Cosa vedere a San Pellegrino Terme,
casinò e delle sorgenti termali

Leggi tutti gli articoli della Lombardia

Icona articolo onemag

Nel cuore delle Alpi Orobie si trova San Pellegrino Terme, famosa località termale dove viene prodotta l'omonima acqua minerale, distribuita ovunque o quasi nel mondo. Siamo nella Valle Brembana in una conca circondata dalle Prealpi Orobie, affacciata sul fiume Brembo, dove San Pellegrino Terme si propone ai suoi visitatori come una meta in stile liberty di gran fascino. Distante circa 70 km da Milano, la località bergamasca è nota fin dal Novecento per le sue acque termali, ragione per cui è stato inaugurato lo Stabilimento Termale. Siamo anche negli anni in cui l'offerta turistica è stata valorizzata prima dal Casinò Municipale e quindi dal Grand Hotel, entrambe attrazioni che hanno permesso a San Pellegrino di diventare meta di relax e benessere.
Pronti quindi a scoprire cosa vedere a San Pellegrino Terme, Bergamo?

 

Clusone, la città dipinta della Val Seriana
Cosa vedere a Clusone, il borgo della Val Seriana conosciuto come "città dipinta" per l'incredibile patrimonio di affreschi che adornano l'intero centro storico. Ecco cosa...

Cosa vedere a San Pellegrino Terme

Cosa vedere a San Pellegrino Terme, panorama sulla città
Panorama sulla città di San Pellegrino Terme

San Pellegrino Terme è una località dalle origini antiche.

Furono gli Orobi a insediarsi per primi nel territorio ma fu Carlo Magno secoli dopo a dare il nome. Intorno alla fine del secolo XVIII San Pellegrino iniziò a essere conosciuta per la presenza delle terme. Molto più recentemente, nel 1961, vi si stabilì la SanPellegrino S.p.A., l'azienda che che produce e distribuisce una delle acque minerali più nota a livello mondiale.

Divisa in due dal Brembo, connessa da cinque ponti, il centro storico di San Pellegrino Terme è posizionato sulla sponda ovest e comprende, oltre al centro termale, anche il Grand Hotel e il Casinò Municipale.

 

Il Casinò Municipale

Cosa vedere a San Pellegrino Terme, Casinò Comunale di San Pellegrino Terme
Casinò Comunale di San Pellegrino Terme

Sicuramente tra le cose da vedere a San Pellegrino Terme merita iniziare dal Casinò Municipale, costruito tra il 1904 e il 1906 su progetto dell’architetto Romolo Squadrelli. La sua inaugurazione avvenne l'anno successivo e il progetto era parte di una valorizzazione dell'intero nucleo cittadino.

La sua struttura è facilmente individuabile grazie alle due torri che affiancano l'ingresso, composto dai tre portoni di legno in stile Art Noveau, collocati in un edificio in stile liberty.

Al suo interno il Casinò di San Pellegrino Terme è caratterizzato da colonne in marmo che conducono alla scalinata, impreziosita dalle vetrate sempre in stile Art Noveau. Merita anche ammirare i dettagli degli affreschi realizzati sul soffitto e che raffigurano i dodici segni zodiacali. Dopo essere stato aperto e chiuso più volte, l'attività di casinò è definitivamente cessata nel 1946 e oggi ospita la reception di QC Terme, la società che gestisce l'annesso centro termale.

La struttura è visitabile dal martedì e al giovedì mattina alle 9.30 con un tour guidato.
Al suo interno oggi vengono organizzati anche numerosi eventi e durante il periodo estivo nel piazzale vengono allestiti diversi spettacoli.

 

Scopri le terme di Sirmione
Cosa vedere a Sirmione, la cittadina sul Lago di Garda nella sponda bresciana, visitata ogni anno da oltre 1 milione di turisti pronti a scoprire...

Il Grand Hotel

Cosa vedere a San Pellegrino Terme, Grand Hotel
Grand Hotel di San Pellegrino Terme

Costruito in parallelo con il Casinò Municipale, il Grand Hotel è il prossimo punto di riferimento tra le cose da vedere a San Pellegrino Terme.

Costruito nel 1905 questo era uno dei più grandi alberghi dell'epoca, caratterizzato da uno stile contemporaneo e con arredi di alto livello: fu infatti pensato per una clientela di elevata classe sociale. Tra i tanti, qui soggiornarono la Regina Margherita di Savoia, la figlia Elena, lo scrittore Salvatore Quasimodo e Eugenio Montale oltre a nomi importanti nel mondo del cinema. La struttura, imponente, offriva 250 camere distribuite nei sette piani e per il periodo di inaugurazione era tra i più tecnologicamente avanzati, disponendo di ascensori e telefoni in ogni camera.

Pregevoli anche i materiali utilizzati per la sua costruzione, tra cui il marmo di Carrara. L'albergo chiuse i battenti nel 1979 e oggi viene utilizzato solo come sede di aste d’arte. Il Grand Hotel era il luogo in cui passare la notte dopo una serata passata al Casinò.

 

Ecco Brescia, la seconda città lombarda
Cosa vedere a Brescia, la seconda città della Lombardia. La città di Brescia è tra le più antiche della regione e nel 2011 entrata a...

Le terme

Cosa vedere a San Pellegrino Terme, Centro termale e benessere "QC Terme San Pellegrino"

La città San Pellegrino divenne nota sopratutto per le sue terme: un vasto complesso di edifici in stile Liberty con metodi all’avanguardia per l’epoca.

Oggi la struttura termale d'epoca fa parte del → complesso termale QC Terme, con vasche panoramiche e sensoriali, percorso kneipp, biosaune e area relax. E’ possibile acquistare sia il biglietto giornaliero oppure quello serale. Le sue acque sono note per combattere malattie del fegato e dell'apparato digerente e i calcoli.

 

La Funicolare

Cosa vedere a San Pellegrino Terme, funicolare
La funicolare di San Pellegrino Terme

Una meravigliosa funicolare che sembra uscita da un film di Wes Anderson, univa San Pellegrino Terme alla frazione La Vetta, a 650 metri di altitudine. La Vetta era una bellissima zona residenziale, oggi disabitata.

La sua storia ha inizio nel 1906, durante le fasi finali dei lavori al Casinò e del Grand Hotel quando nella sopraelevata frazione Vetta erano in lavorazione alcune ville destinate a residenze di lusso. La possibilità di unire la località al centro cittadino fu accettata di buon grado e il 25 luglio venne inaugurata, contemporaneamente all’Albergo delle Terme a Bracca. Alla conclusione della Seconda Guerra Mondiale l'attività venne ceduta alla Società Gestione Fonti Minerali e realizzate tre nuove fermate.

Nel 1989 l'intera struttura venne chiusa definitivamente, il primo segnale del declino del turismo a San Pallegrino. Dopo che sia la Funicolare che l'Albergo Vetta furono ceduti nel 2001 al Comune, nel luglio del 2022 dopo 33 anni di fermo, la funicolare è stata riaperta.
Chiaro indice di come si voglia recuperare il flusso turistico, il suo funzionamento è previsto fino al 25 settembre del 2022. Per il 2023 l'aperturà sarà da inizio maggio fino al 24 settembre.

Le corse sono programmate ogni 20 minuti e il costo del biglietto è di 5€.
L'intero tragitto è di 710 metri e la partenza è in Viale della Vittoria, adiacente al Casinò.

 

10 luoghi da visitare in Lombardia
10 luoghi da visitare in Lombardia, dieci mete da scoprire nella regione con il maggior numero di siti Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO. Scopriamo i 10 luoghi...

Il Duomo di San Pellegrino Terme

Concludiamo la nostra visita tra le cose da vedere a San Pellegrino Terme con una delle maggiori testimonianze del passato della località, il Duomo.

Il principale edificio di culto è intitolato al vescovo d’Auxerre, di cui troviamo una reliquia all'interno della chiesa. Costruito in stile tardo barocco, merita visitare il suo interno per la sua decorazione a stucchi, ad opera di Francesco Domenico Camuzio.

 

Continua a scoprire la provincia di Bergamo:

Ultimo aggiornamento 4 agosto 2022