Strade del centro della città di Puebla, varie facciate dai colori accesi e bei panorami

Puebla, la città Patrimonio UNESCO | Cosa vedere a Puebla de Zaragoza, Messico


Condividi su:

Cosa vedere a Puebla, viaggio nella coloratissima città tra le più belle e affascinanti del Messico

Leggi tutti gli articoli del Messico

Mappa di Puebla, Messico

Icona articoloIncastonata nel cuore del Messico centrale, la città di Peubla – capitale dell’omonimo stato messicano – è considerata una delle più belle città del paese. Caratterizzata dal suo centro storico, lo Zocalo, dichiarato Patrimonio UNESCO, Puebla è una vivace metropoli di poco più due milioni e mezzo di abitanti. La città vanta un tessuto spesso di cultura folcloristica, composta da tradizioni secolari, mitici eroi popolari e artisti leggendari.  Ed è proprio l’arte uno degli elementi di maggior rilievo per Puebla: nel suo centro storico basta solo passeggiare per scoprire le più inimmaginabili forme d’arte.

Dalle variopinte facciate degli edifici storici sino ai magnifici monumenti celebrativi. Puebla è una garanzia per chi ricerca una destinazione alternativa a Città del Messico, senza che però ci si allontani troppo dalla capitale. Questa stupenda metropoli dal fascino euro amerindo dista poco più di centotrenta chilometri da Città del Messico, fondamentale elemento che la rende molto interessante per le escursioni giornaliere. Visitare Puebla significa scoprire una delle più interessanti città del Messico, nonché una delle più ricche in termini storici e culturali.

Il periodo migliore per visitare Puebla è senza dubbio quello in concomitanza al Dia de los Muertos, il leggendario Giorno dei Morti che si tiene a cadenza annuale il 31 ottobre e l’1-2 novembre. Questa è con tutta probabilità la più famosa – e affascinante – festa del Messico, le cui celebrazioni trasudano fascino e folclore, e Puebla si mostra in tutto il suo splendore e bellezza. La città è ufficialmente chiamata Puebla de Zaragoza, ma in tutto il Messico è conosciuta come Puebla de los Angeles, “La città degli Angeli”. Non ci resta che scoprire cosa vedere a Puebla de Zaragoza, la variopinta città del Messico.

Cenni storici

Visuale panoramica sulle torri della Cattedrale di Puebla e sul centro storico della città
Visuale panoramica sulle torri della Cattedrale di Puebla e sul centro storico della città

Heroica Puebla de Zaragoza. La città eroica del Messico. Solo il nome riesce a suggerirci quanto Puebla sia una città ricca di storia e fascino. La principale vocazione turistica della città è data dallo Zocalo, il caratteristico centro storico di Puebla, di così alto interesse artistico e storico che è insignito come Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Un vero e proprio museo a cielo aperto.

Per scoprire l’autentico carattere suggestivo della città è sufficiente indossare un paio di scarpe comode, con le quali passeggiare in lungo e in largo nel centro storico. Basta poco per percepire la monumentalità di questa città, che conta alle proprie spalle ben 500 anni di storia: la città fu fondata nel lontano 1531.

Il suffisso Heroica nel toponimo cittadino gli è stato assegnato in commemorazione della battaglia contro i francesi del 5 maggio 1862. Scontro in cui la città riuscì gloriosamente a contrastare l’avanzata della milizia francese, entrando negli annali del Messico

. Anche se i messicani, giusto poche settimane più tardi, furono costretti ad arrendersi contro gli invasori, questa data rimane (e rimarrà eternamente) nella memoria popolare come eroico esempio di coraggio e forza. Questa data è stata perfino resa una festa nazionale in Messico e Stati Uniti d’America, il Cinco de Mayo, in cui il popolo organizza celebrazioni solenni per ricordare le imprese dei propri antenati in battaglia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Città del Messico, la ciudad dal fascino euro-amerindio

Cosa vedere a Puebla, le principali attrazioni cittadine

Lo Zocalo della città di Puebla è uno tra i centro storici meglio conservati del Messico.
Lo Zocalo della città di Puebla è uno tra i centro storici meglio conservati del Messico.

Giunti finalmente in città è tutto pronto per scoprire quali siano le attrazioni da visitare assolutamente. La città di Puebla straripa di chiese e monumenti, offrendo anche un’interessante patrimonio museale, in cui si testimonia il carattere artistico e lo splendore storico di questa antica metropoli. La città è molto grande, per scoprirla dettagliatamente non basterebbe forse nemmeno un mese.

Niente panico: abbiamo organizzato un itinerario con le principali attrazioni turistiche, che potrete seguire a vostro piacimento, modulandolo con il tempo che avete a disposizione. In merito, nulla vieta di organizzare una gita giornaliera, ma per riuscire a visitare a dovere le principali attrazioni turistiche è bene riuscire a fermarsi almeno per tre giornate abbondanti. Dopo di che, più è il tempo che avete disposizione, più saranno le attrazioni che visiterete e le escursioni che vivrete.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Durango, un territorio incontaminato del Messico

Lo Zocalo

Veduta aerea di Puebla in Messico e della sua chiesa
Veduta aerea di Puebla in Messico e della sua chiesa

A prescindere da tutto, l’unica tappa che assolutamente è imprenscindibile è quella allo Zocalo, o Piazza Principale, il nucleo antico di Puebla. Come segnalato, lo Zocalo di Puebla è dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO ed è considerato popolarmente come uno dei centri storici meglio conservati di tutto il Messico. Oggi la Piazza Principale rappresenta non solo un’importante attrazione turistica, ma anche il fulcro della movida cittadina e il punto di riferimento per lo sviluppo della città. Da qua si avrà modo di visitare tutte le principali attrattive turistiche, prima tra tutte le stupenda Cattedrale di Pueblo.

La Cattedrale dell’Immacolata Concezione (Nuestra Señora de la Inmaculada Concepcion) è il principale edificio religioso non solo della città di Pueblo, ma di tutto l’omonimo stato messicano, facilmente riconoscibile per le due alte torri che s’ergono dai lati della facciata. Giusto adiacenti troviamo il Municipio di Puebla, tra gli edifici più antichi della città – di quelli giunti a noi – e le magnifiche porte monumentali a Hidalgo, Morelos e Benito Juarez. A completare il già ricchissimo patrimonio che lo Zocalo vanta troviamo l’antica Fontana di San Miguel, installata nel lontano 1777.

Troviamo anche tanti altri monumenti storici davvero interessanti. Uno dei più curiosi (e affascinanti) è la Chiesa di San Francesco, che si caratterizza per l’eclettica facciata a tre colori contrastanti. Non molto distante dalla chiesa si trovano poi il Convento di San Domenico e quello di Santa Rosa. Il Convento di Santa Rosa è soprattutto noto oggi per ospitare uno dei principali centri espositivi di Puebla: un museo di arte popolare, con manufatti originali molto suggestivi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Huatulco, vacanza nel mare del Messico

Forti di Loreto e Guadalupe

Il Forte di Guadalupe rappresenta invece il principale monumento militare conservato in città. Da qua si può godere di uno dei più spettacolari panorami sulla città e anche questo è un luogo dalla storia ricchissima. È stato infatti teatro di molti dei principali scontri militari avvenuti nel XIX secolo, nonché luogo in cui le forze messicane riuscirono a contrastare l’avanzata dei francesi.

Altrettanto importante è il Forte di Loreto (o Cerro di Loreto), poco distante da quello di Guadalupe. Entrambi rappresentavano originariamente delle cappelle costruite in cima alla collina di Acueyametepec. Nel XIX secolo furono ricostruite e rielaborate per scopi militari e rappresentano il principale luogo d’avvenimento della battaglia e dell’assedio di Puebla. Oggi sono entrambi dichiarati Patrimonio Storico del Messico.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona San Miguel de Allende, Messico | La città coloniale messicana

La Biblioteca Palafoxiana

Biblioteca Palafoxiana di Puebla in Messico
Biblioteca Palafoxiana di Puebla in Messico

Intitolata al suo fondatore, il vescovo Juan Palafox y Mendoza, la suggestiva Biblioteca Palafoxiana rappresenta una delle più importanti nel proprio genere in Messico. È principalmente adibita a raccoglie e custodire il patrimonio documentale relativo alla città e Stato di Puebla quanto di tutto il Messico, vantando un ricchissimo e prezioso archivio. Nelle sue eleganti sale interne sono custoditi e talvolta anche esposti numerosi documenti risalenti all’epoca dei Gesuiti.

Questo patrimonio letterale sarebbe andato completamente perso secoli fa, a causa della violenta espulsione dell’Ordine di San Ignacio dai territori coloniali spagnoli da parte di Carlo III. Fortuna vuole che il vescovo Francisco Fabian riuscì a catalogare, archiviare e mettere al sicuro i documenti, dando in eredità alla città una delle più vaste raccolte di documenti scritti del paese.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Le cascate più spettacolari del Messico

La città di Cholula e la Piramide di Tepanapa

Vista su una porzione della Piramide di Tepanapa
Vista su una porzione della Piramide di Tepanapa

Prima di terminare il nostro viaggio a Puebla non si deve assolutamente perdere la tappa presso la città di Cholula, distante una dozzina di chilometri in direzione dei grandi vulcani. La città è considerata uno dei massimi esempi di arte religiosa messicana che si sono integrati alle maestose costruzioni precolombiane della zona. La città rappresenta la culla del regno di Quetzalcoatl. La città divenne uno dei più importanti centri nell’epoca di massimo splendore di Teotihuacan, passando poi nelle mani dei Toltechi, che introdussero il culto di Quetzalcoatl, che trova la propria maggiore rappresentazione nella grande piramide di Tepanapa.

La Piramide di Tepanapa è a dir poco enorme, la più larga piramide al mondo, composta da una base lunga poco più di quattrocentocinquanta metri, con un’altezza che tocca i sessantasei metri. Non la più alta (la ⇒ Piramide di Cheope raggiunge i centoquarantasette metri) ma per certo la più imponente, con un’impressionante volume di sette milioni di m3, tre volte quello della maggiore piramide egiziana. Dalle immagini è difficile capire le reali dimensioni del monumento. Dal vivo, però, è a dir poco impressionante.


 

Condividi su: