Riviera dei Cedri | Cosa vedere alla Riviera dei Cedri, Calabria

Guida alla Riviera dei Cedri, la splendida costa tirrenica della provincia di Cosenza, che si estende per 80 km dal comune di Tortora a quello di Paolo e che offre litorali magnifici e paesaggi mozzafiato. La Riviera dei Cedri è ricca di attrazioni e località suggestive, come Praia a Mare o San Nicola Arcella, dove troviamo la spiaggia dell'Arcomagno, definita tra le più belle della Calabria, o ancora Diamante e Scalea. Scopri tutte le cose da vedere alla Riviera dei Cedri, Calabria.6 min


Riviera dei Cedri, Calabria

Cosa vedere nella Riviera dei Cedri
in Calabria

Icona articolo

La Riviera dei Cedri è uno dei tratti costieri più ambiti d’Italia. Ci troviamo nella provincia di Cosenza, in quella che è la Calabria Tirrenica, un territorio di circa 80 km nell’Alto Tirreno Cosentino.
La Riviera dei Cedri comprende alcune delle località marittime più belle di tutta la Calabria iniziando da Tortora, nella zona settentrionale, per concludersi a Paola, il punto più meridionale.
In questo litorale comprendiamo 13 comuni tra cui vengono inclusi pure alcuni borghi di montagna dei Monti dell’Orsomarso, la catena montuosa appartenente al Parco Nazionale del Pollino.

Ecco la Riviera dei Cedri

Il suo nome ricorda ovviamente la coltivazione del cedro che in questo angolo di Calabria trova le migliori condizioni per crescere. Il cedro, infatti, ha bisogno di un clima mite e non soggetto a sbalzi termici rilevanti, esattamente quello presente nella Riviera dei Cedri.
Ecco l’elenco dei comuni, affacciati sul mare o in collina, che troviamo al suo interno.

OneMag-logo
Link-uscita icona Da Cosenza a Reggio Calabria, scopri la Costa Viola, la riviera amata anche da Platone

I comuni della Riviera dei Cedri

Tortora

Cosa vedere a Tortora, Cosenza Il comune da cui inizia la Riviera dei Cedri è Tortora, al confine con la Basilicata. Noto per il suo turismo balneare, Tortora è incluso nel Parco Nazionale del Pollino.
Numeosi gli edifici religiosi da vedere, tra cui spicca la Chiesa di San Pietro Apostolo, nel centro storico della cittadina e costruita alla fine del XIII secolo e rimaneggiata nel XVIII secolo. Merita osservare i tre portoni d’accesso, tutti rivolti su Piazza del Plebiscito che spiccano sulla facciata neo classica della struttura.

Link-uscita icona Scopri cosa vedere a Tortora, Cosenza

Praia a Mare

Cosa vedere a Praia a Mare, CosenzaNota anche semplicemente come Praia, la cittadina della Riviera dei Cedri è nata come villaggio di pescatori e contadini e oggi è uno dei centri balneari con alcune tra le migliori spiagge della Calabria. Merita anche attenzione l’Isola di Dino, la prima delle due isole calabresi poste giusto di fronte all’abitato di Praia a Mare, nella zona sud del paese.

Link-uscita icona Scopriamo Praia a Mare, Cosenza | Cosa vedere a Praia a Mare

San Nicola Arcella

Cosa vedere a San Nicola ArcellaAltra località marina, San Nicola Arcella è per molti uno dei centri di vacanza più esclusivi della regione, grazie anche a numerose strutture ricettive di alta qualità. Nei periodi dove il turismo è fermo, San Nicola Arcella prosegue incessantemente la sua produzione agricola, con anche un’interessante produzione di formaggi.
Tra le cose da vedere merita la spiaggia di Arcomagno e la Chiesa di San Nicola da Tolentino, posta nel centro storico e riconoscibile per le sue due torri campanarie. Il suo interno è decorato a stucco e comprende alcune statue, come quella dedicata proprio a San Nicola da Tolentino e interessanti affreschi di recente realizzazione.

Link-uscita icona San Nicola Arcella | Guida su cosa vedere

Scalea

Cosa vedere a ScaleaUna tra le città con più storia di tutta la Riviera dei Cedri, Scalea è infatti nota fin dai tempi dei romani che qui vi costruirono varie ville sul mare. La costa venne però abbandonata a seguito della varie incursioni, a cui gli abitanti preferirono le alture come protezione. L’attuale Scalea è un centro balneare rinomato, con circa 8 km di arenile interrotto unicamente dalla Torre Talao, il simbolo della località posto su uno scoglio.
Da vedere a Scalea merita il Castello Normanno, quello che rimane della fortezza posta nella parte alta di Scalea antica.

Link-uscita icona Cosa vedere a Scalea

Santa Maria del Cedro

Cosa vedere a Santa Maria del CedroUna delle più visitate e predilette località della Riviera dei Cedri è Santa Maria del Cedro. Fondata nel XVII secolo, oggi Santa Maria del Cedro è popolata da circa 5000 residenti ed è apprezzata anche per il suo centro storico medievale.
Imperdibile è il Castello di San Michele, di origine normanna. Sulla costa Santa Maria del Cedro offre lunghi tratti sabbiosi, che si alternano tra spiagge libere e stabilimenti balneari. In entrambe le tipologie, le spiagge sono pulite e perfette per le famiglie.

Link-uscita icona Santa Maria del Cedro | Guida su cosa vedere

Diamante

Cosa vedere a DiamanteUno dei più noti e popolati comuni della Riviera dei Cedri è Diamante. La località ha origini risalenti al periodo romano, anche se le prime notizie della città cosi come la conosciamo oggi risalgono al XVI secolo. Diamante si estende sulla costa della Riviera dei Cedri per 8 km e il comune gestisce la seconda e ultima isola calabrese, l’isola di Cirella. Il simbolo di Diamante è la chiesa dell’Immacolata Concezione, risalente al XVII secolo. Diamante offre lunghi litorali di sabbia bianca tra i più apprezzati della Riviera dei Cedri.

Link-uscita icona Diamante, Calabria | Cosa vedere a Diamante

Belvedere Marittimo

Cosa vedere a Belvedere MarittimoSubito a sud da Diamante, Belvedere Marittimo si estende per quasi 6 chilometri lungo la costa. La costa di Belvedere Marittimo è costellata da spiagge sabbiose e stabilimenti balneari dotati di tutti i comfort. L’area più antica è anche l’unica che si sviluppa nell’entroterra. Il centro storico è inoltre dominato dal Castello Aragonese, uno dei più importanti, nel suo genere, in Calabria. 

Link-uscita icona Belvedere Marittimo | Guida su cosa vedere

Grisolia

Cosa vedere a Grisolia, CalabriaLocalità nota fin dal periodo neolitico, oggi Grisolia è un comune con poco più di 2.000 abitanti il cui centro storico è posto in collina, a 465 metri di altitudine. A circa 7 km troviamo invece Grisolia Lido, l’area balneare del borgo calabro.
Con un centro storico tipicamente medievale, passeggiare per Grisolia significa attraversare vicoli in cui le abitazioni si affacciano una all’altra.

Link-uscita icona Scopriamo Grisolia, Calabria | Guida su cosa vedere

Sangineto

Cosa vedere a SanginetoDiviso anch’esso in due parti, la zona collinare a 334 metri di altitudine e la zona balneare sulla costa, Sangineto è anch’esso un comune antichissimo.
Il nome deriva dall’epoca normanna e angioina quando la storia del borgo si fonde con l’omonima famiglia dei Sangineto.
Il suo centro storico è un sussegguirsi di piccole vie e vicoli che attraversano gli edifici religiosi, i monasteri e i palazzi storici.

Link-uscita icona Visitiamo Sangineto, Calabria | Cosa vedere a Sangineto

Bonifati

Cosa vedere a Bonifati, CalabriaNonostante un breve tratto costiero, Bonifati è prevalenteme collinare, posto a 430 metri di altitudine e sormontato da un castello.
L’abitato si caratterizza per una serie di frazioni e la sua storia risale alla metà del VI secolo quando venne fondata dai Focesi di Lidia.
Con i suoi 3.000 abitanti circa, Bonifati appartiene alla Riviera dei Cedri della Calabria.

Link-uscita icona Scopriamo Bonifati in Calabria | Guida su cosa vedere

Cetraro

Cetraro, cosa vedere nella Riviera dei CedriTra le città più storiche della regione, Cetraro è stata fondata nel IV secolo a.C.
Il suo centro storico è di poco in collina, sono un centinaio di metri di altitudine che caratterizzano il suo fulcro, ricco di viuzze e archi che in parte lasciano spazio a suggestivi scorci del mare.

Link-uscita icona Benvenuti a Cetraro, la vera anima dei cedri nella Riviera

Acquappesa

Cosa vedere ad AcquapessaLe sue origini risalngono al 1600 quando venne fondato con il nome di Casaletto, oggi nome che identifica il suo centro storico. Casalicchio, altro nome con cui è conosciuto Acquappesa è invece la frazione marina.
Da comune autonomo, nel 1927 venne unito a Guardia Piemontese per poi scindersi nuovamente nel 1943.

Link-uscita icona Passeggiare per Acquappesa, Calabria | Cosa vedere ad Acquappesa

Guardia Piemontese

Guardia Piemontese - Riviera dei CedriSuddivisa anch’essa in due nuclei, la frazione Marina è recente mentre il suo nucleo storico è ubicato in collina, a 514 metri di altitudine.
Il borgo è stato fondato nel XIII secolo e oggi è l’ultimo paese calabro in cui si parla la lingua occitana, nonostante non siano più presenti fedeli della chiesa valdese.
Il suo centro storico è con una pavimentazione in pietre in cui è presente un piazzale dove vengono organizzati numerosi eventi.

Link-uscita icona Non perdere l’antica località di Guardia Piemontese

Fuscaldo

Fuscaldo - Riviera dei CedriNonostante sia un paese con origini storiche, non è ben definito il periodo, nonostante varie ipotesi. Con certezza si è stabilito che Fuscaldo fosse attiva durante il periodo romano e che vi fosse un corposo nucleo durante l’epoca longobarda.
Posizionato a 350 metri di altituine, il suo centro storico è a circa 3 km dal mare e una passeggiata nel suo fulcro permetterà di comprendere la ragione del suo appellativo, ovvero il paese di pietra.
Il centro storico è suddiviso in quattro nuclei e qui si avranno modo di ammirare le case e i palazzi storici, realizzati appunto in pietra.

Link-uscita icona Benvenuti a Fuscaldo, uno tra i borghi meno conosciuti della Riviera dei Cedri

Paola

Cosa vedere a Paola, CalabriaNota già in epoca romana, Paola ha avuto il suo più importante sviluppo dal XV secolo ma è solo nel 1875, grazie all’avvento della ferrovia, che il borgo iniziava a essere popolato anche nella zona costiera.
La sua zona storica è invece in collina, dove troviamo il Santuario di San Francesco, mentre le abitazioni più recenti si affacciano sulla spiaggia. Paola è una delle mete di pellegrinaggio più note della regione, grazie alla nascita di Francesco d’Alessio, nominato Santo dopo la sua morte nel 1507.

Link-uscita icona Visitiamo Paola, Cosenza | Cosa vedere a Paola, Riviera dei Cedri

 


Like it? Share with your friends!