Panorama aereo su Fam Island, Raja Ampats, Indonesia

Raja Ampat, Indonesia | Cosa vedere nell’Arcipelago Raja Ampat in Indonesia


Condividi su:

Isole Raja Ampat, Indonesia

Leggi tutti gli articoli dell’Indonesia
Mappa delle Isole Raja Ampat, Indonesia
Mappa delle Isole Raja Ampat, Indonesia

Icona articoloIn questo viaggio abbiamo scelto come destinazione le isole dell’arcipelago Raja Ampat, un vastissimo gruppo di isolotti (circa 1500 in totale) perlopiù di morfologia montuosa in Papua Occidentale, Indonesia. Geograficamente appartenente al continente dell’Oceania, le Raja Ampat sono uno dei pochi luoghi al mondo dove la presenza umana pare non aver minimamente interferito o modificato il paesaggio.

Situate nel punto d’incontro tra Oceano Pacifico e Oceano Indiano, le Isole Raja Ampat sembrano uscite da un altro pianeta, tale la loro bellezza quasi surreale. Note tra i nativi indonesiani come le Isole dei Quattro Re, le Raja Ampat riescono facilmente a togliere il fiato dei propri visitatori, con panorami stucchevoli che con difficoltà si potranno dimenticare.

Cosa vedere a Raja Ampat

Vista aerea dall'alto del Love Lagoon Karwapop, la laguna a forma di cuore nell'Arcipelago Raja Ampat
Vista aerea dall’alto del Love Lagoon Karwapop, la laguna a forma di cuore nell’Arcipelago Raja Ampat

Delle 1500 tra isole, isolotti e grandi scogli, appena quattro sono quelle maggiori, con un ammontare di abitanti complessivo che non supera le 30 mila unità. La capitale dell’arcipelago è Waisai, situata sull’Isola Waigeo: fondata nel 2003, questo villaggio (difficile chiamarla città) è la casa di circa 8 mila persone e, ufficialmente, è la capitale della Reggenza Raja Ampat.

Solamente nel XXI secolo questo arcipelago è divenuto noto su scala internazionale come meta turistica, adeguandosi alle crescenti richieste del settore turistico. Fino agli anni ’90, tuttavia, queste isola erano popolate quasi esclusivamente dalle comunità native locali, comprovando la quasi totale purezza del territorio.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Indonesia, cosa non perdere nel quarto paese del mondo

Cosa sapere prima di visitare l’Arcipelago Raja Ampat

Panorama dall'alto dell'Isola di Arborek, Arcipelago Raja Ampat in Indonesia
Panorama dall’alto dell’Isola di Arborek, Arcipelago Raja Ampat in Indonesia

Raja Ampat è un’area geografica praticamente unica nel suo genere. Il già solo fatto di trovarsi nel luogo d’incontro tra Oceano Indiano e Oceano Pacifico suggerisce l’idea di essere in un arcipelago davvero speciale.

Nonostante geograficamente ci si trovi nel continente australiano (Oceania), Raja Ampat può essere raggiunto esclusivamente dall’Asia. Nel dettaglio, la Reggenza Raja Ampat è collegata con le principali isole indonesiane, ma è da qualche anno che sono in cantiere alcuni progetti di intensificazione delle vie di comunicazione con altri paesi dell’Asia e dell’Oceania.

Il clima dell’Arcipelago di Raja Ampat è di tipo tropicale, presentando temperature mediamente calde durante l’intero arco dell’anno. Il periodo più indicato per il turismo è quello estivo, da giugno a settembre, poiché corrisponde alla stagione più secca, che offre oltre che piogge scarse o assenti, un’afa ancora sopportabile.

Sconsigliamo invece il periodo invernale, dato che corrisponde a quello delle piogge più frequenti e abbondanti. Mediamente, in un anno solare, Raja Ampat presenta 125-130 giorni di pioggia, per un totale di 1800-2000 mm di precipitazioni annui. Caratteristica per niente irrilevante è la temperatura del mare, sempre alta tutto l’anno, che si aggira sui 29-30°C.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Le migliori spiagge di Uluwatu, Bali | Dove andare al mare a Uluwatu, in Indonesia

Organizzare una vacanza nell’arcipelago

Vista della spiaggia nell'isola di Waigeo, Raja Ampat
Vista della spiaggia nell’isola di Waigeo, Raja Ampat

Per visitare Raja Ampat è bene tenere a mente che la vacanza non sarà certamente economica. Se è vero che in zone esterne ai circuiti del turismo di massa l’Indonesia è abbastanza economica, non si può dir lo stesso per i voli. Gli spostamenti aerei, come per la grande maggioranza dei viaggi intercontinentali, rappresentano la spesa maggiore, o comunque quella più pesante da affrontare.

Parlando di cifre, per ogni persona bisogna considerare 800-1000€ di spesa per il volo, che potrebbe lievitare qualora aumentino gli scali. Solitamente, senza considerare le soste, dall’Italia raggiungere Raja Ampat richiede dalle 18 alle 24 ore di viaggio aereo. Esistono anche pacchetti all-inclusive, creati soprattutto per le coppie, che comprendono sia il soggiorno (solitamente di 7-10 giorni) che il volo: in questo caso il pacchetto, a coppia, ha un costo che oscilla tra le 3000 e le 5000€, a seconda della struttura che si sceglie.

Bisogna però anche dire che tolto il volo aereo e il soggiorno in hotel o resort, il costo della vita a Raja Ampat è davvero contenuto, si potranno gustare grandi abbuffate di pesce freschissimo per pochi spiccioli. Ma non solo, essendo che l’euro è una valuta che ha un forte impatto sulle province indonesiane, il solo fatto di provenire dall’UE garantisce numerosi vantaggi e comfort, come la prenotazione delle escursioni e degli spostamenti garantite.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Isola di Bali, Indonesia | Cosa vedere a Bali, guida di viaggio completa

Le isole di Raja Ampat

Grandi formazioni rocciose attorno all'isola Vayag, Arcipelago di Raja Ampat, Indonesia
Grandi formazioni rocciose attorno all’isola Vayag, Arcipelago di Raja Ampat, Indonesia

Come vi abbiamo introdotto, l’Arcipelago di Raja Ampat conta oltre 1500 isolotti, quasi tutti prevalentemente montuosi o scoscesi, dei quali solo quattro rappresentano le isole maggiori, quelle popolate e maggiormente turistiche. L’isola di riferimento è quella di Waigeo, la più grande dell’arcipelago, dove si trova la cittadina di Waisai, la capitale amministrativa del Raja Ampat. L’Isola di Waigeo è ubicata tra l’isola di Halmahera nelle Molucche e le coste della Nuova Guinea, da cui dista circa 65 chilometri. Come metrica di riferimento, l’Isola di Waigeo è di poco più piccola (come superficie) del Molise.

Ben più piccola è invece l’Isola di Batanta, che con i suoi rotti 450 km2 è di circa otto-nove volte più piccola di quella di Waigeo. Batanta è una rinomata destinazione escursionistica, prediletta soprattutto da chi pratica trekking e hiking: qua merita assolutamente visitare il monte Gunung Batanta, la cui sommità raggiunge i 1180 metri.

Salawati è la terza maggiore isole di Raja Ampat, quasi interamente ricoperta da una fitta macchia di foresta equatoriale, dentro la quale vive una ricchissima biodiversità: la consigliamo a chi ricerca una località più selvaggia. Ultima, ma non per importanza, è Misool, al cui interno sono presenti tante piccole cittadine e villaggi in cui risiedono i nativi indonesiani. Misool è soprattutto nota per i suoi fondali marini, considerati tra i più ricchi dell’Indocina, in particolare per la loro fauna ittica, molto variegata e colorata.


 

Condividi su: