Vista della Royal Opera House Muscat (ROHM) a Muscat, la capitale del Sultanato dell'Oman

Royal Opera House di Muscat (ROHM) | Il primo teatro dell’opera della Penisola Arabica


Condividi su:
Leggi tutti gli articoli dell’Oman
Mappa del Royal Opera House di Muscat (Mascate), nella capitale dell'Oman
Mappa del Royal Opera House di Muscat (Mascate), nella capitale dell’Oman

icona-articoloUn monumento celebrativo alla cultura, il Royal Opera House di Mascate, la capitale dell’Oman, svolge un’importante ruolo del panorama sociale del territorio arabo. Oltre a rappresentare il più importante teatro del genere in Oman, il Royal Opera House di Mascate è stato il primo teatro dell’opera della Penisola Arabica, un simbolo di apertura culturale e un primo passo di progressismo sociale in quel che è uno dei territori più severi e ristrettivi del pianeta. Oltre a ospitare eccellenti spettacoli, la sola struttura architettonica è uno spettacolo per gli occhi, un’eccellente esempio di stile islamico contemporaneo, in grado di ammagliare i propri visitatori già dall’esterno.

OneMag-logo
Link-uscita icona Penisola Arabica, le ragioni per un viaggio di emozioni

Il Royal Opera House: il primo teatro dell’opera arabo

La Royal Opera House (ROHM) di Muscat illuminata di sera
La Royal Opera House (ROHM) di Muscat illuminata di sera

L’edificio è stato costruito a partire dal 2007, con lavori che si sono protratti per circa 4 anni. È stato fortemente voluto dal Sultano Qabus che con questo progetto fece una scelta davvero rivoluzionaria, quella di realizzare un teatro dall’architettura grandiosa, nello stile dei teatri d’opera europei, ma con il carattere della veste araba, ricco di legni scuri finemente decorati.

Al momento dell’annuncio della sua costruzione, il teatro non venne accolto favorevolmente dal popolo omanita, a causa delle ingenti risorse economiche che si sono dovute investire per la sua costruzione. Dal momento dell’inaugurazione, nell’estate del 2011, ci volle però poco tempo affinché l’edificio si trasformò in uno dei principali siti d’interesse di Muscat, una vera icona della capitale omanita che attira numerosi appassionati provenienti da tutto il pianeta.

Esternamente, dicevamo, il Royal Opera House di Muscat pare davvero essere uscito da un romanzo o da un film avveniristico, con la sua struttura arabeggiante con un’incommensurabile numero di marmi bianchi che riflettono la luce del sole. Al tramontare del sole l’edificio viene completamente illuminato con un’impianto di luci scenografiche, dando un aspetto glorioso e accogliendo i propri visitatori in un’atmosfera di forte suggestione.

L’edificio è costantemente sorvegliato e protetto fino ai denti, garantendo ai visitatori la completa serenità di potersi godere lo spettacolo senza temere alcun pericolo. Inoltre, il complesso è facilmente raggiungibile e si presenta privo di barriere architettoniche, altri elementi che rendono il Royal Opera House ancor più interessante.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Palazzo di Al Alam: uno dei più importanti palazzi reali di Muscat

Gli obiettivi dell’Opera House e la direzione di Umberto Fanni

Vista interna della Royal Opera House Muscat (ROHM) a Muscat
Vista interna della Royal Opera House Muscat (ROHM) a Muscat

La funzione dell’Opera House è quella di servire cittadini e turisti in un centro d’eccellenza con forte impegno in ambito culturale, ponendosi l’obiettivo di offrire un costante arricchimento di programmi artistici, culturali ed educativi. Il Royal Opera House di Muscat mette in mostra importanti opere artistiche ricche e ben diversificate tra loro, provenienti dall’Oman, dal mondo arabo e da tutto il resto del pianeta.

Dalla stagione 2016-2017 è entrato in opera il nuovo direttore generale dell’Opera House Umberto Fanni, bresciano, già direttore artistico del Teatro Verdi di Trieste e dell’Arena di Verona, che ha dato un carattere italiano a questo importante monumento omanita.

Il complesso si pone l’obiettivo non solo di primeggiare nel panorama teatrale islamico, ma in tutto quello mondiale, mettendosi in competizione con i più grandi teatri dell’opera del mondo, come la Scala di Milano, l’Opéra Garnier di Parigi e l’Opera di Sidney. L’offerta turistica del teatro è completata dall’Opera Galleria, subito adiacente, in cui si può godere di cucina raffinata e di shopping di lusso.


 

Condividi su: