Rapa Nui, la grande Isola di Pasqua

Rapa Nui, la grande Isola di Pasqua


Condividi su:

Rapa Nui, le statue dell’isola di Pasqua

→ Tutti gli articoli del Cile
Rapa Nui, l'isola di Pasqua, mappa
© Apple Maps

icona-articoloIl suo nome polinesiano è Rapa Nui, letteralmente grande isola, ma tutto il mondo la conosce come l’Isola di Pasqua.  Si tratta di un’isola nell’Oceano Pacifico, appartenente al Cile, ma nell’immaginario collettivo è un luogo incantato dove conoscere i Moai. Sono le statue di tufo vulcanico, poste in riva al mare, il principale motivo di notorietà per l’isola.

L’altezza di queste mastodontiche sculture varia tra i due e i dieci metri e alcune hanno parte del corpo interrato. Sulle spalle dei Moai sono incisi alcuni simboli, detti rongorongo, simili ad una scrittura, dei quali non è ancora stato interpretato il significato. Sulla storia di queste enormi statue si sono sviluppate numerose opinioni e leggende.

Il significato dei Moai di Rapa Nui

Cosa vedere a Rapa Nui, i Moai

Rapa Nui ha conservato un migliaio di Moai ancora oggi visibili sull’intera isola.La teoria più accreditata sulla loro produzione è che siano state costruite dai polinesiani a scopo benaugurale. Sarebbero quindi monoliti portatori di prosperità. Tutti i Moai sono rivolti verso l’interno dell’isola, veri giganti di pietra realizzati per proteggere la terra e i suoi abitanti grazie al loro sguardo.

Per visitare l’Isola di Pasqua ideale è fare base presso il villaggio di Hanga Roa, dove, per farsi un’idea della storia del luogo, sarà utile visitare il ⇒ Museo Antropologico Sebastian Englert. Al suo interno l’esposizione propone vari reperti come armi e tavolette votive, appartenuti alle popolazioni locali.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Lo Stretto di Magellano, dove l’Atlantico incontra il Pacifico

Cosa vedere a Rapa Nui

Cosa vedere a Rapa Nui, spiaggia di Anakena
La Spiaggia di Anakena

Nel villaggio c’è l’Ahu Tahai, con alcuni Moai e i resti delle hera paenga, le caratteristiche case dalla forma a canoa. Qui si trova anche la chiesa costruita in legno nella quale la domenica mattina i fedeli si ritrovano in abito tradizionale per cantare inni sacri. L’edificio è l’espressione più alta dell’unione tra il cattolicesimo europeo e le tradizioni locali. Il suo valore architettonico è avvalorato dalle strutture in legno, impreziosite da intagli artistici posti a sostegno del tetto.

Tra le cose da vedere a Rapa Nui troviamo il Parco Nazionale Rapa Nui con molte testimonianze archeologiche. Tra le più interessanti ci sono Ahu Akivi con i Moai orientati per seguire le costellazioni, e Ana Te Pahu con le sue grotte di lava solidificata. All’interno del parco un’altra meta imperdibile è Rano Raraku, la cava sulle pendici di un vulcano. Era proprio al suo interno che i Moai venivano scolpiti, prima di essere portati in riva al mare. Tra le statue meritano quelle rappresentanti figure femmimili, le più rare, e quella di 21 metri di altezza, cosi grande da non poter essere trasportata.

Se avete voglia di mare, tra le cose da vedere a Rapa Nui, potete scegliere Playa Pea, una delle rare spiagge di sabbia dell’isola, o Anakena, la spiaggia più grande e bella di Rapa Nui con una lingua di sabbia bianca lambita da splendide acque e da alte palme.

Ultimo aggiornamento 7 maggio 2021


 

Condividi su: