rendere quasi surreale questo maniero di incredibili misure sono le migliaia sculture raffiguranti delle teste umane, oggi parzialmente esposte nel Museo dell’Art Brut di Losanna.

La parte più alta del castello è invece formata da vari cunicoli, con profondità e larghezze differenti, che creano una specie di labirinto. La via Bentivegna, in cui è situato il castello, è una zona di aperta campagna. Accessibile dietro pagamento di una piccola quota, il castello è accessibile nel periodo estivo dalle 9 alle 21 senza interruzioni mentre in inverno dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Benvenuti a Marsala, la prima città del libero consorzio comunale di Trapani

Il Duomo di Sciacca

Cosa vedere a Sciacca, il Duomo

Proseguiamo a scoprire cosa vedere a Sciacca recandoci ora nel centro storico della città, precisamente in Piazza Don Minzoni. Qua ci attende la Basilica Maria Santissima del Soccorso, ovvero il Duomo cittadino, edificio a croce latina le cui absidi risalgono al periodo della dominazione normanna. Ricca di dettagli al suo esterno, con una facciata barocca con statue e vari ulteriori decori in marmo, la Basilica sorprende una volta superato il portone di ingresso. Merita in modo particolare uno sguardo attento l’affresco posizionato sul soffitto, raffigurante l’Apocalisse, opera di Tommaso Rossi. Le navate laterali sono invece raffigurate con opere della vita di Maria Maddalena.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  I laghetti di Avola, la Riserva di Cavagrande del Cassibile

Museo Francesco Scaglione

Cosa vedere a Sciacca, il Museo Scaglione

Non dobbiamo allontanarci di troppo per trovare la prossima cosa da vedere a Sciacca. Siamo infatti proprio accanto al Duomo dove ha sede la Casa-Museo intitolata a Francesco Scaglione, grande collezionista d’arte. Alla sua morte l’eclettico uomo di cultura diede il via alla trasformazione, mediante atto testamentario, della sua abitazione in un vero e proprio museo.

Distribuito su due piani, ogni locale espone vari oggetti appartenuti a Scaglione, tra cui opere del Settecento di vari artisti, monete risalenti all’antica Roma e Grecia, orologi, ceramiche e molto altro ancora. Merita ammirare anche la stessa struttura, caratterizzata da una serie di affreschi dei soffitti che ben contrastano i pregiati pavimenti in maiolica.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo Pantelleria, l’isola incontaminata della Sicilia

Palazzo Steripinto

Cosa vedere a Sciacca, Palazzo Steripinto

Rimaniamo nel centro storico per raggiungere Corso Vittorio Emanuele, la via principale del centro di Sciacca, dove si incontrerà la Piazza Angelo Scandaliato, il più importante e noto punto panoramico di Sciacca ma non l’unico della città. Qua merita ammirare la Chiesa di San Domenico, l’esatto centro geografico della città. Proseguiamo ancora la nostra passeggiata lungo il corso per arrivare, al termine, a Palazzo Steripinto.

Costruito nel 1501, siamo di fronte a uno dei palazzi più storici di Sciacca e il suo nome deriva da hosterium, ossia Palazzo Fortificato. Merita perdere qualche minuto per osservare la sua facciata insolita, considerata tra le più belle dell’intera cittadina. La facciata è l’unica cosa purtroppo che rimane fedele all’origine mentre i suoi interni, non visitabili in quanto residenza privata, sono stati più volte restaurati e modificati nel corso dei secoli.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida turistica di Agrigento, cosa fare e cosa vedere nel capoluogo di Sciacca

Le terme di Sciacca

Cosa vedere a Sciacca, le terme

Ultima fondamentale tappa tra le cose da vedere a Sciacca è presso lo stabilimento termale, senza alcun dubbio tra i più famosi della Sicilia. Le Spa di Sciacca sono note in tutto il mondo per le grotte vaporose di S. Calogero, ubicate nella cima del Monte Kronio. L’acqua termale è frutto della ricca attività vulcanica sottoterra e sono particolarmente consigliate per le patologie respiratorie e cardiovascolari, oltre che renali e dermatologiche.

 

Ultimo aggiornamento: 02.08.2021


 

Condividi su: