Cosa vedere a Rouen, il capoluogo della Normandia

Rouen, il capoluogo della Normandia | Cosa vedere a Rouen, la storica città francese


Condividi su:

Cosa vedere a Rouen

Leggi tutti gli articoli della Francia
Mappa di Rouen, Francia
Mappa di Rouen, Francia

Icona articolo onemagRouen, capitale della Normandia, è una popolosa città affacciata sulla Senna. Si trova a poco più di 100 km da Parigi, ed è la base perfetta per visitare le principali località turistiche della regione, per esempio Honfleur e la Costa d’Alabastro. La città stessa offre molte attrazioni al visitatore: dal suggestivo centro storico medievale, alla maestosa cattedrale, ai luoghi-simbolo di Giovanna d’Arco, che proprio qui fu processata e giustiziata. Una città da scoprire a piedi, a passo lento, perdendosi tra le strette vie lastricate e le case a graticcio, gustando la cucina locale e facendo un po’ di shopping.

Cenni storici

I cenni storici di RouenRouen è una città dalle antiche origini, il cui insediamento primitivo pare essere stato fondato da una popolazione celtica. Conquistata dai Romani, l’odierna Rouen prende il toponimo di Rotomagus, ed è ampliata al punto di diventare la seconda città romana in Gallia, con tanto di terme ed anfiteatro.

Tutta questa ricchezza la rende una preda molto ambita, difatti la città è a più riprese attaccata dai vichinghi. Infine il Re di Francia deve cedere, e concede al capo vichingo Rollone il Ducato di Normandia, del quale Rouen diventa la capitale.

Durante il medioevo, la città vive periodi turbolenti dettati da scontri bellici e guerre interne, tornando in mano ai francesi per poi passare presto sotto il dominio inglese.  Coinvolta anche nelle guerre di religione, Rouen venne definitivamente conquistata nuovamente dai francesi.

Nel 1940, in piena Seconda Guerra Mondiale, Rouen è occupata dai nazisti, i quali per rappresaglia sulla popolazione devastano tutta la zona sud. Ma le sue peripezie non sono ancora terminate: sono infatti le forze alleate a completare l’opera di distruzione, con gravissimi bombardamenti tra aprile e giugno del 1944. Dopo la guerra, il centro è stato completamente ricostruito, così bene che oggi sembra di camminare ancora tra gli edifici medievali originali.

Cosa vedere a Rouen

La Cattedrale di Notre-Dame

Cosa vedere a Rouen, la Cattedrale di Notre-Dame
La Cattedrale di Notre-Dame a Rouen

Cominciamo il nostro viaggio a Rouen presso la sua magnifica cattedrale, costruita in pregevole stile gotico. Risalente al 1145, anche se in realtà ha subito diversi danni ed è stata più volte ricostruita e restaurata.

La facciata è senza dubbio la parte più spettacolare, con il suo enorme rosone, le guglie svettanti, e le delicate lavorazioni del marmo, che lo fanno apparire leggerissimo, quasi un ricamo ad uncinetto. La guglia con la lanterna della cattedrale è alta 151 metri, la più alta di Francia e la terza in Europa. All’interno, da segnalare le tombe dei Duchi di Normandia, tra cui Rollone e suo figlio Guglielmo I Lungaspada.

Il pittore impressionista Claude Monet eseguì una serie di 31 dipinti, che raffigurano la facciata della cattedrale, sempre dallo stesso punto di vista. Il luogo esatto è segnalato da un pannello, nell’angolo a destra della piazza. Questi quadri sono un importante studio della luce e del colore, oltre ad essere dei capolavori.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Deauville, la lussuosa meta balneare della Normandia

Il centro storico di Rouen

Cosa vedere a Rouen, Gros Horloge
Il Gros Horloge, Rouen

Tutt’attorno alla Cattedrale, sulla riva destra della Senna, si sviluppa l’incantevole centro storico di Rouen, eccezionale nonostante i danni subiti durante la Guerra.

Partite dall’ufficio del turismo, davanti alla Cattedrale, ed imboccate la Rue du Gros Horloge, la principale arteria dello shopping. In fondo alla via, tra edifici con le colorate facciate a graticcio, si staglia un’altra delle cose da vedere a Rouen, il Gros Horloge. E’ un enorme orologio astronomico in stile rinascimentale, popolato di figure allegoriche che rappresentano divinità e le fasi lunari.

Perdetevi nel reticolo di viuzze lastricate, passeggiare per Rouen è molto piacevole perché il centro è tutto pedonale. Lasciatevi trasportare dalla città stessa, seguendo i profumi delle boulangerie e le accattivanti vetrine dei negozi di artigianato. Tra le vie più belle a mio avviso ci sono la Rue Martainville, la Rue Saint-Romain, la Rue Saint-Nicolas, e la Place Saint-Barthelemy. In quest’ultima dove sorge un’altra importante Chiesa, l’Eglise Saint-Maclou, bellissimo esempio di gotico fiorito.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitare l’Abbazia di Mont Saint-Michel

Passeggiata sulla Senna

Cosa fare a Rouen, una passeggiata sul lungofiume
Il lungofiume di Rouen

Il fiume più famoso di Francia divide in due Rouen, sia fisicamente sia architettonicamente. Se la Rive Droite è il nucleo originario della città, la Rive Gauche ospita invece la zona moderna, con ampi viali e centri commerciali. Fate una passeggiata lungo i quai, le alzaie lungofiume, per ammirare il contrasto delle due anime della città.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Giverny, la città del grande Claude Monet

I luoghi di Giovanna d’Arco

Cosa vedere a Rouen, l'Eglise Saine-Jeanne D’Arc
L’Eglise Saine-Jeanne D’Arc, Rouen

Impossibile parlare delle cose da vedere a Rouen senza citare Giovanna d’Arco. La Pulzella d’Orleans visse qui i suoi ultimi giorni, nel 1431, tra interrogatori e supplizi, per infine essere arsa sul rogo come eretica.

Il Donjon de Rouen, conosciuto anche come Torre di Giovanna d’Arco, è tutto ciò che resta del castello nel quale fu tenuta prigioniera.

La torre è un po’ decentrata, vi consiglio quindi di cominciare l’itinerario dal museo, l’Historial Jeanne D’Arc. Ha sede all’interno del vecchio Palazzo dell’Arcivescovo, proprio quello in cui l’eroina francese fu processata e condannata a morte. E’ un museo moderno ed immersivo, che racconta la storia attraverso filmati, documenti e pannelli informativi.

Il luogo-simbolo per eccellenza è la Place di Vieux Marché, il luogo in cui Giovanna d’Arco fu giustiziata. Mentre arrivate venendo dal museo, fermatevi ad ammirare il bellissimo Palazzo di Giustiza, un edificio imponente ed elegante al tempo stesso, in stile gotico fiammeggiante.

Ma torniamo alla piazza del mercato. Una croce e una targa commemorativa segnano il punto esatto in cui fu eretta la pira, mentre lì accanto sorge l’Eglise Saine-Jeanne D’Arc. La chiesa è del 1979 ed ha un’architettura alquanto dubbia, ma le sue vetrate sono originali di una chiesa cinquecentesca, da non perdere.

Dietro la chiesa c’è il mercato coperto Ollca, dove acquistare prodotti locali da portare a casa, ma anche piatti pronti da gustare sul posto. La piazza stessa è molto caratteristica, piena di bar e ristoranti perfetti per una pausa ristoratrice.


Condividi su: