Condividi su:

Cosa vedere a Rethymno, Creta

Tutti gli articoli della Grecia

icona-articolo

Ci troviamo nella terza città dell’isola di Creta dove troviamo Rethymno, località spesso visitata per la presenza del vicino aeroporto di Heraklion, consigliato rispetto a quello di Chania (la seconda città di Creta) per la minore affluenza. La sua posizione, a nord dell’isola, confina con il Mare di Creta a nord e con il Mar Libico a sud. E’ una città in continua espansione, andando a occupare la parte più a nord della sua spiaggia.
Pronti a scoprire cosa vedere a Rethymno, Creta?

Cenni storici

mappa di rethymnoI primi abitanti confermati occuparono il territorio nel periodo post-minoico ma le sue prime notizie risalgono al III secolo a.C. quando l’allora Rithymna iniziò a svilupparsi.
Nonostante un periodo fiorente, la città inizio a decadere tornando a essere poco più di un villaggio durante l’insediamento dei romani. Anche durante i successivi domini, quello arabo prima e bizantino poi, non mostrano segni di crescita.
Rithymna iniziò a crescere solamente durante il secondo periodo bizantino, dal 961 al 1024 d.C., quando al suo interno venne costruito un piccolo forte di protezione.

L’intero secolo passò inosservato fino all’arrivo del XIII secolo quando venne venduta ai veneziani, i quali compresero subito l’importanza della cittadina, a cui venne realizzato un porto in grado di commercializzare con vaste zone.
La crescita di Rethymno era oramai avviata e nel XVI secolo i veneziani decisero di fortificare ulteriormente il suo territorio, preda dei turchi. Pochi anni dopo, nel 1571, la debolezza della nuova fortificazione diede modo di essere invasa da Ouloutz-Ali, pirata algerino che si impossessò della città radendola al suolo.
Trascorsero due anni prima che venne costruita la Fortezza sulla collina di Paleokastro, una fortificazione che era stata progettata per resistere agli attacchi per lungo tempo.

I turchi riuscirono tuttavia a invadere Rethymno nel 1646, occupando l’intera isola. Furono periodi bui per tutta l’isola con una serie di rivolte e guerriglie.
Siamo alla fine del 1800 quando Creta vide una nuova rivolta, dando origine alla guerra greco-turca dando poi origine all’indipendenza dell’isola dall’impero ottomano.
Creta divenne greca nel 1913 con il Trattato di Londra. Una decina di anni dopo anche gli abitanti di origine turca lasciarono l’isola in rispetto del Trattato di Losanna che prevedeva uno scambio tra Grecia e Turchia.
Alla fine della seconda guerra mondiale Rethymno si svegliò distrutta e molti dovettero emigrare tra Atene e l’estero.
Oggi Rethymno è una città costiera con una popolazione di poco superiore ai 20 mila abitanti, prevalentemente adagiata sul porto, oggi come ieri punto di attracco e di commercio.

Cosa vedere a Rethymno

La fortezza veneziana Cosa vedere a Rethymno, la Fortezza

Tra le primissime cose che devono essere visitate a Rethymno, la Fortezza occupa un posto privilegiato. Posizionata su un promontorio, la Fortezza venne terminata nel 1580 dopo che la città venne distrutta durante un assedio da parte di pirati algerini.
La zona, nel suo passato, era il luogo dove sorgeva l’antica acropoli di Rethymno e la scelta di costruirla proprio sulle sue rovine venne decisa per la sua posizione, sopraelevata rispetto al resto della città.

Le sue mura, di 1,4 km, la dominano interamente e in passato al suo interno erano presenti numerosi edifici, tra cui un caserma e un ospedale militare. Oggi quasi tutti sono poco più che macerie ma alcuni sono parzialmente visibili. Durante il periodo estivo diventa la sede di numerosi festival cittadini e concerti all’aperto, eventi che richiamano molti turisti in vacanza sull’isola.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le 10 cose imperdibili da vedere in Grecia

I Musei di Rethymno

Cosa vedere a Rethymno, il Museo Archeologico
Rethymno, il Museo Archeologico

Tre sono i principali edifici museali da non perdere tra le cose da vedere a Rethymno.
Il primo è il Museo Archeologico, posto in quello che in passato era una prigione turca e non distante dalla fortezza veneziana. Al suo interno sono conservati vari reperti che  risalgono al periodo minoico, quello della nascita della città.
Gli oggetti riferiti al periodo neolitico sono ritrovamenti provenienti da alcune grotte poste poco distanti mentre quelli riferiti all’arte egizia sono conservati in un piccolo padiglione interamente a loro dedicato. Qui meritano una visita i meravigliosi sarcofagi decorati con rappresentazioni di caccia, attività primaria per la sopravvivenza degli antichi abitanti.

Il Museo di storia e folklore ha invece sede in un bel palazzo veneziano eretto nel XVII secolo. La sua collocazione non è casuale: è stato scelto per il suo ambiente, in grado di conservare perfettamente tutti i reperti. Anche l’edificio che lo ospita è un meraviglioso punto di riferimento turistico della città. Tra i padiglioni interessanti quelli che ospitano vari reperti artigianali riferiti alle attività agricole e di caccia e i cimeli che testimoniano l’arte folkloristica di Creta.

Per concludere merita essere visitato anche il Centro di Arte contemporanea, ospitato anch’esso in un palazzo veneziano, tra la fortezza e il Museo Archeologico. Le opere, di vari artisti, sono soprattutto dipinti di Leuteris Kanakakis che completano la collezione permanente insieme a altri artisti di arte greca contemporanea.
Diverse sono le mostre temporanee allestite e a queste si affiancano diverse ulteriori attività quali lezioni, convegni e seminari.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Salonicco, l’antica città nota come Tessalonica

Altro da vedere a Rethymno

Cosa vedere a Rethymno, il porto
Rethymno, il porto veneziano

Tra le altre cose da vedere a Rethymno troviamo la Moschea Neratzi e il suo minareto, costruito postumo nel 1890.
Se invece volete godervi il centro turistico per eccellenza recatevi allora in Piazza Platanos dove troverete il maggior numero di locali e perfetta per visitare la Fontana Rimondi, una delle attrazioni in centro città più visitate.

Da non perdere anche il porto veneziano, luogo dove gli abitanti hanno iniziato a popolare la città, e la vicina loggia risalente al XVI secolo. Una delle più belle vie di Rethymno è invece il Vicolo Lungo che conduce al Parco Nazionale della Fortezza.

Non perdete naturalmente anche la possibilità di fare un bel bagno in quella che è la più grande spiaggia non solo di Rethymno ma anche di tutta Creta. Con la sua lunghezza di oltre 12 km, in direzione Skaleta, avrete modo non solo di bagnarvi nelle meravigliose acque del Mare di Creta ma anche di praticare sport acquatici.

Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2020


Advertisement
Condividi su: