Saillon, Svizzera | Cosa vedere a Saillon

Cosa vedere a Saillon, una rustica, antica, località di fattura medievale, posta nel canton Vallese, nella Svizzera sud-occidentale. Saillon sorge nel cuore della Valle del Rodano, circa a metà strada tra Sion e Martigny. Le sue origini risalgono già al Neolitico, la cui zona risultò essere molto interessante per gli insediamenti nativi. Ecco cosa vedere a Saillon, lo splendido villaggio medievale del canton Vallese, in Svizzera.3 min


0
Cosa vedere a Saillon
Condividi su:

Cosa vedere a Saillon, in Svizzera

icona-articolo

Saillon è una rustica, antica, località di fattura medievale, posta nel canton Vallese, nella Svizzera sud-occidentale. Una località che ha poco da invidiare agli altri borghi svizzeri d’eccellenza. Il centro abitato di Saillon è un vero e proprio capolavoro urbano, con numerosi vicoli acciottolati che si inerpicano lungo il colle e case storiche conservate perfettamente.

Saillon sorge nel cuore della Valle del Rodano, circa a metà strada tra Sion e Martigny. Le sue origini risalgono già al Neolitico, la cui zona risultò essere molto interessante per gli insediamenti nativi. In tempi più recente Saillon ha creato una propria cultura, con tradizioni, storie ed eventi che ancor oggi si tramandano.
Ecco cosa vedere a Saillon, in Svizzera.

OneMag-logo
Link-uscita icona Schaffhausen, Svizzera | Cosa vedere a Schaffhausen

Cenni storici

Mappa di Saillon

Il territorio di Saillon lega le sue origini con i nativi cacciatori già dal mesolitico, tra il 10000 a.C. e il 5500 a.C. Molti esperti concordano su un’ipotesi, che vede il portale della grotta di Poteu come primo luogo di insediamento umano a Saillon.
In epoca neolitica Saillon fu abitata dalle prime popolazioni stanziali, sino circa all’avvento dell’Impero Romano, verso il II secolo, come testimoniato da una villa rinvenuta vicino al fiume Selentze.

Lentamente la comunità crebbe e nel VI secolo in città venne costruito il primo santuario cristiano. Con certezza sappiamo che nell’XI secolo la città aveva un castello, poiché è segnalato tra i possedimenti del capitolo di Sion. 
Tra il XIII e il XV secolo si susseguirono una serie di eventi che portarono Saillon a dover essere rinforzata con alti bastioni e varie strutture difensive.
Con l’ingresso nella Confederazione Svizzera Saillon seguì le sorti del territorio, rimanendo pressoché intatta e conservata nel corso di circa cinque secoli.

OneMag-logo
Link-uscita icona Perchè in Svizzera si parlano 4 lingue?

Cosa vedere a Saillon

Saillon cosa vedere

Già in lontana è possibile riconoscere Saillon, grazie alle sue imponenti fortificazioni medievali, di gran pregio architettonico. Il centro storico è già di per sé un’attrazione, passeggiarvici lungo i suoi vicoli, senza aver strettamente bisogno di una meta, risulta essere molto affascinante. 
La prima struttura che segnaliamo, tra le cose da vedere a Saillon, è l’Eglise di Ste-Catherine e St-Laurent, costruita nel 1740 e rimaneggiata nel 1925. L’edificio è anch’esso un’opera d’arte architettonica, uno splendido esempio di stile barocco rustico, con il caratteristico orologio a forma piramidale.

I più temerari non vorranno certo perdere la passerella di Farinet. Si tratta di un ponte sospeso lungo una profonda gola, che segna il confine naturale di Saillon con le sue frazioni, quelle rivolte in direzione Ovronnaz. La scenografica passerella è anche legata a un’antica leggenda. Un falsario in un’epoca non precisata divenne un vero e proprio mito tra i residenti. Si dice, infatti, che il falsario facesse varie opere benefiche rivolte ai più poveri, coniando monete false dandole ai mendicanti. Una volta scoperto dalle autorità l’abile falsario riuscì a sfuggire, lasciando il suo tesoro nascosto in fondo alla gola attraversata dalla passerella di Farinet.

Dall’imponente gola passiamo a un’attrazione alquanto singolare, la vigne à Farinet, famosa per essere la più piccola vigna del mondo, ubicata all’estremità del Sentier des Vitraux. Il sentiero si sviluppa lungo le vigne che circondano il borgo, immergendo i visitatori in un’atmosfera a dir poco magica. La vigne à Farinet può essere raggiunta in circa 45 minuti di passeggiata.

Il vero simbolo di Saillon è il suo centro termale, di stampo moderno, definito tra i migliori di tutto il paese. Le terme di Saillon sono meta di viaggiatori alla ricerca del totale relax, grazie al suo complesso composto da 4 piscine termali, con una temperatura compresa tra i 28 e i 34 gradi. A completare le piscine, sia interne che esterne, si trovano le saune, il centro fisioterapico e l’hotel a quattro stelle.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0