Salisburgo, capitale dell’arte barocca

Salisburgo, capitale dell'arte barocca con il suo fascino austero, silenzioso ed imponente. Tra le cose da vedere a Salisburgo citiamo la Fortezza di Salisburgo, tuttora considerata la più grande d'Europa, Getreidegasse, la strada più famosa della città, la Casa di Mozart, oggi divenuto centro museale, il Museo di Arte Moderna ed il Museo di Scienze Naturali. Benvenuti a Salisburgo, la perla dell'Austria settentrionale.

Salisburgo, guida culturale

Salisburgo, la città di Mozart, perla dell’Austria settentrionale, è una città affascinante sotto ogni punto di vista, dall’architettura alla storia, sino alla sua strategica posizione, a cavallo con la Germania. Fascino silenzioso, austero e imponente, Salisburgo è al contempo una capitale incontrastata della cultura e della musica, nonché dell’arte barocca con sfumature italianeggianti.

L’intera città è considerata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco: qui fu girato il famosissimo musical Tutti insieme appassionatamente, dove un centro storico curato anche nei più minimi dettagli appare un diamante incastonato in una valle fatata con le Alpi a fare da anello. Il tutto arricchito dal fiume Salzach che divide in due la città, regalandole scorci fantastici ad ogni angolo. 

Guida a Salisburgo, Austria

Cosa vedere a Salisburgo

Fortezza di Salisburgo

Sullo sfondo di questa amabile cartolina si possono ammirare i fantastici monumenti di Salisburgo: a partire dalla quasi millenaria Fortezza di Salisburgo, tuttora considerata la più grande d’Europa, perfettamente conservata e visitabile; e il Castello di Mirabell, costruito nel 1600, fantastico esempio d’arte barocca.

La strada più famosa di Salisburgo è Getreidegasse, dove è possibile visitare la casa di Mozart e ammirare le vecchie insegne dei negozi che ricordano le tradizioni del passato.

Il centro storico è un continuo omaggio ad Amadeus e a lui sono rivolte le attenzioni di musei, teatri e anche tantissimi festival. A Salisburgo nascono anche i famosi cioccolattini chiamati palle di Mozart; anche se, per correttezza, bisogna riportare che il compositore ammise in una lettera di non aver mai amato la città che gli diede i natali.

OneMag-logo
Birra artigianale a Vienna, il volto insolito della capitale austriaca

Salisburgo e Mozart

Salisburgo, casa Mozart

Salisburgo ospita anche la casa dei Mozart, la struttura in cui la famiglia di Mozart visse tra tra il 1747 al 1773 e proprio dove, il 27 gennaio 1756, vide la luce Wolfgang Amadeus Mozart.
Oggi l’edificio è anche un museo dove vengono conservati gli strumenti utilizzati dal Mozart bimbo, violini, partiture ma anche alcune lettere e persino dei ritratti.

Sempre a Salisburgo troviamo la Casa di Mozart, chiamata la ‘Casa del maestro di ballo’. Qui Wolfgang Amadeus Mozart, dopo aver lasciato la casa natale, si trasferì dal 1773 al 1780 e dove compose le note sinfonie e i vari concerti.

OneMag-logo
Hallstatt, il paradiso tra i monti dell’Austria

Le sedi museali di Salisburgo

Salisburgo, Museo Arte Moderna
Il Museo di Arte Moderna

Oltre al già citato Museo dedicato a Mozart, presente nella sua casa natale, Salisburgo ha diverse sedi museali.
Il Museo di Salisburgo, ad esempio, ospita diverse mostre sia permanenti che temporanee dedicate proprio alla città.
Il Museo di Arte Moderna è invece ospitato in due edifici. Mönchsberg è uno dei due edifici ed è situato vicino alla parete rocciosa del monte Mönchsberg, poco distante dal centro storico cittadino.
Il Museo di Scienze Naturali merita invece una visita anche per la presenza di uno degli acquari più iconici dell’Austria e dell’Europa centrale.

Da aggiungere infine alla visita di Salisburgo anche lo zoo, tantissime specie di animali sono infatti ospitati in questa struttura che permette di vedere da vicino pantere, orsi e tigri, fra gli altri.

OneMag-logo
Wels, a spasso nell’Alta Austria

Città religiosa

Salisburgo, Cattedrale

Molto importante anche il patrimonio di architetture religiose che conferiscono alla città di Salisburgo un’atmosfera quasi aulica: la Cattedrale dei Santi Ruperto e Virgilio, fondata addirittura nel 744, conserva meravigliosi affreschi di Mascagni e appare all’esterno un tipico esempio di arte romanica.
Di stile chiaramente barocco, invece, l’Abbazia di San Pietro e il caratteristico cimitero Petersfriedhof, che potrebbe colpire il turista per il suo aspetto ruvido e austero.

Condividi su: