Cosa vedere a Saturnia, l'antico borgo toscano delle sorgenti termali

Cosa vedere a Saturnia, l’antico borgo toscano delle sorgenti termali


Condividi su:

Cosa vedere a Saturnia, il famoso borgo termale di Grosseto

Leggi tutti gli articoli della Toscana

icona-articolo

Saturnia è una meta conosciuta ovunque per le sue terme, l’acqua sulfurea calda, a circa 37°C, che sgorga dal suo sottosuolo.
Frazione del comune di Manciano, Saturnia è un borgo medievale il cui nucleo abitato è posto in zona collinare, a breve distanza dalle sorgenti termali.
Noto come il borgo più antico d’Italia, Saturnia è ricca di storia.

 

Cenni storici

I borghi della Toscana, cosa vedere nell'antico borgo di Saturnia

Nota in periodo etrusco, le prime urbanizzazioni avvennero con certezza ancora in epoca precedente. Le prime notizie la descrivono come città controllata dai Romani nel III secolo, quando il borgo ebbe il primo sviluppo e protetto da una cinta muraria.
La decadenza tra il IV e il VI secolo, vede una Saturnia praticamente azzerata da ogni ricordo. Furono le sue terme a riportarla in auge e a scoprirla come meta salutistica.

Nel Medioevo Saturnia venne citata più volte per la sua fonte di acqua calda, a cui in molti si riferivano come zona stregata e particolarmente pericolosa.
Le leggende la videro protagonista di racconti legati al diavolo che da alcune pozze usciva ogni sera per fare visita a maghi e streghe che, a loro volta, propagavano la sua forza con riti e sortilegi.
È anche il periodo delle incursioni saracene che videro, nel 1299, quindi una occupazione da parte dei senesi che prima la distrussero e poi ne presero possesso dal 1410 al 1593.
Il passaggio dai Senesi alla potente famiglia dei Medici fu quasi una conseguenza.
Oggi Saturnia, oltre alle terme, può regalare diverse attrazioni, tra cui i resti delle mura castellane.

 

Cosa vedere a Saturnia

 

L'antico borgo di Saturnia, parcoCittà fortificata, Saturnia mostra ancora oggi alcune delle strutture del passato.

La Rocca Aldrobrandesca è la principale fortificazione che sorge proprio lungo la cinta muraria. Edificata in periodo medievale dalla famiglia Aldrobandeschi, venne fortemente danneggiata durante il XV secolo. Era il periodo di governo di Siena e furono loro a restaurarla, dando l’aspetto rinascimentale che oggi possiamo ammirare.
Nei suoi pressi possiamo anche ammirare i resti dell’antica Via Clodia.

La chiesa di Santa Maria Maddalena si erge a poca distanza dalla piazza principale, la Piazza Vittorio Veneto. Principale chiesa del borgo, la sua costruzione risale al 1188 ma l’aspetto che oggi possiamo ammirare è invece frutto di un restauro risalente al 1933.
All’interno imperdibile la Madonna col Bambino tra San Sebastiano e Santa Maria Maddalena risalente al XV secolo, oltre alle due croci in legno del 1700 e a un tabernacolo, sempre di legno, raffiguranti Santa Chiara e Santa Elisabetta d’Ungheria.

Il Museo archeologico, inaugurato nel 2003, espone la collezione della famiglia Ciacci, la proprietaria del Castello di Saturnia. L’esposizione del Museo Archeologico di Saturnia si compone per circa 600 reliquie, risalenti prevalentemente all’epoca romana ed etrusche, seppur vi siano cimeli anche molto più antichi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Capalbio, cosa vedere nel borgo in provincia di Grosseto

Terme di Saturnia

 

Spa naturale con cascate e sorgenti termali delle terme di SaturniaLe Terme di Saturnia rappresentano la principale attrazione del piccolo borgo. Le Terme di Saturnia Spa & Golf Resort sono sia una delle più caratteristiche di tutta Italia sia una delle più esclusive, tanto che turisti di tutto il mondo si recano in Italia appositamente per frequentarle.
All’aperto le Terme di Saturnia si compongono da 4 piscine termali, da cui si innalza il caratteristico vapore acqueo che trasforma totalmente l’ambiente. L’offerta del centro viene completata da cammino tra acqua fredda e quella calda, conosciuto come percorso Kneipp, da un centro benessere e da una spa.

 

Cosa vedere a Saturnia, piscine naturali terrazzate
Piscine naturali terrazzate a Saturnia

La sorgente termale nasce da un cratere vulcanico, lo stesso da cui sorge la piscina dello stabilimento, e che scorre attraverso un ruscello naturale per mezzo chilometro. Il ruscello porta l’acqua attraverso un vecchio mulino che forma a sua volta una serie di piscine naturali su più livelli.
Le Terme di Saturnia mostrano il meglio si sé durante la stagione fredda, quando l’ambiente collinare che le contorna crea un’atmosfera molto suggestiva e quando le calde acque termali sono un vero piacere per placare le temperature basse.


 

Condividi su: