Vista estiva panoramica della Piazza del Mercato della Città Vecchia di Markplatz a Rostock

Rostock, la città del nord della Germania | Cosa vedere a Rostock


Condividi su:

Cosa vedere a Rostock,
Meclemburgo-Pomerania Anteriore

Tutti gli articoli della Germania
Cosa vedere a Rostock, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemag

Nel nord della Germania, nel Land noto come Meclemburgo-Pomerania Anteriore, troviamo la città di Rostock, la più importante città della regione nonostante non ne sia il capoluogo, attribuito invece alla meno nota Schwerin. La città apparteneva alla Lega Anseatica, l’alleanza commerciale realizzata da una cooperazione di mercanti e che gestiva gli scambi e la difesa delle coste più settentrionali dell’Europa. La sua adesione risale al 1259 e per tre secoli la città tedesca ha potuto beneficiare di un lungo periodo di prosperità.

Visitando il suo nucleo storico si avrà modo di comprendere la storia della città attraverso i suoi antichi edifici e confrontarli con i nuovi, quelli moderni realizzati alla conclusione della seconda guerra mondiale. La città rimane ancora oggi una importante città portuale, la seconda dopo Lubecca, all’epoca capitale medievale della Lega Anseatica.

Cenni storici

Cosa vedere a Rostock, veduta dal mare

 

La storia di Rostock è legata alla sua posizione geografica che l’hanno saputa rendere nel tempo una importante potenza commerciale. Nota fin dal settimo secolo d.C. le sue prime notizie compaiono nel 1259, anno in cui è appunto entrata nella Lega Anseatica, periodo che vide il suo massimo splendore nel XV secolo. Sono proprio di questo secolo la costruzione di numerosi edifici tra cui l’Università, quest’ultima risalente al 1419. Un periodo di forte declino Rostock lo vide durante la Guerra dei Trent’Anni, quando Rostock venne saccheggiata e distrutta dagli svedesi. L’incendio che la colpì nel 1677 fece di fatto quasi dimenticare la città e la sua ripresa non fu né semplice né veloce.

Durante la seconda guerra mondiale l’ex città della Lega Anseatica divenne un centro militare per l’aeronautica nazista, periodo in cui subì numerosi bombardamenti. Alla conclusione del conflitto venne unita alla Repubblica Democratica Tedesca. La Rostock di oggi propone un centro storico interessante, con i tipici edifici costruiti con mattoni rossi in stile baltico, risalenti al periodo fiorente della città. Qui sono interessanti da vedere anche le opere difensive realizzate durante la Guerra dei Trent’Anni e altre attrazioni.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Isola di Sylt, Germania | L’isola glamour nel nord della Germania

Cosa vedere a Rostock

Cosa vedere a Rostock, centro storico

Il centro storico di Rostock è piuttosto piccolo e interamente visitabile a piedi. Durante la vostra visita avrete modo di osservare i principali edifici storici della città, dal colore rosso e con il materiale più tipico della zona, il cotto. La principale strada e quella che merita assolutamente percorrere è la Kröpeliner Straße, una via pedonale che parte dall’omonima porta raggiungendo il Municipio.

La porta di Kröpelin è una delle quattro porte che appartenevano alle fortificazioni di Rostok e merita ammirare la sua torre, edificio in stile gotico risalente al 1270. Di altezza pari a sei piani, la torre era il simbolo della potenza della città, quella che era ammirata dai commercianti in transito per i loro commerci.

Qui aveva sede il Museo Storico risalente al 1859 e invece oggi ospitato in un convento poco distante della Chiesa di Santa Croce. Merita una visita per l’interessante collezione di dipinti e la struttura che oggi lo ospita è invece stata costruita nel 1270 ed era uno dei quattro conventi presenti in città durante il periodo medievale e unico costruito nel pieno centro cittadino. Le altre porte che permettevano l’accesso alla città erano invece la Monchetor, l’unica rimasta intatta e accessibile proveniente dalla costa, la Steinor e la Kuhtor, quest’ultima chiamata Porta della Mucca.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona 10 cose da vedere a Berlino

La Marienkirche

Cosa vedere a Rostock, la Marienkirche

Rimaniamo nel fulcro della città per vedere la prossima attrazione di Rostock, la Marienkirche, l’edificio religioso più importante della città. L’attuale chiesa è il risultato delle lavorazioni avvenute a partire dal 1454 e delle sue successive trasformazioni ma le origini della chiesa risalgono a due secoli prima, nel 1232. Tra le date importanti da segnare troviamo quella del 1531 quando la città aderì alla Riforma protestante e le opere d’arte fino allora contenute vennero rimosse.

Oggi merita visitarla per il suo orologio astronomico, risalente al 1472 dove vengono riportate oltre l’ora anche le fasi lunari e i segni zodiacali. Completamente funzionante, l’orologio è unico al mondo per il suo funzionamento con il medesimo meccanismo in funzione durante il periodo medievale.

OneMag-logo
Link-uscita icona Le città più romantiche della Germania

Chiesa di San Pietro

Cosa vedere a Rostock, chiesa di St. PetriSpostiamoci di poco per raggiungere la piazza Alter Markt dove potremmo invece visitare la chiesa più antica della città. Qui nel 1234 venne realizzata la prima chiesa parrocchiale, costruita interamente in legno di cui oggi non rimangono più tracce.

La chiesa che oggi possiamo ammirare venne costruita in sua sostituzione nel XIV secolo ed è immediatamente riconoscibile per il suo alto campanile, 117 metri di struttura per lungo tempo punto di riferimento per i pescatori e per i commercianti in visita alla città. Il campanile è visitabile e alla sua cima troverete una piattaforma panoramica in grado di mostrarvi Rostock in una visuale insolita.

Sono 196 i gradini da percorrere oppure in alternativa salire sul comodo ascesore che vi permetterà di respirare l’aria pulita dei 45 metri di altitudine in cui la torre panoramica è posizionata. La chiesa è una basilica a tre navate dove all’interno sono custodite numerose opere d’arte.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Le 5 attrazioni da non perdere ad Amburgo

Il Municipio di Rostock

Cosa vedere a Rostock, municipio
Tra le cose da vedere a Rostock merita una visita l’edificio gotico baltico del Municipio, oggi con una facciata barocca che risale al 1729. Nelle sue origini la casa comunale era composta da tre differenti edifici, i primi due erano case risalenti al XIII secolo a cui venne aggiunta un’ulteriore dimora due secoli dopo. I tanti lavori di restauro hanno unito le strutture senza apparente unione tra le tre strutture dei secoli precedenti.

OneMag-logo
Link-uscita icona Le 10 città più belle della Germania

L’Università

Cosa vedere a Rostock, Università

Realizzata durante il periodo di massimo prestigio di Rostock, quando l’appartenenza alla Lega Anseatica l’aveva resa tra le città protagoniste a livello commerciale, l’Università è tra le più antiche della Germania. Fondata nel 1419, l’Università di Rostock nacque per mano del consiglio cittadino in collaborazione con i Conti del Meclenburgo Albrecht V e Johann IV, arrivando oggigiorno ad ammontare ben dieci facoltà differenti, ben più rispetto alle tre istituite alla fondazione.

Originariamente gli studenti potevano condurre i propri studi in giurisprudenza, medicina e filosofia. Tra questi studenti i più illustri sono Joachim Gauck, ex Presidente della Repubblica Federale di Germania, e il ben noto scrittore Erich Kästner. L’odierna sede principale dell’Università di Rostock è situata all’interno di un edificio in stile rinascimentale progettato dall‘architetto Hermann Willebrand e costruito nel 1870, affacciato sull’omonima Piazza dell’Università. Questa, insieme alla Piazza del Nuovo Mercato e quella del Vecchio Mercato rappresenta una delle tre piazze storiche di Rostock.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Vacanze estive ad Amburgo, ecco cosa fare

Il Museo Navale

Concludiamo in bellezza il nostro itinerario nelle cose da vedere a Rostock presso il celeberrimo Museo Navale, situato in un’esteso parco che costeggia l’estuario del Warnow, nella meravigliosa ambientazione della nave cargo “MS Dresden”, pesante circa 10 mila tonnellate. Il centro espositivo raccoglie cimeli, reperti, reliquie, documenti e oggetti relativi a tutta la storia portuale, marittima e appunto navale della città e dell’intera regione che si affaccia sul Mar Baltico.

Oltre alla possibilità di visitare l’ampia sala macchine, la collezione offre (in aggiunta a quanto elencato poc’anzi) un ampia prospettiva su quella che è la storia della navigazione sul mar Baltico, alla costruzione navale e agli sport di vela. La collezione comprende numerosi cimeli storici, modelli di antiche navi e particolari oggetti di grande valore.


Condividi su: